Come guadagnare investendo in titoli di stato

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Investire in titoli e obbligazioni potrebbe veramente essere rischioso, visti i tanti fallimenti nelle grandi imprese. Ciò nonostante un modo per far fruttare i propri risparmi senza rischiare tantissimo c'è, ed è quello di investire in titoli di stato, come i buoni del tesoro. Come si può facilmente intuire la tassazione più bassa crea altro reddito, di cui si deve tener conto quando si effettuano operazioni finanziarie del genere. È doveroso osservare che la finanza non è un gioco, quindi occorre essere almeno un po' competenti sui mercati finanziari prima di fare investimenti. Ecco come guadagnare investendo in titoli di stato.

25

Occorrente

  • analisi dei rendimenti
35

Valutare i rendimenti.

Il primo passo da compiere quando si vuole fare qualsiasi investimento è quello di valutare i rendimenti. Il regime fiscale impone infatti un costo di deposito annuo di 34,2 euro, questo significa che se il nostro deposito non riesce a coprire con le rendite (e con l'eventuale tassazione del 12,5%) il prezzo di gestione da pagare per l'investimento, non conviene assolutamente investire, perché i costi supererebbero i ricavi e l'investimento diverrebbe negativo. Per esempio, se investiamo 300 euro e abbiamo un rendimento del 10% annuo, significa che prenderemo 30 euro ogni anno di rendimento, che tolti i 34,2 euro di costo fisso, si tramuterebbe in una perdita di 4,2 euro ogni anno dal nostro capitale investito di 300 euro.

45

Capital gain o rendimenti

Ci sono due modi per guadagnare con i titoli di stato. Il primo è quello classico che tutti conosciamo, e cioè guadagnare grazie ai rendimenti che i titoli ci offrono. Ogni sei mesi vengono infatti versati sul nostro conto corrente le rendite che abbiamo avuto dai nostri risparmi investiti. Un secondo modo, che è senza dubbio quello più redditizio, è rappresentato dal capital gain, cioè dalla vendita dei titoli appena acquistati ad un prezzo più alto di quello che li abbiamo pagati. La variazione dei prezzi dei titoli, dipende dall'andamento e dalla stabilità dello stato che li ha emessi. Problemi politici o frasi allarmistiche dei capi di stato o di governo potrebbero farli infatti variare.

Continua la lettura
55

BOT o BTP

Ora occorre riflettere sul tempo, cioè sull'orizzonte temporale che pensiamo di far durare l'investimento. In parole semplici dobbiamo capire per quanti anni possiamo tener fermi i nostri risparmi. L'investimento può essere fatto con i BOT o con i BTP (esistono altri titoli di stato ma qui esamineremo quelli più importanti nonchè più convenienti). Questi due titoli differiscono tra loro nella durata. I BOT hanno una durata massima di 36 mesi, mentre i BTP hanno un limite minimo di durata di 36 mesi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come tutelare i propri risparmi

L'andamento economico degli ultimi anni ha messo un po' in allarme i risparmiatori. Purtroppo con l'entrata dell'euro pochi sono i soldi che i risparmiatori possono mettere da parte. Prima la gente dopo la la spesa quotidiana, metteva da parte qualcosa....
Finanza Personale

Come investire a breve termine

Chi possiede una certa quantità di denaro ed ha bisogno di farla fruttare in qualche modo può scegliere di avviare un investimento a lungo oppure a breve termine. In quest'ultimo caso il fattore di rischio è senz'altro più alto rispetto a chi decide...
Finanza Personale

Guida ai tipi d'investimento finanziario

Il mercato finanziario è molto complesso e le possibilità di investimento sono tante: azioni, obbligazioni, fondi comuni, polizze ed altro ancora. Per cui, scegliere un investimento è sempre più difficile, soprattutto per chi non è competente in...
Finanza Personale

Come e dove investire la liquidazione

La gestione della liquidazione -o TFR (trattamento di fine rapporto) o ancora buonuscita- a partire dal 2007, con la legge Finanziaria dello stesso anno, può essere svolta in modalità privata dal lavoratore subordinato qualora avesse attiva una cassa...
Finanza Personale

Come guadagnare con un piccolo investimento

La finanza è un settore molto rischioso, anche per i più esperti, poiché si può puntare su qualcosa senza futuro o, peggio, investire in un momento sbagliato. L'ideale, al fine di evitare di perdere molti soldi, è di provare ad investire delle piccole...
Finanza Personale

Come fare un piano di investimento

Nonostante il periodo di crisi, tanti "risparmiatori" guardano al futuro auspicando un andamento economico migliore e vorrebbero investire anche soltanto delle piccole somme di denaro, ma non sanno a chi rivolgersi oppure come occorre procedere efficacemente....
Finanza Personale

Come investire i tuoi risparmi

Investire il denaro non è sempre così facile, ma sicuramente non è necessario essere dei maestri di borsa o dei laureati in finanza. In questa guida vi daremo una mano su come investire i vostri risparmi. Molte banche conclamano con pubblicità "affidaci...
Finanza Personale

Come investire il capitale a rendimento garantito

Se siamo riusciti a mettere da parte un bel gruzzoletto di denaro, occorre valutare l'idea di investirli, in modo da conseguire un rendimento. Nell'ambito del mercato finanziario, le offerte sono molteplici e, a primo acchito, sembrano tutte vantaggiose....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.