Come fatturare in reverse charge

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il termine Reverse charge, che letteralmente significa inversione contabile, non è altro che un meccanismo che fa ricadere il peso dell'IVA sul destinatario di beni e servizi quando questi è soggetto passivo sul territorio italiano. Lo scopo è quello di evitare l'apertura di tante partite IVA quanti sono gli stati esteri in cui vivono i propri clienti, mentre l'altro motivo è quello di evitare frodi fiscali e rimborsi non dovuti. In pratica, il cedente emette la fattura senza applicare l'imposta, ma solo specificando la nota del Reverse charge. Il destinatario, invece, oltre a registrare la fattura come ''emessa'' dovrà conteggiarvi l'aliquota della prestazione più l'imposta sul valore. In questa guida, attraverso semplici ed utili passaggi, vi illustrerò come fatturare in Reverse charge. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Fattura acquisti
  • Fattura vendite
36

Indicare la modalità di pagamento

Come prima cosa, se state applicando questa particolare modalità, dovete necessariamente indicarlo in fattura sia che siate clienti, sia nel caso in cui siate fornitori. Come già accennato, il documento contabile del cedente dovrà essere senza addebito d'imposta. L'IVA sarà invece presente sulla fattura del cliente/committente, ma in entrambi i casi va aggiunta la scritta "Reverse charge". Le fatture emesse verso i paesi extracomunitari, dovranno recare la dicitura "operazione non soggetta". In tutti i casi, è bene accompagnare l'espressione con il relativo articolo che disciplina la norma.

46

Registrare i documenti nel registro acquisti

Successivamente il committente, dovrà procedere alla doppia registrazione del documento nel registro acquisti e vendite, così da annullare l'imposta ma non il rilevamento del reddito. I tempi di rilevazione sono come in tutti i casi, entro il 15 del mese successivo, mentre se non si riceve la fattura dal fornitore entro due mesi dalla vostra, dovrete sopperire con l'auto fatturazione entro il 15 del terzo mese.

Continua la lettura
56

Utilizzare l'editor del computer

I moderni software usati per la gestione della contabilità, fanno praticamente tutto in automatico, prevedendo già la causale Reverse Charge che vi consente in pochissimo tempo di effettuare la doppia registrazione. Se ciò non avvenisse, potete tranquillamente crearla voi, utilizzando l'editor predefinito del vostro computer con il numero progressivo proposto dal software (fatture vendite), intestandolo alla vostra azienda, aggiungendo l'IVA ed inserendo i riferimenti del documento d'acquisto. Infine, archiviatela come "fattura vendita". Le altre parti (data, importo, descrizione) restano invariate e compilate normalmente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come fatturare gli acconti ricevuti dai clienti

Se si possiede una propria impresa, sicuramente ci si dovrà giostrare tra noiosi aspetti burocratici e contabili. La contabilità serve a condurre l'attività della propria impresa, in quanto rispettando le norme in vigore, serve a registrare tutti i...
Aziende e Imprese

Come emettere fattura nel regime dei minimi

La fattura è un documento che attesta una vendita. Questa può avere varie natura e viene emessa attestando numerazione, descrizione, natura, qualità e la quantità delle merci. Per poi potere elencare nella parte tabellare il prezzo unitario, complessivo,...
Aziende e Imprese

Come Impostare Una Fattura Per Lavori Di Traduzione

Se siamo proprietari di una attività, sicuramente ci sarà già capito di dovere emettere una fattura in che varia in base al servizio emesso. Su internet, comunque, potremo trovare molto facilmente tantissime guide che ci mostreranno come fare per emettere...
Aziende e Imprese

Come Gestire la vendita di merci in un'azienda

Alcune imprese svolgono come attività principale quella legata alla vendita di merci, che possono essere o acquistate da altre ditte per poi essere rivendute, o possono anche essere prodotte direttamente dall'azienda, nel caso in cui si tratti anche...
Aziende e Imprese

Come dichiarare guadagni Google Adsense

L'attivazione di un account su Google Adsense e il conseguente inserimento di inserzioni pubblicitarie all'interno di siti Web o blog può darvi l'opportunità di guadagnare una discreta somma di denaro. Tuttavia, sappiate che dovete sottoporre tutte...
Aziende e Imprese

Le migliori azioni su cui investire

Tante volte abbiamo visto, in televisione o sui giornali, immagini della borsa, con abilissimi addetti ai lavori dietro ai computer o con broker urlanti per riuscire a ottenere le migliori azioni al miglior prezzo.Se questo mondo può sembrarci distante...
Aziende e Imprese

Come aprire una latteria

L'apertura di una nuova impresa, specialmente di un nuovo esercizio commerciale, è un processo piuttosto difficile e complesso, ma con un po' di formazione anche autodidatta e tanto studio ed aggiornamento dietro, ce la possiamo fare. Negli ultimi anni...
Aziende e Imprese

Come aprire una sala da tè

Negli ultimi anni, soprattutto in Europa, ma anche in tutto il resto del mondo, sta tornando molto di moda una bevanda in particolare, ossia il tè. In Italia non è consueto vedere delle sale da tè, tea room o case del tè, nonostante molti bar abbiano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.