Come fare un decreto ingiuntivo

Tramite: O2O 13/07/2021
Difficoltà: media
19

Introduzione

Nella guida che segue, passo dopo passo, spiegherò come fare un decreto ingiuntivo. Può succedere ad esempio che, per svariati motivi, non si riesca a riscuotere un credito e non sono valse a nulla le varie lettere di diffida al debitore. Non è assolutamente necessario intentare una causa al debitore, in quanto se si è in possesso di un documento qualsiasi che attesti il credito, per esempio una fattura, si può ricorrere proprio ad uno strumento alternativo, ossia il decreto ingiuntivo, il quale è semplice, veloce ed economico rispetto ad un normale processo.

29

Occorrente

  • Fattura di vendita
  • Assegno bancario
  • Cambiale
  • Contratto firmato
  • Richiesta di decreto ingiuntivo
39

La definizione del decreto ingiuntivo

Parlando di definizione di decreto ingiuntivo, va detto che quest'ultimo non è altro che una procedura speciale prevista dal Codice di Procedura Civile e che è alternativa al giudizio ordinario di cognizione. Il decreto ingiuntivo stesso è rivolto dunque a garantire una tutela immediata a tutti coloro che vantino un credito di una somma di denaro, di una cosa mobile determinata data in prestito a terzi oppure di beni fungibili. Va tenuto sempre presente che la restituzione di beni immobili non è inclusa nelle possibilità di richiesta proprie del decreto ingiuntivo.

49

Le tipologie di decreto ingiuntivo

Per quel che riguarda le tipologie del decreto ingiuntivo, va specificato che queste ultime sono numerose e hanno come primo presupposto una prova scritta per poter effettuare la relativa richiesta. Bisogna innanzitutto tenere presente che il concetto di prova scritta trova un vasto campo di applicazione. Infatti, essa non si limita soltanto al tipico contratto, all'ordinativo o alla dichiarazione scritta firmata dal debitore, ma prevede anche casi in cui vi siano la fattura emessa dal creditore o la parcella del professionista, nonché i mutui, gli assegni, le cambiali, le assicurazioni e molto altro ancora. La richiesta del decreto ingiuntivo presuppone che, nel caso in cui si debba pagare una somma di denaro, il credito sia liquido, certo ed esigibile.

Continua la lettura
59

La richiesta del decreto ingiuntivo

La richiesta del decreto ingiuntivo presuppone innanzitutto che, nel caso in cui si debba pagare una somma di denaro, il credito sia liquido, certo ed esigibile. La richiesta stessa deve essere fatta da un avvocato per somme che sono al di sopra dei 1100 euro. Nel caso di somme inferiori, la richiesta può essere avanzata direttamente dalla parte interessata. La presentazione della richiesta del decreto ingiuntivo deve essere effettuata al giudice del luogo competente, il quale può essere, a seconda del valore del credito, il giudice di pace fino a 5 mila euro oppure il tribunale per somme superiori. Nel caso in cui si tratti di decreto ingiuntivo presentato da avvocati o notai nei confronti dei propri clienti, il giudice competente può essere anche quello del luogo in cui ha sede il consiglio dell'ordine o il consiglio notarile.

69

Le scelte del debitore dopo la notifica del decreto ingiuntivo

Una volta che la richiesta di decreto ingiuntivo è stata correttamente notificata al debitore, quest'ultimo può avvalersi di tre scelte. Nel primo caso può pagare subito e quindi mettere fine alle pretese del creditore. Nel secondo caso invece, può fare opposizione entro 40 giorni attraverso il proprio avvocato, andando ad instaurare di conseguenza un vero e proprio processo ordinario nel corso del quale spetterà al creditore dimostrare l'esistenza del credito attraverso prove diverse rispetto a quelle presentate all'inizio. Nel terzo caso, il debitore può non pagare e non fare opposizione al decreto ingiuntivo. Trascorso il 41° giorno, il decreto ingiuntivo avrà dunque il valore di una sentenza definitiva e si avvierà la procedura di pignoramento dei beni del debitore.

79

L'applicazione del decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo

In alcuni casi può verificarsi anche l'applicazione del decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo. Il creditore infatti può chiedere al giudice, nel proprio ricorso, di concedere la provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo. In queste circostanze, il debitore è tenuto a pagare immediatamente dopo la notifica del decreto ingiuntivo e senza aspettare i 40 giorni come previsto nella procedura ordinaria, fermo restando che entro tale termine può sempre fare opposizione. Nel caso in cui non avvenga il pagamento, il creditore può avviare immediatamente la procedura di pignoramento dei beni. L'applicazione del decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo può avere luogo soltanto in presenza di assegni o cambiali, oppure quando vi possa essere grave pregiudizio nel ritardo che può consistere nella probabile infruttuosità dell'azione esecutiva.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' consigliabile non attendere troppo tempo per presentare la richiesta di decreto ingiuntivo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come gestire i crediti insoluti

Se gestite una società finanziaria oppure siete l'amministratore di un condominio ed intendete recuperare dei crediti insoluti di uno o più persone, potete ottimizzare il risultato sfruttando alcuni mezzi legali a vostra disposizione. Tuttavia è importante...
Aziende e Imprese

Come iscriversi all'anagrafe delle Onlus

L'acronimo Onlus è utilizzato per indicare le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale. All'interno di questa categoria si situano quegli enti che tramite statuto perseguano obiettivi meritevoli, siano soggetti a determinati obblighi di gestione...
Aziende e Imprese

Come richiedere le certificazioni antimafia

Determinati soggetti - nello specifico: le imprese individuali, le associazioni, le imprese, le società, i consorzi e raggruppamenti temporanei di imprese, le società costituite all'estero, le società di capitali concessionarie nel settore dei giochi...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare le Royalties

Royalties è un termine anglosassone che fa parte, oramai, del linguaggio comune in quanto molto utilizzato. Ma cosa sono? Si tratta dei compensi in denaro che vengono versati a un soggetto per la cessione dei diritti o di utilizzo di un particolare brevetto...
Aziende e Imprese

Come assumere un disabile

La normativa italiana sul lavoro è molto attenta al tema della disabilità in ambito lavorativa. Quella italiana è una delle legislazioni più evolute d’Europa e regola in ogni minimo dettaglio tutte le norme e i requisiti che ogni singola azienda...
Aziende e Imprese

Sicav: cosa sono e come funzionano

Le Sicav, acronimo di “Società di Investimento a Capitale Variabile” sono delle società per azioni che operano nel settore della gestione collettiva del risparmio. Queste società, al contrario dei fondi comuni di investimento che escludono i sottoscrittori...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di elettronica online

Ormai il mercato degli oggetti e soprattutto dei prodotti tecnologici ed elettronici si sta spostando sempre di più verso gli store online. Sono sempre di più, infatti, coloro che sono alla ricerca di offerte o affari sul web per provare a risparmiare...
Aziende e Imprese

come partecipare ad una gara di appalto pubblica

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come partecipare ad una gara di appalto pubblica. C'è da sapere innanzitutto che chiunque può partecipare a questo tipo di gara. In particolare, le ditte che hanno i requisiti che...