Come impostare una lettera al datore di lavoro

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Nei rapporti interpersonali con amici, parenti e famigliari è normale usare un linguaggio informale. Con chi ci è caro e vicino utilizziamo termini e forme leggere, confidenziali. Questo è perfetto in contesti informali e rilassanti, con persone che ci conoscono intimamente. Ma nel mondo professionale è fondamentale usare un registro formale. Ognuno di noi potrebbe avere bisogno di scrivere una lettera al proprio datore di lavoro. Questa figura professionale è un nostro superiore, e pertanto dobbiamo mostrargli il giusto rispetto. Esistono alcune regole da rispettare nell'impostare correttamente una lettera al proprio datore di lavoro. Nei prossimi passaggi vedremo come fare.

25

Occorrente

  • Foglio di carta
  • Penna
  • Busta per lettere
35

L'intestazione

Le lettere formali prevedono sempre un formato e delle regole specifici. Bisogna rispettare una certa composizione e forma, con un registro lessicale e grammaticale preciso. Si parte sempre dall'intestazione, da scrivere nella porzione in alto a destra del foglio. Nel nostro caso ci rivolgeremo a una precisa persona fisica. La formula corretta di apertura è la seguente: "Alla cortese attenzione dello Spett. Le Dott. Mario Rossi". Nell'esempio qui presente, "Dott." e "Mario Rossi" sono titolo e nome immaginari di un ipotetico datore di lavoro. Dopo "Spettabile" inseriremo sempre titolo (se lo conosciamo) più il nome del datore. Se non conosciamo il suo titolo, possiamo usare "Sig./Sig. Ra".

45

L'oggetto e l'introduzione

Dopo qualche riga in bianco di separazione, descriveremo l'oggetto della missiva. Scriveremo quindi "Oggetto:" seguito dalla motivazione della nostra lettera. Saltiamo un'altra riga e iniziamo il corpo vero e proprio della lettera. Questa inizierà rivolgendosi al datore con formule quali "Egr." (egregio), Gent. Le (gentile), Gent. Mo/Gent. Ma (gentilissimo/gentilissima). A questa formula uniremo subito il titolo e il nome del datore di lavoro. Seguirà quindi una frase introduttiva che darà un contesto più chiaro alla nostra lettera. Formule come "In riferimento alla Sua richiesta" o "Come da accordi precedenti" danno indicazioni sul contesto precedente che ha portato alla formulazione della lettera.

Continua la lettura
55

Il corpo centrale, i contatti e la conclusione

Dedichiamoci quindi alla stesura del testo, senza essere prolissi. Ricordiamo di usare sempre il Voi o il Lei mentre ci rivolgiamo direttamente al datore di lavoro. Al termine inseriremo i dati utili al contatto, con formule come "Per ogni ulteriore comunicazione, contattare il sottoscritto al numero [...]". Dopo "sottoscritto" inseriremo il nostro nome e cognome. Infine chiuderemo con delle conclusioni e dei saluti. La formula "Ringraziando per la cortese attenzione, porgo i miei più cordiali saluti" è adatta al registro formale. Alcune righe più sotto inseriremo la data e la località in cui ci troviamo. In basso a destra inseriremo, come ultimo elemento, la nostra firma (nell'ordine: nome e cognome).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come Presentare Una Richiesta Di Permesso Al Datore Di Lavoro

Se avete necessità di richiedere un permesso retribuito ma non disponete di un modulo da compilare e presentare al vostro datore di lavoro, all'interno della seguente guida troverete alcuni consigli utili per formulare correttamente la vostra richiesta...
Lavoro e Carriera

Come agire in caso di contributi non versati da parte del datore di lavoro

In questo articolo abbiamo pensato di affrontare un problema che purtroppo, molto spesso, affligge molti lavoratori. Vogliamo parlare di come poter agire nel caso in cui abbiamo dei contributi, che non vengono versati, da parte del nostro datore di lavoro....
Lavoro e Carriera

Come relazionarsi Con il Datore Di Lavoro

Il lavoro è sicuramente un qualcosa di fondamentale importanza. In numerose sono infatti le professioni che possiamo svolgere e che vanno per esempio dall'operaio in fabbrica e dal cuoco, fino ad arrivare a liberi professionisti quali per esempio dentisti...
Lavoro e Carriera

Come chiedere una referenza al nostro ex datore di lavoro

Quando si è alla ricerca di un nuovo impiego vengono richieste delle referenza ai propri ex datori di lavoro, ma la persona può proporne qualcuna direttamente nel proprio curriculum vitae. Spesso le relazioni con il vecchio datore non sono ottimali;...
Lavoro e Carriera

Come avere un buon rapporto con il proprio datore di lavoro

Il rapporto con il proprio datore di lavoro è un rapporto di tipo gerarchico, non sempre fondato sulla condivisione di interessi. Conflitti, tensioni e incomprensioni sono possibili e frequenti, ma ciò non toglie che queste situazioni problematiche...
Lavoro e Carriera

Come contattare via e-mail un possibile datore di lavoro senza errori

Questa guida offre consigli su come contattare senza errori un possibile datore di lavoro utilizzando un'e-mail. L'approccio iniziale può avvenire con due modalità: la risposta ad un annuncio (su riviste, siti web, portali specifici, etc.) o l'auto-candidatura....
Lavoro e Carriera

Come comunicare al datore di lavoro la gravidanza

Il mondo del lavoro può diventare un ambiente ostico specialmente per le donne, nonostante una teorica "uguaglianza" di diritti che non rispecchia la realtà: infatti è notizia di questi giorni come lo stipendio di una donna rimane più basso rispetto...
Lavoro e Carriera

Come scrivere la lettera di dimissioni

Oggigiorno il mondo lavorativo, soprattutto in italia, ha subito dei profondi cambiamenti a causa della crisi economica e della conseguente carenza di posti di lavoro. Ma ciò nonostante, ci sono alcune persone che per diversi motivi sono costretti a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.