Come gestire un asilo nido aziendale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La gestione di un asilo nido aziendale è abbastanza difficile in quanto bisogna soddisfare sia le esigenze dei lavoratori che quelle dei loro bambini. In questo modo oltre a creare una buona immagine dell'azienda si ha anche la possibilità di creare un ambiente di lavoro migliore. Infatti, i lavoratori non devono perdere del tempo per accompagnare i bambini all'asilo nido. In questo tutorial vengono dati alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come gestire un asilo nido aziendale.

25

Cominciamo dicendo che l'asilo nido aziendale è aperto ai bambini dai tre mesi ai tre anni. La cosa più importante da fare è quella di conoscere le necessità del personale aziendale; così facendo si può adattare l'asilo alle specifiche esigenze. Per aprire l'asilo occorre individuare le strutture interne dell'azienda che sono adatte per questo tipo di attività. Infatti sono richiesti: 6 mq per ciascun bambino, uno spazio per la cucina, uno per il riposo, uno per il bagno e l'igiene del bimbo; inoltre, l'accesso deve essere autonomo e separato dall'area lavorativa. Generalmente è richiesto uno spazio di almeno 100 mq.

35

La fase successiva è quella di ottenere il parere igenico sanitario preventivo; esso viene concesso dall'ASL del comune di appartenenza, previa presentazione da parte dell'azienda della domanda di apertura. La gestione dell'asilo nido aziendale può essere INTERNA oppure ESTERNA. Nel primo caso la gestione viene fatta in maniera diretta e autonoma per ciò che concerne l'attività dei micro nidi. La seconda, quella esterna, avviene tramite convenzioni con i privati specializzati in servizi della prima infanzia. Generalmente quest'ultima ipotesi è quella più utilizzata in quanto garantisce standard qualitativi elevati e consente una flessibilità organizzativa idonea alla necessità dell'azienda richiedente.

Continua la lettura
45

Nel caso che la dimensione dell'azienda non permette di raggiungere un numero minimo di iscritti è consigliabile aprire l'iniziativa a più gruppi aziendali. È opportuno che essi presentino le medesime problematiche in modo da poter garantire un servizio di nido interaziendale. La partecipazione tra più aziende è fattibile stipulando un apposito protocollo di intesa. La garanzia dell'adempimento ai requisiti essenziali per la gestione dell'asilo nido all'interno dell'azienda crea l'opportunità di andare incontro alle esigenze sia dei genitori lavoratori che dei bambini.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Protocollo interaziendale se non si raggiunge un numero adatto di bambini
  • Gestione interna o esterna

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come aprire un asilo nido in casa

In tempi di crisi e di difficoltà economici come questi, per poter fronteggiare nel migliore dei modi la situazione che ci ha coinvolti e per trovare una valida occupazione, è molto spesso opportuno puntare sulle proprie forze. Un'attività che sta...
Aziende e Imprese

Come coordinare un asilo nido

Coordinare una scuola rappresenta un'operazione tutt'altro che semplice. Essa necessita di competenza e di preparazione, nonché del possesso di determinati titoli fondamentali. In questa breve guida, in particolar modo, ci concentreremo su una tipologia...
Aziende e Imprese

Requisiti essenziali per aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido può rappresentare, ai giorni d'oggi, un'ottima opportunità imprenditoriale. Il settore dedicato ai servizi per i bambini è infatti in forte crescita. Molti genitori hanno necessità di poter lasciare i propri figli a persone fidate,...
Aziende e Imprese

Come aprire un asilo nido privato

Pare che nel nostro Paese esistano otre tremila 'nidi di infanzia', tra i quali molti consistono in strutture pubbliche. Ma le statistiche indicano che il numero di tali servizi offerti all’infanzia e alle famiglie, non bastino per soddisfarne la richiesta....
Aziende e Imprese

Come gestire lo scadenziario aziendale

Normalmente, un'azienda ha una molteplicità notevole di impegni temporali da gestire e da onorare. Per poter gestire al meglio lo scadenziario aziendale è necessario seguire un metodo efficace, che normalmente si avvale della tecnologia informatica...
Aziende e Imprese

Come gestire il marketing aziendale

Il marketing rappresenta un insieme di attività che un'azienda mette in atto per realizzare un'immagine di qualità, offrendo prodotti e servizi che soddisfano le richieste dei propri clienti che gli rimangono così affezionati. Queste azioni avvengono...
Aziende e Imprese

Come aprire un nido famiglia

In tedesco sono note sotto la denominazione di "Tagesmutter", ossia madri di giorno, e rappresentano delle donne che accolgono nella propria abitazione alcuni bambini per farli giocare e per prendersene cura, mentre i genitori sono al lavoro. Nei Paesi...
Aziende e Imprese

Come Aprire Un Asilo Per Cani: Informazioni E Requisiti

Attualmente gli amici a quattro zampe sono sempre più presenti nelle famiglie. Infatti, essi sono diventati membri aggiunti, compagni di giochi dei propri figli ed amici contro la solitudine ed i malumori. Se si amano i cani un'idea può essere quella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.