Come funzionano i prestiti revolving

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'intricato mondo bancario può riservare diversi ostacoli. Sapersi districare al meglio è quanto mai fondamentale per le proprie finanze. In questa guida vedremo un particolare prodotto bancario molto in voga negli ultimi anni. Parliamo del prestito revoling. Il vocabolo revolving può ricordarti le carte di credito revolving. In effetti prestito e carta di credito revolving sono entrambi due prodotti bancari differenti che hanno però molti punti in comune, in quanto sono entrambi ricaricabili. Per darti modo di comprendere quali possono i vantaggi e gli svantaggi di un prestito simile, eccoti una breve guida su come funzionano i prestiti revolving.

27

Motivazioni

Con il prestito hai a disposizione una certa cifra sul tuo conto corrente. Lo si può perciò definire un vero e proprio fido bancario. La banca mette a disposizione del correntista una certa somma di denaro di importo contenuto, visto che solitamente vengono concessi prestiti revolving per cifre che vanno dai 1.500/2.000 euro fino ai 5.000 euro. Non è necessario motivare il proprio bisogno di denaro, e per questo motivo, il revolving può essere un'ottima soluzione in periodi di piccole carenze di liquidità.

37

Istituto di credito

L'importo della cifra da erogare viene stabilito dall'istituto di credito sulla base della storia creditizia e sulla solvibilità del richiedente. Quindi se non si è buoni pagatori le possibilità di ottenere un revolving si riducono notevolmente.

Continua la lettura
47

Somma

La somma che viene concessa la si può spendere integralmente o solo in parte. Essa viene restituita con rate mensili che sono comprensive del tasso di interesse. Il loro importo può essere fisso o variabile, aumentando dopo un certo numero di versamenti, secondo quanto stabilito dal contratto. Il creditore può anche decidere di rimborsare in un'unica soluzione il prestito. Comunque fin dal momento in cui si inizia rimborsare il prestito la cifra a disposizione, va a ricaricarsi. Praticamente il revolving non ha scadenza, se si continua a rimborsare quanto si preleva, e da questo punto di vista si tratta di un grande vantaggio.

57

Praticità

Dal punto di vista della praticità, il prestito revolving è ideale, perché se si è puntuali nel pagamento si ha a propria disposizione sempre una somma. Però prima di richiederlo occorre vagliare con attenzione i tassi di tan e taeg. Infatti non è raro che siano più alti di un normale prestito. Tuttavia vista la stretta creditizia che negli ultimi anni sta caratterizzando le banche, forse è l'unico modo per avere un fido di importo minimo sempre a propria disposizione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di richiedere un prestito revolving occorre vagliare con attenzione i tassi di tan e taeg a esso associati
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come richiedere il rimborso delle somme indebitamente percepite dalle carte revolving

Le carte revolving sono delle carte di credito che mettono a disposizione somme di denaro da prelevare o con le quali fare acquisti. Le quote vengono rimborsate attraverso rate mensili, maggiorate di un tasso di interesse che non può essere superiore...
Finanza Personale

Come richiedere la carta visa revolving di banca sella

La carta di credito Visa Revolving è una carta offerta ai propri clienti da Banca Sella. È gratuita ed è prevista di una serie di servizi aggiuntivi messi a disposizione per l'utente. Tra questi, compaiono il servizio SMS Memo Shop, che invierà un...
Finanza Personale

Prestiti Inpdap: guida alle nuove regole

L'INPDAP, ossia l'Istituto Nazionale di Previdenza dei Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica, è stato fondato nel 1994, tramite il Decreto Legislativo numero 479 del 30 giugno dello stesso anno. Precisamente, è sorto a seguito della fusione dell'ENPAS,...
Finanza Personale

Prestiti senza busta paga: garanzie alternative

Oggi chiedere un prestito pur avendo a disposizione diverse coperture a garanzia, è diventato un pochino problematico, figuriamoci poi chiedere un prestito senza poter dare in cambio assolutamente nessun tipo di garanzia, quasi impensabile ottenerlo....
Finanza Personale

Come funzionano i Sistemi di informazioni creditizie (SIC)

I Sistemi di Informazione Creditizie, da cui l'acronimo S. I. C., sono delle banche dati all’interno delle quali vengono registrati nomi di privati cittadini e/o di aziende che non sono in regola con il pagamento dei propri finanziamenti. Il controllo...
Finanza Personale

Come richiedere un prestito ricaricabile cofidis

Tra le tante opzioni di pagamento rateale che al giorno d'oggi è possibile scegliere, ci sono, ad esempio, le carte revolving. Per chi non li conoscesse, nello specifico, trattasi di carte di credito che non hanno un importo prepagato, né sono collegate...
Finanza Personale

Come funzionano le carte prepagate

Una carta prepagata è una carta di credito sulla quale è possibile depositare una determinata somma di denaro e poter fare acquisti senza utilizzare i contanti. Alcuni esempi di carte prepagate sono la Visa e l'American Express. La gestione di una carta...
Finanza Personale

Come funzionano i fondi comuni di investimento

Il fondo comune di investimento raccoglie diverse cifre di denaro messe a disposizione dai risparmiatori e le investono in azioni, obbligazioni e quant'altro. È quindi uno strumento che adempie al servizio della gestione del risparmio collettivo: lo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.