Come guadagnare con i bot

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) sono titoli di Stato (o obbligazioni) della durata massima di 12 mesi. Si tratta, quindi, di uno strumento finanziario, o meglio di investimento. Con i BOT, infatti, è possibile guadagnare buone somme di denaro. La cosa importante è ricordare che con il denaro non si scherza e che ogni investimento, seppur sicuro, comporta sempre i suoi rischi. Di seguito saranno illustrate alcune regole generali per poter incrementare il proprio guadagno.
Vediamo dunque, con questa guida, come guadagnare con i BOT.

26

Occorrente

  • Buoni Ordinari del Tesoro
36

L'emissione dei BOT avviene da parte del Governo attraverso apposite aste cui non possono, certamente, partecipare tutti, ma solamente i cosiddetti intermediari finanziari, che agiscono per i loro clienti (nella maggioranza dei casi si tratta degli istituti bancari). Negli ultimi 30 anni il rendimento dei BOT è sceso notevolmente, passando dal 18% del 1983 al poco meno del 4% nel 2007 (come evidenziato dall'immagine a corredo).

46

Guadagnare con i BOT significa anche, in primo luogo, cercare di risparmiare in fase di acquisto. È, infatti, acquistando al minor prezzo che si può sperare di ricavare un tantino in più. La prima regola è quella di acquistare i titoli direttamente quando vengono emessi. In questo modo ci si mette al riparo dalle commissioni delle banche (che sono i nostri intermediari) che in questo caso devono rispettare un tetto massimo (che dipende dalla durata del BOT) che va dallo 0,05% allo 0,3%. L'importo minimo che dobbiamo spendere è di 1000 euro. È sufficiente, per procedere all'acquisto, comunicare alla banca la nostra intenzione almeno un giorno prima dell'asta. Il calendario è consultabile sempre all'interno del sito del Ministero del Tesoro.

Continua la lettura
56

Adesso, per guadagnare di più, bisogna sempre calcolare il rendimento, tenendo sempre conto sia delle commissioni che delle tasse applicate all'investimento stesso. Supponiamo, ad esempio, che lo Stato emetta dei BOT al prezzo di 96€ e che ne acquistiamo 50 per una durata di 6 mesi. Senza commissioni spenderemmo 96x50 ovvero 4800€. Considerato il valore nominale di ogni BOT che è uguale a 100 sottraiamo da questo valore quello che abbiamo speso e abbiamo il nostro guadagno per quel BOT. Questi soldi sono, però, lordi. La tassazione è infatti prevista solo sul guadagno per cui dobbiamo calcolare il 12,5% di questa somma, ovvero 0,50. Già così il titolo è stato pagato 96,50 euro. Aggiungiamo la commissione bancaria sul valore nominale, ovvero 100. Così facendo, il nostro guadagno non è più di 4€ ma di 3,30€.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Come acquistare titoli di stato online

Il Ministero dell'Economia per finanziare il debito pubblico emette per conto dello Stato delle obbligazioni che prendono il nome di Titoli di Stato. Con il progredire della tecnologia, e con lo sviluppo di internet è ormai possibile acquistare online...
Banche e Conti Correnti

Come depositare del denaro in banca

Talvolta capita che regali o piccoli lavori ci facciano guadagnare una piccola somma in contanti che desideriamo versare sul nostro conto bancario: piccoli risparmi, grandi somme tenute in casa, regali, od altro. Capita piuttosto frequentemente. Vedremo...
Banche e Conti Correnti

Come calcolare il valore di una rendita perpetua

Come avrete occasione di poter comprendere tramite la lettura dei quattro passi a composizione della nostra guida, ora andremo a spiegarvi come calcolare il valore di una rendita perpetua. Possiamo incominciare le nostre valutazioni su una tematica che,...
Banche e Conti Correnti

I migliori conti correnti per investire

Quando dobbiamo investire dei soldi, conviene ovviamente informarsi quale banca offre le migliori soluzioni dove affidare i nostri guadagni. Ormai, aprire un conto corrente è facilissimo, e spesso non c'è nemmeno nessun costo e nessun vincolo. Guardando...
Banche e Conti Correnti

Come funzionano i certificates a capitale protetto

I certificates sono strumenti di debito che vengono emessi dalle banche. Il valore di questi certificati cartolarizzati è incostante e dipende totalmente da un altro movimento di natura finanziaria che viene definito sottostante nel gergo monetario....
Banche e Conti Correnti

Come comprare futures tramite il conto Bancoposta

Mantenere immobili i propri risparmi, seppur in periodi di bassa inflazione, risulta essere fortemente antieconomico, non fruttando alcun guadagno e arrivando, in presenza di determinati contratti ci conto corrente, a farci perdere anche qualcosina. Proprio...
Banche e Conti Correnti

I conti deposito con maggiore tasso di rendimento

I conti deposito hanno come loro peculiarità, a differenza dei conti classici, il fatto di garantire ai depositari un maggior profitto sul capitale che è stato depositato in banca. Questa tipologia di conto non presenta spese aggiuntive, offre tassi...
Banche e Conti Correnti

Come calcolare la percentuale di profitto quando si vende un titolo

Esistono numerosi tipi di titoli diversi tra loro, ovvero titoli di debito come le obbligazioni ed i certificati di investimento ed i titoli di capitale come le azioni. I primi attribuiscono al possessore la qualifica di creditore della società emittente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.