Come funzionano i Sistemi di informazioni creditizie (SIC)

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

I Sistemi di Informazione Creditizie, da cui l'acronimo S. I. C., sono delle banche dati all’interno delle quali vengono registrati nomi di privati cittadini e/o di aziende che non sono in regola con il pagamento dei propri finanziamenti. Il controllo serve a raccogliere varie informazioni sui “cattivi pagatori” e a valutare eventuali richieste di finanziamento avanzate da differenti soggetti. Vediamo come funzionano precisamente i sistemi di informazioni creditizie (SIC).

28

Una gestione privata

La gestione di tali sistemi è privata, la società più conosciuta è la Crif, che registra nel proprio sistema informatico ogni tipo di finanziamento (prestito personale, muto, rateizzazione et alia…) concesso da intermediari finanziari, banche o poste italiane ed erogato a cittadini e imprese, tracciando la regolarità di questi ultimi con i versamenti mensili.

38

Accesso controllato agli archivi S. I. C.

L'accesso ai Sic non è consentito a privati, ma riservato esclusivamente ad enti riconosciuti per l'inserimento dei dati e presso i quali è possibile verificare la propria posizione. Il sistema è disciplinato da un “Codice di deontologia” pubblicato unitamente al codice della privacy (D. Lgs. 196/2003), reperibile sul sito del garante della privacy (www. Garanteprivacy. It).

Continua la lettura
48

Informazioni a scadenza

Le informazioni relative alla storia dei finanziamenti sottoscritti da un privato, contenute in questi sistemi informatici, vengono conservati per un periodo di tempo differente a seconda della tipologia di finanziamento: si distingue tra una semplice richiesta di finanziamenti o di una morosità. Vediamo meglio il periodo in relazione ad ogni informazione.

58

Termini per richiesta di finanziamento

Se un soggetto privato avanza una richiesta di finanziamento ad una qualsiasi banca, ne rimarrà traccia negli archivi informatici dei SIC per 6 mesi. Nel caso di morosità fino a due rate, il tempo di permanenza è elevato a 12 mesi. Per i ritardi superiori, anche se successivamente regolarizzate, il tempo di permanenza si moltiplica raggiungendo i 24 mesi. Invece, se si tratta di gravi inadempimenti, non regolarizzati, il periodo si innalza a 36 mesi che decorrono dalla data di scadenza del contratto.

68

Consultazione degli archivi

Chiunque può verificare la propria posizione nel sistema, attraverso una richiesta di accesso da sottoporre al Crif: al seguente link potrete trovare i contatti telefonici ed indirizzi e-mail per farne legittima richiesta.
Ulteriore riferimento è la Banca d'Italia, presso la quale è possibile ottenere le informazioni richieste rivolgendosi agli sportelli preposti o inviando, tramite posta certificata, il modello predisposto.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Capire come funzionano precisamente i sistemi di informazioni creditizie, è davvero pià semplice grazie ai nostri utili consigli!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come funzionano le quotazioni in borsa

La Borsa rappresenta un luogo dove si riuniscono coloro che trattano affari riguardanti le merci, ovvero la Borsa merci, oppure business relativi la compra vendita di titoli, ossia la Borsa Valori. È un'istituzione autorizzata dal Governo. Tutti questi...
Finanza Personale

Come funzionano i prestiti revolving

L'intricato mondo bancario può riservare diversi ostacoli. Sapersi districare al meglio è quanto mai fondamentale per le proprie finanze. In questa guida vedremo un particolare prodotto bancario molto in voga negli ultimi anni. Parliamo del prestito...
Finanza Personale

Come funzionano le carte prepagate

Una carta prepagata è una carta di credito sulla quale è possibile depositare una determinata somma di denaro e poter fare acquisti senza utilizzare i contanti. Alcuni esempi di carte prepagate sono la Visa e l'American Express. La gestione di una carta...
Finanza Personale

Come funzionano i fondi comuni di investimento

Il fondo comune di investimento raccoglie diverse cifre di denaro messe a disposizione dai risparmiatori e le investono in azioni, obbligazioni e quant'altro. È quindi uno strumento che adempie al servizio della gestione del risparmio collettivo: lo...
Finanza Personale

Carte fedeltà: come funzionano

Capita sempre più spesso di recarsi presso dei punti vendita che fanno parte di catene, come i supermercati oppure le profumerie, dove ci viene proposto di attivare delle carte fedeltà. Si tratta essenzialmente di un meccanismo utilizzato dalle aziende...
Finanza Personale

Come funzionano i dividendi in Borsa

Chi vuole investire e ama il rischio è solito rivolgersi alla Borsa per riuscire o sperare di poter aumentare il proprio capitale e riuscire così a fare fortuna. Ma la Borsa ha le sue regole e per chi non è esperto o ne sa poco giocare in Borsa potrebbe...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Liechtenstein

Il 1° gennaio 2011, in Liechtenstein è entrato in vigore un nuovo sistema fiscale con l'obiettivo di modernizzare il precedente ordine giuridico in materia di imposizione fiscale, tenendo conto degli sviluppi internazionali. Il nuovo sistema dovrebbe...
Finanza Personale

Come fare trading con le onde di Elliot

Il mercato è un mondo davvero molto complesso da capire, ancor di più da prevedere. Sopratutto con la crisi in atto, l'andamento è davvero incerto, per cui da un lato è possibile guadagnare tanto con un basso investimento, ma dall'altro è molto facile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.