Come fatturare con il regime dei minimi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'articolo 1 commi 54-59 della Legge di Stabilità ha introdotto un nuovo regime contabile applicabile ai lavoratori autonomi con partita Iva. Sebbene non sia obbligatorio e si possa scegliere il regime semplificato o quello ordinario, è bene conoscere come fatturare con il regime dei minimi perché può essere molto conveniente se si posseggono i requisiti necessari. Innanzitutto vi sono due tipi di regime dei minimi: forfettario ed ex minimi. I limiti di accesso per il regime forfettario dipendono dall'attività lavorativa esercitata e vanno da un minimo di 15mila a un massimo di 40mila euro di fatturato annuo. Coloro che possono beneficiare del regime forfettario dei minimi non devono avere percepito contributi per lavoro dipendente superiori a 5mila euro lordi nell'ultimo anno lavorativo.

27

Occorrente

  • Reddito inferiore a una certa somma
  • Non avere dipendenti
  • Età inferiore ai 35 anni (ex minimi)
37

Un altro requisito indispensabile per poter beneficiare del regime della fatturazione dei minimi è il costo dei beni strumentali di esercizio, che non deve superare i 20mila euro. Il reddito determinato alla chiusura dell'esercizio viene calcolato in base a una percentuale variabile dal 40% al 78% a seconda dell'attività svolta ed è soggetto alla ritenuta IRPEF del 15%. Al regime dei minimi possono accedere anche coloro che prima non potevano farlo ed erano assoggettati ad altri tipi di fiscalità, come quelli riservati alle nuove iniziative imprenditoriali. Il regime di tassazione prevede il calcolo dei contributi sul reddito forfettario e beneficia di numerose semplificazioni; ad esempio non è obbligatorio tenere i libri contabili né registrare i documenti fiscali. Il regime forfettario consente di essere esonerati dall'obbligo della dichiarazione annuale e non è soggetto agli studi di settore né a ritenuta d'acconto. Gli unici documenti che vanno conservati da chi fattura con il regime forfettario dei minimi sono quelli relativi alle fatture di certificazione dei corrispettivi.

47

Il regime dei contribuenti minimi è stato inizialmente introdotto nel 2007 e in seguito ha subito numerose modifiche. È entrato in vigore per la prima volta nel 2012 ed è stato subito adottato dai lavoratori autonomi che hanno lavorato anche dal 2007 al 2012. Questo regime è stato di fatto abrogato nel 2015, ma può essere ancora utilizzato da chi è in possesso dei requisiti e da coloro che lo hanno adottato nel 2014. Il regime si può usare per 5 anni o fino al limite anagrafico di 35 anni di età. Chi può beneficiarne non deve avere lavorato nei tre anni precedenti all'inizio dell'attività neanche in aziende di famiglia e il tipo di esercizio non può costituire una persecuzione di eventuali lavori autonomi o dipendenti svolti in precedenza. Per rientrare nel regime fiscale dei contribuenti minimi il reddito non deve essere superiore a 30mila euro annui e cessa automaticamente dopo 5 anni e comunque al raggiungimento dei 35 anni di età del contribuente.

Continua la lettura
57

Il regime permette di non aver nessun obbligo contabile, non tenere le scritture contabili ed essere esclusi dai versamenti dell'Iva periodici e annuali. Non si paga l'IRAP e non è neanche prevista l'applicazione degli studi di settore. Al regime dei minimi si applica un'imposta sostitutiva sui redditi nella misura del 5%. Sono esclusi da questo tipo di regime fiscale coloro che partecipano a società di persone, si occupano di vendita di auto nuove, terreni o fabbricati, oppure si avvalgono di regimi speciali di IVA come quelli riservati alla pesca e all'editoria. È necessario essere residenti in Italia e non aver percepito ricavi superiori ai 30mila euro nell'anno precedente e non avere dipendenti o collaboratori. Nella fattura bisogna inserire la dichiarazione di essere in possesso dei requisiti necessari per beneficiare del regime fiscale dei minimi ai sensi di legge e di assoggettare i ricavi dell'attività all'imposta sostitutiva del 5% prevista dall'articolo 27 del decreto legislativo n. 1 del 98/2001. Inoltre è necessaria un'imposta di bollo da 2 euro per importi maggiori di 77,47 euro.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Un buon commercialista

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come scegliere il regime patrimoniale al momento del matrimonio

Quale regime patrimoniale scegliete? La comunione dei beni o la separazione dei beni? Vi verrà fatta questa domanda il giorno del vostro matrimonio e dovrete fare una scelta ben precisa. Da questa scelta dipenderanno parecchie cose ed allora, se non...
Finanza Personale

Come fatturare un rimborso spese

Raggiungete i vostri clienti in auto con i mezzi o con la vostra auto? Spesso pernottate e mangiate fuori casa? La cancelleria è il vostro "pane quotidiano"? Che siate dipendenti o liberi professionisti, ogni giorno, per lavoro, affrontate delle spese...
Finanza Personale

Come Fatturare con ritenuta d'acconto

Chi offre prestazioni di lavoro occasionali, per delle competenze tecnico-pratiche che possiede, può ora fatturare con ritenuta d'acconto senza però essere costretto ad aprire una posizione i. V. A.. Infatti per chi non svolge attività a fini di lucro...
Finanza Personale

Plusvalenze da opzioni binarie: il regime fiscale

Nella seguente guida si parlerà di plusvalenze da opzioni binarie e quindi del regime fiscale. L'ambito interessato è quello dell'investimento in relazione ai risultati ottenuti da specifiche tecniche di ingegneria finanziaria avanzata. Quando si parla...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Australia

Con circa 23 milioni di abitanti l'Australia è il più grande Paese dell'Oceania ed il sesto al mondo per estensione. Il sistema di governo affianca al potere formale della regina quello del Governatore Generale dell'Australia e fa sì che in questo...
Finanza Personale

Come gestire le fatture

Oggigiorno, tutte le imprese che esercitano un'attività commerciale acquistando beni o servizi primari, devono necessariamente emettere delle fatture. Alla chiusura dei conti da contabilizzare, potrebbero venire a galla della incongruenze, causate dai...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Nigeria

La Nigeria è uno stato federale dell'Africa, membro del Commonwealth. Indipendente dal 1960, il paese fu sottoposto a regime militare dal 1966 al 1979. Successivamente è stato retto da una Costituzione che affidava la funzione esecutiva al Presidente...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Liechtenstein

Il 1° gennaio 2011, in Liechtenstein è entrato in vigore un nuovo sistema fiscale con l'obiettivo di modernizzare il precedente ordine giuridico in materia di imposizione fiscale, tenendo conto degli sviluppi internazionali. Il nuovo sistema dovrebbe...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.