Come gestire il cambiamento di lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Oggi come oggi è diventata un'impresa alquanto ardua riuscire a trovare un buon posto di lavoro e spesso, quando finalmente lo si riesce a trovare, il contratto proposto non è a tempo indeterminato.
Sarà necessario quindi iniziare a cambiare la propria mentalità, entrando nell'ottica che ci si troverà spesso di fronte a dover cercare un lavoro nuovo.
Ovviamente il passaggio tra lavori diversi non sarà mai semplice, pertanto potrebbero essere d'aiuto alcuni consigli.
In questa guida si cercherà di spiegare brevemente come fare per riuscire a gestire al meglio il cambiamento di lavoro.

25

Valutare i pro e i contro


Nel momento in cui si deve affrontare il cambiamento del posto di lavoro, è buona norma valutare immediatamente i pro e i contro, perché nella maggioranza dei casi, la scelta del cambio del posto di lavoro è spesso irreversibile. È fondamentale essere motivati ed affrontare la nuova situazione con tranquillità e senza timore di niente e di nessuno. È importante aver lasciato, nello svolgimento della precedente mansione, un buon ricordo in ambito lavorativo sia perché ciò potrebbe tornare utile in un tempo futuro e sia per una propria soddisfazione morale e professionale.

35

Concludere i lavori in sospeso


Prima di dover cambiare lavoro, è buona norma concludere le pratiche o i lavori ancora in sospeso, ciò per evitare incomprensioni o errori da parte di chi successivamente dovrà portarli avanti.
Portare con sé tutta la propria documentazione, fare backup delle e-mail, conservare tutti i materiali informativi (non appartenenti alla vecchia azienda) che si pensa possano tornare utili per il lavoro futuro.
Prima di abbandonare la propria postazione informatica, ricordarsi di eliminare i file personali dal computer e farsi rilasciare la documentazione di fine rapporto di lavoro.

Continua la lettura
45

Lasciare un buon ricordo


Ricordarsi di lavorare con impegno e coerenza fino all'ultimo giorno, salutare tutti i vecchi colleghi e soprattutto proprio dirigente, in modo da rimanere in buoni rapporti, in quanto potrebbe essere contattato per le nostre referenze.
Una volta arrivati nella nuova azienda, presentarsi al capo, ai nuovi colleghi e agli altri funzionari e sistemarsi dove sarà indicato. Cercare di instaurare immediatamente un rapporto con i colleghi basato sulla collaborazione, loro infatti, essendo già a conoscenza dei metodi di lavoro aziendali, sono nelle condizioni di poterci dare una mano.

55

Conclusioni

A questo punto, seguendo i pochi e semplici consigli riportati all'interno di questa breve guida, saremo finalmente pronti per riuscire a gestire correttamente il cambio di lavoro. Cerchiamo di essere sempre molto sicuri quando prendiamo questa difficile decisione e se possibile facciamoci consigliare da qualcuno conosce bene il nostro modo di essere, di agire, di pensare e le nostre aspettative.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come gestire le trasferte di lavoro

Le trasferte di lavoro per alcuni possono essere degli obblighi incombenti che si preferirebbe farne a meno, per altri invece rappresentano una buona occasione per viaggiare gratis e scoprire luoghi sempre nuovi. In ogni caso, si tratta di trasferte che...
Lavoro e Carriera

Come gestire gli appuntamenti di lavoro

L'organizzazione è tutto nella vita, a maggior ragione nell'ambito lavorativo. L'agenda fornisce un prezioso aiuto in questo, se utilizzata naturalmente nel modo giusto. Altrettanto importanti sono le doti personali quali l'elasticità, la memoria infallibile,...
Lavoro e Carriera

Come gestire un team di lavoro

In ogni azienda, grande o piccola che sia, giunge un momento in cui diventa indispensabile suddividere il lavoro in più fasi, ognuna da assegnare ad un team di lavoro con caratteristiche diversificate. Qualcuno si troverà quindi a dovere essere a capo...
Lavoro e Carriera

Come gestire l'ansia da colloquio di lavoro

Si sa, che quando si viene chiamati ad un colloquio di lavoro, sempre un minimo di tensione o stress c'è. Questi sintomi, vengono riscontrati, anche negli individui, che sono più freddi, e riescono a mantenere la calma mentale, nelle situazioni più...
Lavoro e Carriera

Come gestire bene i conflitti in un reparto di lavoro

Ogni gruppo è composto da diverse tipologie di persone, che potrebbero differenziarsi per il loro modo di ragionare, approcciarsi, relazionarsi, scherzare ecc.Ragion per cui in alcune circostanze quando si sta in stretto contatto con individui molto...
Lavoro e Carriera

Come gestire i conflitti durante i colloqui di lavoro

Durante un colloquio di lavoro tra le domande più frequenti rivolte al candidato c'è quella di descrivere come gestirebbe un conflitto.Poiché si tratta di un'eventualità piuttosto probabile, questa domanda ha l'obiettivo di valutare come il candidato...
Lavoro e Carriera

Lavoro: come sviluppare la flessibilità

Con la crisi economica che dilaga, chi desidera lavorare deve purtroppo adattarsi ad essere flessibile e disposto al cambiamento, secondo le richieste delle aziende. La flessibilità nel lavoro, infatti, è proprio uno dei maggiori requisiti da possedere...
Lavoro e Carriera

Consigli per gestire la segreteria di un ufficio

Un libero professionista ha spesso molti impegni da rispettare e una ricca agenda di lavoro da gestire. Per questo molti liberi professionisti scelgono di dedicare, nel proprio studio, un piccolo o uno spazio apposito per la segreteria. Se anche voi avete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.