Come gestire uno sciopero dei dipendenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le aziende più funzionali creano nei dipendenti una forte propensione al lavoro e fanno sì che essi non si sentono sfruttati. Infatti, il dipendente diventa un vero e proprio collaboratore dell'azienda. Spesso si assiste a scioperi dei dipendenti che causano situazioni di scissione e incomprensione con i capi. Vediamo come si può gestire uno sciopero dei dipendenti trovando dei modi che garantiscono sia benessere e prosperità all'azienda che reciproca intesa.

24

I motivi

Vari sono i motivi per i quali i dipendenti possono scioperare. La prima cosa è eliminare la parola dipendente e sostituirla con quella di collaboratore. I dipendenti spesso amano mettersi in gioco per la propria azienda e non vogliono essere sfruttati. Lo sciopero è una forte tensione interna; i dipendenti si sentono negare un proprio diritto o un po' di libertà ed insorgono con manifestazioni che è meglio evitare.

34

Un capo-leader

Sicuramente in ogni azienda ci può essere un valido capo-leader ben disposto al dialogo con i propri collaboratori. L'azienda è infatti una creazione che ha bisogno di essere stabile e di prosperare; scioperi inutili non servono e non è utile nemmeno far arrivare i collaboratori a delle situazioni estreme che portano a scioperare. Per placare lo sciopero è indispensabile la buona volontà, l'arte del dialogare, ma soprattutto quella dell'ascoltare che può dare all'azienda delle grandissime soddisfazioni. Nelle aziende di successo i dipendenti si sentono parte integrante dell'azienda e sono contenti per il suo benessere e per la sua crescita. Comunque se i dipendenti scioperano ci sono delle misure che si possono adottare per garantire il benessere di tutti.

Continua la lettura
44

Stress e tensione

Quando si è di fronte ad uno sciopero non bisogna mai opporsi con la forza; è una situazione di stress e tensione causata da un clima di oppressione. Opprimere non serve in quanto può essere lo stress ed il malumore la causa del calo della produzione. Bisogna placare uno sciopero parlando con il leader; egli è la figura di riferimento da cui si sentono ascoltati e valorizzati. Un abile capo d'azienda deve cercare il dialogo con il leader dei dipendenti. Avere un ottimo capo-leader che discute dei problemi e dei malumori dà prova ai dipendenti di trattarli con il dovuto rispetto. Il dialogo è il mezzo più idoneo per gestire uno sciopero. Si può creare all'interno dell'azienda un consiglio con i rappresentanti dei dipendenti per evitare di portare lo sciopero a situazioni drastiche.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

10 modi per incentivare i dipendenti a lavorare con passione

In un luogo di lavoro, non è sempre facile trovare il clima giusto, adatto alle proprie esigenze. In realtà però, esistono vari modi per incentivare i dipendenti a lavorare con passione. Se siete a capo di un'azienda e avete dei dipendenti, eccovi...
Aziende e Imprese

Come organizzare un corso di inglese in azienda per dipendenti

In questo articolo vi daremo certi consigli su come organizzare un corso di inglese in azienda per dipendenti. La lingua inglese è diventata imprescindibile oggigiorno in qualsiasi situazione lavorativa. È bene quindi che la maggior parte dei dipendenti...
Aziende e Imprese

Come trattare gli anticipi ai dipendenti in contabilità generale

Generalmente le imprese di grandi dimensioni, riconoscono al personale degli anticipi sulle spettanze già maturate. Dal punto di vista del datore di lavoro, tali anticipi fanno sorgere dei crediti verso i dipendenti, che poi devono essere registrati...
Aziende e Imprese

Come tassare i beni-Omaggio acquistati dal libero professionista per i propri dipendenti

In prossimità delle festività natalizie numerose aziende e liberi professionisti si attivano per acquistare beni da omaggiare ai propri clienti, fornitori o dipendenti. I professionisti e gli studi associati che acquistano beni per cederli a titolo...
Aziende e Imprese

Come migliorare la produttività dei dipendenti

Per le imprese di successo, la gestione, ha sempre un occhio puntato sulla linea inferiore. Uno dei tanti fattori che influenzano direttamente la redditività di un'impresa è la produttività dei dipendenti. Senza dubbio, se un dipendente è ben integrato...
Aziende e Imprese

Come incentivare i dipendenti

Negli ultimi anni le politiche degli uffici del personale delle imprese sono cambiate radicalmente, infatti, l'azienda è riconoscente al personale impiegato e cerca di incentivarlo per migliorare il rendimento e dare vita ad un maggiore profitto ed interesse...
Aziende e Imprese

Come rimproverare i dipendenti in modo efficace

Si sa che qualsiasi mestiere ha dei doveri e dei diritti per i dipendenti ed anche per il datore di lavoro. Al capo spetta però di mettere i propri lavoratori in riga, quando si verrà a verificare un problema dovuto a negligenza. Se avete attorno a...
Aziende e Imprese

Come gestire le paghe

Se anche voi siete i titolari di un attività commerciale o un impresa, o semplicemente lavorate nell'amministrazione di qualche azienda sicuramente vi occupate della gestione del libro paga e dei pagamenti. Una corretta gestione degli stipendi e la puntualità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.