Come funziona il contratto a tutele crescenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nel campo lavorativo esistono diverse tipologie di contratto, ognuna con le sue regole da rispettare e le sue eccezioni particolari, tra questi c'è quello a tutele crescenti che va nella categoria di quelli a tempo indeterminato, inoltre va aggiunto che esso è per coloro che sono dei neoassunti lavoratori. Il contratto in questione praticamente dà al datore di lavoro la possibilità di emettere il fine rapporto lavorativo senza motivazione nei primi tre anni, e ciò dovrebbe andare in vigore da giugno 2015. Resta però in atto la formula del preavviso, sempre a seconda del contratto che si è stipulato però, essi inoltre sono senza scadenza e nella guida che vi abbiamo sottoposto sarà spiegato dettagliatamente come funziona.

24

I vantaggi di questo tipo di contratto è che è rivolto a qualsiasi persona senza l'obbligo del limite dei 30 anni, inoltre ha due fasi, la stabilità e l'inserimento. Il secondo va a durare 3 anni dove in caso di licenziamento c'è la compensazione monetaria, successivamente il contratto si regola con la disciplina dei licenziamenti. Quando termina il terzo anno, il reintegro in caso di licenziamento, si estende al licenziamento economico se il lavoratore è assunto in un'impresa che ha più di 15 addetti. Quindi il contratto a tutela crescenti prevede che: il datore di lavoro riceve sconti fiscali assumendo lavoratori a tempo indeterminato, ma se li licenzia prima dei 3 anni, deve restituire tali sconti allo Stato che glieli ha precedentemente forniti.

34

Nel caso che è stato detto poco, la disoccupazione andrà in diritto per una durata di 24 mesi, andando così alla scomparsa degli ammortizzatori sociali come la cassa integrazione in deroga e la mobilità. Il lavoratore da parte sua però ha la sostituzione delle forme di contratto vigenti, così essi saranno più autonomi o dipendenti ma con la partita Iva. Ciò non farà altro che aumentare l'occupazione dove vengono garantiti i minimi livelli salariali, così ogni lavoratore gli saranno riconosciuti i diritti come maternità, malattia ecc.

Continua la lettura
44

Con il contratto definito aperto, il lavoratore che viene licenziato senza discriminazione, grazie all'articolo 18 viene riassunto sul posto di lavoro, senza che l'azienda possa ribellarsi, ciò perché è la legge che lo impone. Con il contratto a tutele crescenti infatti l'azienda deve pagare un indennità che si aggira sulle cifre di 2-3 stipendi per ogni anno di lavoro che esso ha svolto presso di essa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Contratto di somministrazione: come funziona

Il contratto di somministrazione è stato introdotto per la prima volta in Italia nel 2003 a seguito dell'approvazione della Legge Biagi. Quest'ultima è stata emanata per sostituire un altro contratto di lavoro, ossia quello interinale previsto da una...
Lavoro e Carriera

Cos'è e come funziona il contratto a progetto

Oggi giorno trovare un lavoro risulta sempre più difficile. Ecco allora che molte aziende o datori di lavoro usano un tipo particolare di contratto, il contratto a progetto (co. Co. Pro). Questa tipologia di contratto è molto utilizzata in Italia perché...
Lavoro e Carriera

Come funziona il contratto di apprendistato

Le assunzioni fatte dai datori di lavoro, pubblici o privati, per i giovani che hanno un'età compresa tra i 15 ed i 29 anni prevedono un contratto particolare, cosiddetto "di apprendistato". Quest'ultimo è indispensabile per poter ottenere nel tempo...
Lavoro e Carriera

Come funziona il contratto di lavoro a tempo parziale

I lavoratori con contratto a tempo parziale, più comunemente conosciuto come part-time, ricevono lo stesso trattamento dei lavoratori a tempo pieno; l'unica differenza è che lavorano per un numero minore di ore, percependo ovviamente una retribuzione...
Lavoro e Carriera

Contratto di lavoro intermittente o a chiamata: come funziona

Alcune aziende ed enti privati si avvalgono di lavoratori con contratto di lavoro intermittente o a chiamata in occasione di eventi speciali. A volte, in determinate occasioni e orari, quando l'attività ha bisogno di personale in più, si rivolge ad...
Lavoro e Carriera

Contratto di lavoro part-time: come funziona

Oggigiorno, in cui il mondo del lavoro è davvero difficile come ambiente, ed è sempre più complicato capire come scegliere l'impiego giusto, il lavoro part time si sta diffondendo sempre più, portando una vera rivoluzione nell'impiego. Se prima il...
Lavoro e Carriera

Contratto di apprendistato: pro e contro

L'apprendistato è una fase pre-lavorativa, che consente all'aspirante lavoratore di imparare il mestiere che si è proposto di svolgere in futuro. Proprio per questo motivo, una delle forme più impiegate per l'inserimento dei giovani nel mondo dei lavoratori...
Lavoro e Carriera

Contratto a termine: i requisiti di validità

Il contratto a termine, nella nostra legislatura, è considerato un contratto che deve presentare un carattere di eccezionalità. La legge 230/1962, che è stata la prima a prevederlo e a definirlo, enuncia che "il contratto di lavoro si reputa a tempo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.