Come fatturare gli acconti ricevuti dai clienti

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se si possiede una propria impresa, sicuramente ci si dovrà giostrare tra noiosi aspetti burocratici e contabili. La contabilità serve a condurre l'attività della propria impresa, in quanto rispettando le norme in vigore, serve a registrare tutti i conti che l'impresa effettua nel corso della sua vita, in maniera efficiente e facile. Per poter effettuare una adeguata contabilità dell'azienda, spesso ci si affida ad esperti del settore (i contabili), che tramite uno specifico linguaggio riescono a segnare tutti i vari movimenti economici dell'azienda. Per chi ha già un' idea di come funzioni la partita doppia, ed in generale le scritture contabili può anche decidere di gestire in autonomia le finanze della propria impresa. La guida proposta chiarirà alcuni aspetti su come fatturare gli acconti ricevuti dai clienti.

27

Occorrente

  • software contabile
  • cifra incassata
  • vendita
37

Cosa impone la legge

La legge stabilisce che per ciascuna operazione economica (compra-vendita, affitti...) debba essere emessa una fattura: per le cessioni di beni immobili (case, garage, appezzamenti di terra), il tutto avviene nel momento in cui le parti operano per la stipula del contratto; per le cessioni di beni mobili (oggetti trasportabili) si considerano effettuate al momento della consegna o spedizione degli stessi.

47

Fatturazione di un acconto

Ora, supponiamo di vendere un oggetto e, che il nostro cliente voglia pagare tramite un acconto. Come ci si deve comportare in questi casi? Non appena l'acconto è stato incassato, si dovrà emettere un documento idoneo a confermare ciò che è appena accaduto. Lo schema da utilizzare è facilmente visionabile sui più comuni software di contabilità, la voce da cercare è proprio "fattura d'acconto". Basta compilare le singoli voci in modo corretto ed il computer penserà al resto.

Continua la lettura
57

Esempio di un vendita di un bene con acconto

Se per esempio, in data 3 maggio 2010 vendiamo un bene a 10.000€ (più IVA al 22%) per complessivi 2200 € e ci accordiamo con il cliente per un pagamento anticipato di ¼ della somma dovuta (in totale il cliente ci pagherà in anticipo 3050€), dovremo fatturare l'anticipo e su tale importo calcolare l'IVA. Verrà, pertanto, emessa una fattura avente come data quella dell'incasso e, come ammontare, quello dell'anticipo e la relativa IVA.

67

Riassumendo i dati e i vari conti

Dovremo tener conto i seguenti fattori:

Incasso dell'anticipo in data 3 maggio 2010
Data di emissione della prima fattura 10 maggio 2010
Imponibile: 2.500 €(cioè 10.0000€/4)
IVA: 550 €(cioè 2.500€ * 22%)
Totale fattura: 3050€ (ovvero €2500+ €550).

77

Caso diverso di fattura dell'acconto

Quando invece emetteremo la fattura di saldo procederemo nel seguente modo:

Prezzo totale: 10000 euro
Acconto iniziale: 3050 euro (€2500+ €550)
Imponibile: 7500 euro
IVA: 1650 euro (cioè €7500x22%)
Totale fattura: 9150 (cioè €7500+ €1650).

Così facendo verrà emessa una fattura iniziale, di 3050€ e una fattura secondaria di 9150 €, per un totale di 12200 €cioè, 10000€ + IVA di 2200€ .

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come fatturare in reverse charge

Il termine Reverse charge, che letteralmente significa inversione contabile, non è altro che un meccanismo che fa ricadere il peso dell'IVA sul destinatario di beni e servizi quando questi è soggetto passivo sul territorio italiano. Lo scopo è quello...
Aziende e Imprese

Come Impostare Una Fattura Per Lavori Di Traduzione

Se siamo proprietari di una attività, sicuramente ci sarà già capito di dovere emettere una fattura in che varia in base al servizio emesso. Su internet, comunque, potremo trovare molto facilmente tantissime guide che ci mostreranno come fare per emettere...
Aziende e Imprese

Come trattare gli imballaggi in contabilità generale

Gli imballaggi danno luogo, contabilmente, a delle problematiche differenti nella contabilità generale, a seconda della loro tipologia e della destinazione. In questa semplice ed esauriente guida vi proponiamo di fare chiarezza su come trattare gli imballaggi...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Gli Anticipi A Fornitori

Che cosa si intende per contabilizzazione degli anticipi? A che modalità di pagamento si associa il concetto di anticipo o acconto? Si considera anticipato il pagamento eseguito da un acquirente nei confronti di un venditore prima della consegna del...
Finanza Personale

Come Fatturare con ritenuta d'acconto

Chi offre prestazioni di lavoro occasionali, per delle competenze tecnico-pratiche che possiede, può ora fatturare con ritenuta d'acconto senza però essere costretto ad aprire una posizione i. V. A.. Infatti per chi non svolge attività a fini di lucro...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare l'acquisto di immobilizzazioni

Ogni impresa nello svolgimento della propria attività necessita del possesso di immobilizzazioni ossia di beni il cui utilizzo si protrae nel tempo e che sono altrimenti conosciuti nella prassi contabile come beni a fecondità ripetuta. Tali beni sono...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare gli anticipi a fornitori in valuta estera

Un pagamento in anticipo è quello dato al venditore prima che venga consegnato il bene o il servizio. Può essere parziale o intero a seconda degli accordi. Attraverso questa breve guida vedremo come bisogna procedere per contabilizzare correttamente...
Finanza Personale

Come fatturare un rimborso spese

Raggiungete i vostri clienti in auto con i mezzi o con la vostra auto? Spesso pernottate e mangiate fuori casa? La cancelleria è il vostro "pane quotidiano"? Che siate dipendenti o liberi professionisti, ogni giorno, per lavoro, affrontate delle spese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.