Come funziona il contratto di comodato d'uso di un immobile

Di: Lena Z.
Tramite: O2O 16/06/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Secondo il codice civile (art. 1803) si può mettere a disposizione, a titolo puramente gratuito, un bene immobile per uno scopo ben preciso oppure per un certo intervallo di tempo, con il solo obbligo della restituzione del bene al tempo fissato. Importante è puntualizzare che, per la legge, il comodato non prevede mai un compenso economico tra le parti, cosa che avviene, invece, per la locazione. E ora vediamo, in pochi passaggi, come funziona il contratto di comodato d'uso di un immobile.

27

Chi presta l'immobile è il comodante

Fondamentalmente, il contratto di comodato d'uso è un prestito gratuito: chi presta il bene è il comodante, che mette a disposizione un immobile senza pretendere in cambio alcun corrispettivo in denaro, ma soltanto la restituzione, secondo gli accordi pattuiti.

37

Chi riceve l'immobile è il comodatario

Chi riceve il bene in prestito è il comodatario, che ha soltanto l'obbligo di utilizzare con diligenza e dovizia l'immobile messo a disposizione dalla generosità e liberalità del proprietario (comodante) per tutto il periodo stabilito e in relazione alle finalità di utilizzo concordate dalle parti.

Continua la lettura
47

Stesura del contratto di comodato

Secondo le convenzioni di una semplice scrittura privata, le parti redigono e sottoscrivono la formula contrattuale del comodato d'uso per l'immobile in questione, specificandone natura, durata, finalità e destinazione d'uso. Per via telematica, dal sito della Agenzia delle Entrate, sono scaricabili modelli e contrassegni per gli adempimenti inerenti l'imposta di bollo prevista per la relativa registrazione.

57

Registrazione del contratto di comodato

Dalla data di stipula del contratto si hanno 20 giorni di tempo utili per la sua registrazione, che deve avvenire presso la sede dell'Agenzia delle Entrate del proprio territorio, dietro versamento dell'imposta di registro (200 euro).
Pur non essendo strettamente obbligatoria, la registrazione del contratto di comodato d'uso consente notevoli garanzie per tutelare eventuali controversie tra le parti, senza contare gli indiscussi vantaggi sulle agevolazioni fiscali relativi alle tasse IMU e Tasi sugli immobili.

67

Restituzione del bene immobile nel contratto di comodato

La natura tipica del contratto di comodato d'uso prevede la restituzione del bene. Non è escluso, tuttavia, che si possa concedere in prestito un immobile "senza determinazione di durata": l'art. 1810 del codice civile stabilisce che, se non viene stipulato un termine specifico, il contratto resta in vigore finché non viene meno la finalità del comodato, fermo restando che il proprietario dell'immobile può in qualsiasi momento richiederne la restituzione.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come funziona il contratto di un immobile per successione

La tassa di successione è una delle tante che paghiamo in Italia. Viene applicata sull'eredità, ovvero, sul trasferimento di proprietà tra il defunto e il suo legittimo erede. Vengono colpiti da questa tassa sia i beni mobili che quelli immobili. Da...
Case e Mutui

Differenze tra affitto e comodato

Il contratto di affitto e il contratto di comodato possono sembrare sinonimi ma, in realtà, differiscono per importanti effetti. Gli effetti vanno a generarsi non solo sul piano reale ma anche giuridico. In questa guida, vi chiariremo perfettamente le...
Case e Mutui

Come cambiare la destinazione d'uso di un immobile

Un immobile può essere adibito ad uso residenziale, commerciale oppure industriale. Talvolta può accadere di dover cambiare tipo di destinazione, per esempio nel caso in cui si decida di trasformare un immobile residenziale in commerciale, poiché collocato...
Case e Mutui

Come funziona il contratto di locazione 4+4

In questa guida vi spiegherò nel modo più semplice possibile come funziona il contratto di locazione 4+4. Partiamo dalle basi, cioè dalla definizione che il codice civile dà del contratto di locazione. L'articolo 1571 c.c. definisce la nozione di...
Case e Mutui

Come recedere da un contratto di affitto

Nel momento in cui si stipula un contratto d’affitto tra il proprietario dell’immobile, cioè il locatore, e l’inquilino, cioè il conduttore, si fissa la durata del contratto.Essa è stabilita per legge e varia in relazione al tipo di contratto,...
Case e Mutui

Come calcolare il costo del notaio per la compravendita di un immobile

Il contratto di compravendita di un immobile è il contratto definitivo, obbligatoriamente in forma scritta, con il quale il compratore e l'acquirente si impegnano a trasferire la proprietà dell'immobile. Il contratto di compravendita viene redatto da...
Case e Mutui

Come disdettare anticipatamente un contratto di locazione

Il Codice Civile nostro, prevede anche il contratto di locazione, fra gli altri tipi di contratto. Esso non è altro che un contratto di fitto mediante il quale il locatore, cioè il proprietario di un immobile, conferisce in affitto la sua proprietà...
Case e Mutui

Come effettuare la cessione di un contratto di locazione

Nel contratto di locazione una persona cede a un'altra persona un bene, per un determinato periodo, a fronte di un corrispettivo in denaro. Se si tratta di bene mobile (es. Auto, moto, barca) si parlerà di nolo o noleggio, nel caso di bene immobile (es....