Come fare un decreto ingiuntivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il decreto ingiuntivo è il provvedimento attraverso il quale il giudice competente tutela il diritto al credito di chi ne fa ricorso. Solitamente il debitore è tenuto a saldare il dovuto entro quaranta giorni dalla notifica; il l procedimento di ingiunzione in generale è regolato dall'articolo 633 e dai seguenti del codice di procedura civile italiano. In questa guida spiegherò la procedura essenziale e obbligatoria da effettuare per fare un decreto ingiuntivo.

27

Occorrente

  • Cercare di accumulare più di una prova scritta e verificabile.
37

In primo luogo il credito reclamato dovrà necessariamente essere ben determinato, fungibile ed esigibile (una somma di denaro o una determinata quantità di cose fungibili ovvero la consegna di una cosa mobile determinata). Inoltre va tenuto sempre presente che la restituzione di beni immobili non è inclusa nelle possibilità di richiesta proprie del decreto ingiuntivo.

47

In secondo luogo è necessario avere a disposizione delle prove scritte perché queste saranno essenziali affinché il procedimento si possa svolgere nel minor tempo possibile e senza eventuali intoppi. Comunque la prova o le prove, nel caso in cui non si presenti un contraddittorio, saranno valutate unicamente dal giudice e non costituiranno una prova legale a tutti gli effetti. Inoltre non sarà più sufficiente come in passato presentare ad esempio una semplice fattura, ma si dovrà arrivare a ritroso fino alla fonte vera e propria della prova (spesso un registro di contabilità autenticato).

Continua la lettura
57

In terzo luogo bisogna prendere in considerazione il caso in cui il richiedente vanti un diritto di credito a seguito di una controprestazione. Unicamente in questa situazione il creditore dovrà prima di ogni altra cosa preoccuparsi di dimostrare di aver adempiuto ai suoi obblighi nell'ambito della controprestazione considerata. Infine ricordiamo che il ricorso dovrà essere presentato in duplice copia al tribunale e al giudice di pace che provvederà ad esaminare le prove e a procedere in base alle leggi.

67

La richiesta per ottenere dal giudice il decreto ingiuntivo dovrà presentare i nomi dei contendenti, le motivazioni della richiesta con le relative prove scritte, l'oggetto, le conclusioni, oltre al domicilio del ricorrente e alla specificazione dell'ufficio giudiziario. A questo punto il giudice deciderà di accogliere la richiesta o rifiutarla e di chiedere altre prove. Se l'esito sarà positivo, il giudice chiederà al debitore di saldare il dovuto entro breve tempo e in caso di inadempienza, provvederà al pignoramento.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordare che ci si può presentare davanti al giudice di pace senza avvocati solo per ricorsi fino a 1100 €.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come Incassare In Contanti Il Corrispettivo Per La Vendita Di Beni E Servizi A Clienti Extra Ue

Il Decreto Legge Numero 16 del marzo 2012, meglio noto come decreto fiscale, introduce delle significative novità e delle particolari agevolazioni alle imprese ed ai contribuenti. Una di queste riguarda la circolazione del denaro contante per l'acquisto...
Aziende e Imprese

Come iscriversi all'anagrafe delle Onlus

L'acronimo Onlus è utilizzato per indicare le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale. All'interno di questa categoria si situano quegli enti che tramite statuto perseguano obiettivi meritevoli, siano soggetti a determinati obblighi di gestione...
Aziende e Imprese

Deduzione spese di rappresentanza per un professionista: 5 cose da sapere

Il concetto di spese di rappresentanza è stato introdotto nel 1998 dalla Agenzia delle Entrate e, più precisamente, dalla Risoluzione n. 148. In essa viene esplicato in cosa esse consistono, quali spese effettive possono rientrare entro questa dicitura...
Aziende e Imprese

Fisco per le società: opzione regime delle Siiq e Siinq

Al giorno d'oggi, come tutti saprete, le leggi cambiano alla velocità della luce. Non si fa nemmeno in tempo a capire a fondo una determinata riforma, con tutte le leggi e provvedimenti che ne conseguono, che subito se ne fanno delle nuove. Questo accade...
Aziende e Imprese

Come integrare fattura intracomunitaria

Questa guida illustrerà come integrare fattura intracomunitaria.La materia è regolata dalle seguenti disposizioni normative:- Decreto del Presidente della Repubblica 633/1972;- Decreto Legge n. 331/93;- Legge n. 228/2012 c. D. "Legge di Stabilità...
Aziende e Imprese

Come accreditare una sede formativa

L'accreditamento di una sede formativa costituisce un'idoneità indispensabile per poter erogare direttamente corsi, ma anche per ottenere eventuali finanziamenti pubblici utili allo svolgimento delle attività. Vediamo quali sono i requisiti e le modalità...
Aziende e Imprese

Sicurezza sul lavoro: il corso RSPP

La sicurezza sul lavoro è un tema molto importante che tutte le ditte dovrebbero rispettare mantenendo sempre informati e aggiornati i propri dipendenti, dotandoli di tutti gli strumenti previsti dalla normativa vigente in materia di sicurezza sul lavoro....
Aziende e Imprese

Come ottenere un rimborso IVA

L'IVA (Imposta sul valore aggiunto) è una tassa adottata, a livello mondiale, da 68 Paesi. Viene applicata sul valore aggiunto, in fase di produzione e scambio, di beni servizi. In Italia entrò in vigore nel 1972 e fino ad oggi, l'aliquota massima,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.