Come finanziare una start-up

Tramite: O2O 24/06/2018
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Per raccogliere fondi per l'avvio di una start-up esistono diverse alternative, molteplici modalità che consentono di raccogliere capitale in modo adeguato ed efficiente, per avviare l'idea di una nuova azienda e investire sul suo successo senza rischi e inutili sprechi di denaro. Nel corso di questo tutorial vedremo insieme come finanziare una start-up, tenendo conto che esistono diverse alternative.

27

Occorrente

  • Amici e parenti, che investano sul progetto
  • Siti per presentare il progetto ed ottenere investitori
  • Ambizione, impegno e tenacia
  • Partner commerciale (co-fondatore)
37

Il Crowdfunding

Uno degli strumenti più utilizzati per finanziare una start-up è sicuramente il crowdfunding. Si tratta di una modalità molto particolare, che consente di raccogliere capitale attraverso una piattaforma in cui mettere in mostra il proprio progetto. In questo modo, nel caso in cui il progetto venga apprezzato, sarà la stessa gente comune a raccogliere risorse per il progetto apprezzato. I metodi del crowdfunding oggi sono essenzialmente due: il reward-base e l?equity-base. Il primo consiste nell'omaggiare i propri investitori con un cospicuo premio, ad esempio un prodotto o un altra ricompensa. Il secondo consiste nella cessione all'investitore di una parte dell'azienda, ovviamente in base al capitale investito dallo stesso. I siti maggiormente conosciuti di crowdfunding sono Fundable, Kickstartere e Indiegogo.

47

Venture capital

Un metodo alternativo consiste nel ricorrere ai c. D "venture capitalist". Questi di solito investono sui progetti iniziali chiedendo diverse quote di proprietà in cambio dei finanziamenti effettuati a favore della start-up. Solitamente i venture capitalist investono su settori con un grande potenziale di sviluppo, per ridurre al minimo il rischio di perdite connesse al fallimento della nuova impresa. Clicca nel link di seguito per scoprire chi sono i più importanti venture capitalist esistenti.

Continua la lettura
57

Gli amici e i parenti

Può sembrare banale, ma questo è forse il metodo più semplice per finanziare un progetto di start-up. Amici cari e familiari saranno sicuramente disposti ad investire una certa somma di capitale, avendo a cuore la buona riuscita del progetto. Questo metodo tuttavia presenta dei lati negativi, considerando infatti che esiste sempre un rischio di fallimento legato all'impresa, chiedere ad amici e parenti di finanziare il progetto potrebbe rovinare i rapporti personali. Se l'impresa invece dovesse andar bene, il suo successo rappresenterebbe un guadagno per te e per i tuoi amici e parenti.

67

I partner commerciali

Per dividere i costi di avvio della start-up inoltre, puoi affidarti ad un partner commerciale, un co-fondatore disposto a finanziare l'impresa per una certa percentuale. In questo caso è importante assicurarsi che gli obiettivi del co-fondatore corrispondano ai propri obiettivi, per non entrare in conflitto durante l'attività della nuova impresa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Idee per avviare una start up

Negli ultimi anni il termine start up ha preso sempre più piede nel linguaggio comune, ma in effetti non parliamo altro che di un termine inglese riferito alla creazione di una nuova azienda. Nel nostro articolo di oggi vedremo una lista di cinque tra...
Aziende e Imprese

Come avviare una start up in Svizzera

Alcuni imprenditori, nonostante la crisi economica, hanno pensato di aprire una azienda in altri paesi. Magari il problema è trovare proprio il posto giusto per far crescere la propria impresa. Per esempio si può prendere in considerazione l'apertura...
Aziende e Imprese

Come avviare una start up in Germania

La Germania è una potenza economica di livello mondiale, con decine di migliaia di società che vanno dalle piccole imprese individuali ai grandi conglomerati. Il governo tedesco è molto aperto alla creazione di tutti i tipi di imprese, soprattutto...
Aziende e Imprese

Come finanziare una srl

Probabilmente quasi tutti avrete sentito parlare delle SRL, ma, nel caso non lo sappiate, quest'acronimo sta per "Società a Responsabilità Limitata". Le SRL, in quanto società commerciali, operano nella produzione e nell'erogazione di beni e servizi....
Aziende e Imprese

Come realizzare una campagna di crowdfunding

Quando abbiamo un'idea nella testa che vorremmo a tutti i costi realizzare, abbiamo bisogno di supporto soprattutto finanziario. Se l'idea è qualcosa che si occupa del bene comune di tutti, ci sono diversi modi per ottenere concretamente le finanze per...
Aziende e Imprese

Come calcolare l'indice di dipendenza finanziaria in un'azienda

Coloro che si occupano di analisi di bilancio, l’investitore che necessiti di conoscere la solidità finanziaria dell’impresa dal punto di vista patrimoniale, l’azienda che debba finanziare le proprie attività chiedendo dei prestiti a qualche Istituto...
Aziende e Imprese

Il Fundraising: cos'è e come funziona

Il fundraising nasce in Europa ma, sin da subito, si sviluppa negli Stati Uniti grazie, soprattutto, all'azione di Henry Rosso. Quest'ultimo è conosciuto per essere il fondatore della prima scuola al mondo di fundraising ed ha descritto questo tipo di...
Aziende e Imprese

Come fare un timbro per la tua azienda

Negli ultimi anni il numero di aziende operanti all'interno del territorio europeo è notevolmente aumentato: consorzi, start-up e piccole aziende a conduzione familiare la fanno da padroni, e rendono il mercato internazionale sempre più denso e sempre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.