Come impugnare una sentenza

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le beghe legali non mancano mai, quotidianamente la gente si trova a dover far valere i propri diritti o a farsi riconoscere un ingiustizia subita. Sarebbe bello se ci fosse sempre una netta separazione tra bene e male affermando la certezza che chi è nel giusto ha sempre ragione. Purtroppo non è sempre così e puoi capitare che pur avendo ragione, la sentenza sia sfavorevole per una serie di motivi. Ma per i più tenaci e combattivi, non può finire così, quindi si devono passare ai gradi successivi, sperando di ottenere giustizia.
Vediamo dunque, con questa guida, come impugnare una sentenza.

26

Occorrente

  • Atto d'Appello
  • Buon avvocato
36

Prima di iniziare, va ricordato che recentemente sono stati apportati dei rincari ai processi civili, ciò vuol dire che impugnare una sentenza, costerà di più. A questo punto è lecito valutare se vale la pena impugnare un verdetto. In ogni caso, per impugnare una sentenza, non serve altro che un buon avvocato, in grado di analizzare se ci sono le basi per farlo. È importante sapere che se il giudizio è stato perso per una dimenticanza, in appello sarà difficile rimediare poiché la nuova deliberazione avverrà sul fascicolo processuale precedente e non sono contemplate nuove aggiunte.

46

L'appello viene proposto con un atto di citazione nel termine di trenta giorni dal deposito della sentenza di primo grado. Di recente la Corte di Cassazione, ha introdotto un'aggiunta, specificando che se la prima sentenza non è stata notificata alla controparte, i termini di decorrenza per l'impugnazione si allungano a sei mesi. La possibilità di ricorso, e quindi di impugnare una sentenza, è applicabile ai tre ambiti giudiziari (civile, penale, amministrativo) con qualche piccola differenza.

Continua la lettura
56

Sarà premura dell'avvocato formulare correttamente l'atto d'appello indicando, quali sono le parti del giudizio che si intendono impugnare, eventuali modifiche della ricostruzione dei fatti avvenuta precedentemente e così via, tutto ciò è obbligatorio, pena l'inammissibilità. L'accettazione o meno delle motivazioni è a discrezione del giudice di secondo grado. Se l'istanza sarà rigettata, vuol dire che è confermato il giudizio di primo grado.
Con l'accoglimento, il giudice decide se annullare o modificare in parte, la prima sentenza. Dopo una valutazione preliminare, la corte d'appello riesaminerà i documenti e le prove, e ascolterà le parti. A questo punto deciderà se confermare il primo giudizio oppure no. Se neanche questa volta si è avuta giustizia, resta l'ultima speranza: la Corte di Cassazione.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come ottenere una sentenza contro un debitore

Spesso ci si ritrova in situazioni paradossali dove l'elargitore di una somma di denaro o di un bene materiale veda sfumare la sua fonte di guadagno o l possibilità di avere indietro il suo denaro. In questi casi come muoversi? L'unica soluzione che...
Richieste e Moduli

Come impugnare un testamento olografo

Come vedremo nel corso di questa breve guida, in base alla normativa attualmente vigente, ogni persona interessata può impugnare un testamento olografo, allo scopo di farne valere l'invalidità (ovvero la nullità e l'annullabilità dello stesso). Se...
Richieste e Moduli

Come impugnare le delibere condominiali

Almeno una volta all'anno l'amministratore di condominio ha l'obbligo di convocare un'assemblea condominiale. In caso di necessità, si possono effettuare delle assemblee straordinarie. I punti obbligatori sono le dimissioni e la nomina del nuovo amministratore....
Richieste e Moduli

Come impugnare una contravvenzione

Il foglietto bianco sotto il parabrezza o la lettera raccomandata che non avresti voluto ricevere: una contravvenzione è sempre una brutta sorpresa e ci sono occasioni in cui, magari a buon diritto, ritieni che non avrebbero dovuto mettertela. Il rispetto...
Richieste e Moduli

La perizia grafica: principali informazioni

La perizia grafica è da sempre lo strumento che consente di conoscere al 100% se una firma, un manoscritto o qualsiasi altro documento stilato manualmente, è vero o falso. Moltissime sono infatti, le persone che ogni anno chiedono ad un Giudice di...
Richieste e Moduli

Come presentare un ricorso per Cassazione

Come vedremo nel corso di questa guida, sulla base della normativa attualmente vigente, il ricorso per Cassazione è uno strumento legale che permette al soggetto di impugnare le sentenze pronunciate dai giudici in appello o in unico grado, caratterizzate...
Richieste e Moduli

Come fare ricorso al TAR

T. A. R. È l'acronimo di tribunale amministrativo regionale ed ogni comune cittadino può ricorrervi se si sente vittima di un’ingiustizia di carattere amministrativo. In Italia i tribunali amministrativi regionali sono 20, hanno sede nel capoluogo...
Richieste e Moduli

Atto di precetto: come difendersi

Con l'espressione atto di precetto si intende far riferimento alla procedura mediante la quale il creditore notifica al proprio debitore l'intenzione di dare inizio ad un'esecuzione forzata. È pertanto necessario, prima di cominciare l'esproprio dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.