Come funziona il Monte dei pegni

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nei periodi di crisi, capita di non poter esaudire i propri desideri superflui o di rimandare delle spese necessarie, causa forza maggiore, il denaro mancante. Dato che, la concessione di un prestito è un lusso concesso ai pochi che sanno dare garanzie più che sicure, un'ottima soluzione è offerta dal Monte dei pegni. Vediamo più nel dettaglio come funziona e quali potrebbero essere i suoi vantaggi.

25

Le origini

Il Monte dei pegni colloca le sue origini nel lontano millecinquecento e vede come protagonisti i francescani. Nel nostro paese la presenza è piuttosto diffusa. La maggior parte sono gestiti dalle banche, fra cui grandi nomi del circuito bancario italiano. Presenta un'eccezione la parte meridionale del bel Paese, difatti soprattutto in Sicilia (dove nacque) ed in Campania, nella trattativa interferiscono anche dei privati che riescono ad interloquire tra il cliente e la banca.

35

I contanti

Il Monte dei pegni come si evince dalla parola stessa eroga contanti a fronte della presentazione di oggetti vari (soprattutto di valore, come oro e argento). Il monte dei pegni concede un prestito in cambio di un pignoramento di oggetti di valore, in genere in oro o argento, ma anche altri beni preziosi facilmente rivendibili. L'oggetto viene attentamente valutato da un perito esperto del settore e successivamente il banco dei pegni eroga un valore corrispondente ai due terzi del valore reale dell'oggetto. Se il cliente ritiene soddisfacente l’importo, gli viene rilasciata una quietanza che funge da polizza assicurativa dell’oggetto pignorato. In realtà si tratta di una vera e propria polizza al portatore e prevede delle spese di istruttoria pratica (una tantum) ed un tasso di interesse che può oscillare tra il dodici e il quindici per cento. L’erogazione del prestito può durare da tre a sei mesi ed è rinnovabile in caso di mancanza di liquidità per riscattarlo.

Continua la lettura
45

La scadenza

Capita spesso di non riuscire a riscattare il bene pignorato, per cui trascorsi 30 giorni dalla scadenza, il bene viene messo all’asta per il recupero dell’importo erogato dal Monte dei pegni e l’importo eventualmente in eccesso viene comunque restituito al legittimo proprietario. Oggi con l’evolversi dei tempi e con la garanzia di banche affermate si possono fare delle ottime contrattazioni per questo tipo di prestito, che è possibile ottenere anche attraverso numerosi portali online. Inoltre il vantaggio principale di questo tipo di prestito è il fatto di avere spesso, un tasso di interesse competitivo, per cui se si dispone di un bene di valore e si è disponibili ad impegnarlo, potrebbe essere un'alternativa conveniente al solito prestito bancario.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come usufruire del banco dei pegni

Parliamo spesso di denaro, oro, soldi, patrimoni, ricchezze che vengono gestite e valutate da "Banche" ma la responsabilità totale ricade sempre su di noi: con una adeguata informazione e buon senso possiamo agire con sicurezza e orientarci verso il...
Finanza Personale

Come aprire il conto giovani più di monte dei paschi di siena

Se si è giovani e con un'età compresa tra i 18 e i 30 anni, si può valutare l'ipotesi di aprire un conto corrente presso la banca Monte dei Paschi di Siena. Quest'ultima infatti, propone un conto dedicato proprio ai più giovani (Giovani Più), che...
Finanza Personale

Come richiedere la carta prepagata europrima di monte dei paschi di siena

Disporre di una carta prepagata per poter effettuare anche dei pagamenti on line è un'esigenza diffusa ormai tra i giovani, ma anche tra i meno giovani, proprio tenendo conto della dilagante tendenza a comprare molti prodotti e servizi tramite i negozi...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Liechtenstein

Il 1° gennaio 2011, in Liechtenstein è entrato in vigore un nuovo sistema fiscale con l'obiettivo di modernizzare il precedente ordine giuridico in materia di imposizione fiscale, tenendo conto degli sviluppi internazionali. Il nuovo sistema dovrebbe...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale a Monaco

Monaco è un piccolo Stato indipendente appartenente all'Europa occidentale. Dal 1297 è sotto il governo dalla Casata dei Grimaldi (ad eccezione del periodo napoleonico relativo a 1789-1814). Confina soltanto con il territorio francese ed è vicino al...
Finanza Personale

Come funziona la cessione del credito IVA

La cessione del credito IVA è una specifica direttiva proposta dal Ministero delle Finanze, che prevede la possibilità da parte di un soggetto lavoratore di trasferire il suo credito ad un altro individuo secondo delle modalità ben precise. In genere,...
Finanza Personale

Forex: cos'è e come funziona

Durante questo momento di grande crisi economica, molte persone cercano di guadagnare qualche soldo in più. Numerosi sono coloro che promettono denaro facile, senza poi mantenere le promesse. Altri sono invece più seri e consentono di avere un extra-guadagno....
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Senegal

Nel tutorial che vi presenteremo oggi in tale tutorial, vi spiegheremo come funziona il sistema fiscale in Senegal. Ciascuna nazione ha un sistema proprio decisionale basato sulle situazioni economiche e sociali vigenti in essa. Il sistema tributario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.