Come gestire le multe condominiali

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se abitiamo in appartamenti non indipendenti con più condomini, vi sono delle regole comportamentali da seguire. Vi è un amministratore, il quale rappresenta l'organo esecutivo del condomino. In genere, viene eletto tramite assemblea tra condomini, in base alla maggioranza e ha una durata dell'incarico due anni. Se tramite suddetta assemblea non viene eletto, allora può essere nominato dall'Autorità Giudiziaria. L'amministratore deve aver conseguito il diploma di scuola superiore e aver frequentato un corso di formazione specifico, quindi può ricoprire questo ruolo anche un condomino dello stesso stabile qualora abbia questi requisiti. Attraverso questo breve testo vedremo come poter gestire multe condominiali.

24

Per ogni infrazione alle regole condominiali il decreto legge il n.145/2013 ha apportato alcune modifiche a leggi già esistenti. Innanzitutto dobbiamo vedere cosa recita la legge: " Per le infrazioni al regolamento di condominio può essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma fino a 200 euro, in caso di recidiva fino ad euro 800. La somma è devoluta al fondo di cui l'amministratore dispone per le spese ordinarie. L'irrogazione della sanzione è deliberata dall'assemblea con le maggioranze di cui al secondo comma dell'articolo 1136 del Codice".

34

Nel corso degli ultimi due anni vi sono state alcune modifiche del codice regolamentare del condominio quindi quando si riceve una multa è bene vedere prima se si tratta di regolamenti decisi dal condominio stesso, ma che non hanno una legge applicata ed eventualmente fare ricorso e si hanno 30 giorni di tempo per farlo. Ad esempio, ora, non è più possibile vietare di aver animali domestici nelle abitazioni, anche se è il condominio stesso a deciderlo. Il condominio però in caso non abbia facoltà decisionali può ricorrere all'autorità giudiziaria. In caso la multa venga fatta a condomini in affitto, questi possono rifiutarsi di pagarla perché non proprietari dell'immobile.

Continua la lettura
44

Una volta che il condomino viene multato deve tener presente che ha la possibilità di contestare ogni decisione presa. Fino al 18 giugno 2013 se il condomino non rispettava il regolamento previsto dal condominio, veniva applicata una sanzione irrisoria pari ad euro 0,05. Ed è dal 18 giugno 2013 però che le sanzioni sono arrivate ad essere di cifre più considerevoli per una cifra massima pari a 800 euro. In caso di multa, l'amministratore è colui che si occupa dell'osservanza del regolamento e l'assemblea di cui fanno parte tutti i condomini, può fare altrettanto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

5 consigli per evitare le liti condominiali

Vivere all'interno di una realtà condominiale può essere estremamente faticoso e stressante! Molto spesso infatti la convivenza pacifica tra condomini è messa a dura prova da comportamenti molesti e irritanti. Per evitare di trasformare il condominio...
Case e Mutui

Come agire se un inquilino non paga le spese condominiali

I proprietari di un appartamento sanno bene che una spiacevole situazione in cui spesso si incorre è quella di avere a che fare con un inquilino che non paga le spese condominiali. Se siamo possessori di una casa, per evitare di incappare in questa circostanza,...
Case e Mutui

Come fare quando vengono violate le norme condominiali

Le violazioni delle norme condominiali rappresentano un fenomeno molto diffuso nella società attuale. Normalmente queste infrazioni consistono in una sottrazione di beni in comune dalla loro naturale funzione condominiale. Ma possono esservi anche ragioni...
Case e Mutui

Come superare le liti condominiali

Formalmente le controversie condominiali sono i temi più frequenti che arrivano in tribunale. La propria abitazione dovrebbe essere il posto più confortevole, specialmente dopo una estenuante giornata di lavoro, una lunga vacanza o in ogni caso quando...
Case e Mutui

Come ripartire le spese condominiali in base ai millesimi

In questo tutorial vedremo come ripartire le spese condominiali in base ai millesimi. Il fatto di abitare in condominio, permette il pagamento delle spese condominiali sia da parte di chi è in affitto, sia da parte di dei proprietari delle abitazioni....
Case e Mutui

Come evitare le riunioni condominiali

Abitate in una villa autonoma, in completo silenzio, magari in aperta campagna e l'unico rumore molesto che sentite è il canto del gallo al mattino? Beh, sappiate che siete molto fortunati. Per la maggior parte delle persone però, soprattutto per quelle...
Case e Mutui

Spese condominiali a carico dell'inquilino

Vivere in un condominio è una realtà piuttosto comune nelle città più popolose. Essere inquilino di un condominio comporta alcuni doveri, nel rispetto di sé e degli altri. Esistono infatti delle spese condominiali da sostenere. Queste possono essere...
Case e Mutui

Come Risolvere Problemi Condominiali: Rumori Molesti

Quando si abita in un condominio, non è difficile il verificarsi di qualche controversia tra le famiglie provocata da numerose ragioni. Uno dei motivi più frequenti è senza dubbio quello dei rumori molesti all'interno del palazzo. Tale questione è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.