Come fare un buono fruttifero postale

Tramite: O2O 07/02/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le Poste Italiane offrono molti servizi utili al cittadino, tra essi i conti correnti, il pagamento dei bollettini postali, i libretti di risparmio e le carte prepagate. Attraverso gli uffici postali si possono spedire e ricevere pacchi, vaglia, raccomandate, Per informarsi ci si può recare direttamente presso una filiale delle Poste, o in alternativa consultare il sito internet di Poste Italiane. Infine molte guide online spiegano come usufruire di tutti i servizi postali. Nello specifico vedremo come fare per investire in un buono fruttifero postale.

27

Occorrente

  • Documento di identità.
  • Codice fiscale.
  • Capitale.
37

Investimento

I servizi postali sono molteplici e le Poste Italiane mettono a disposizione degli utenti anche delle forme di investimento finanziarie chiamate appunto "buoni fruttiferi". Essi consentono di investire in dei titoli nominativi che permettono di incassare gli interessi stabiliti al momento della loro scadenza. Vengono emessi in forma cartacea o virtuale e non hanno spese o commissioni. Sono una valida e sicura forma di investimento.

47

Documenti

Per avviare l'investimento descritto è necessario recarsi presso un Ufficio Postale di zona e presentare la documentazione richiesta. Tra i documenti necessari servirà il codice fiscale e un documento d'identità valido relativo all'intestatario o agli intestatari (qualora fossero più di uno). Successivamente, l'operatore provvederà ad emettere il buono pari alla cifra che verrà versata in quel momento. Il procedimento di stipula è molto semplice.

Continua la lettura
57

Scelta

Considerando che esistono varie tipologie di buoni fruttiferi si dovrà avere ben chiaro quale forma di investimento avviare. Quello che distingue i vari buoni fruttiferi è sostanzialmente la loro durata. Ci sono dei buoni della durata di diciotto mesi ed altri che possono arrivare fino a vent'anni.

67

Riscossione

Quando il buono giunge a compimento ed arriva la sua data di scadenza può essere riscosso recandosi in qualsiasi ufficio postale. Si potrà ritirare la somma precedentemente investita comprensiva dei relativi interessi maturati. Non conviene lasciare i soldi investiti più del tempo dovuto in quanto il buono dal giorno successivo alla sua scadenza non produrrà più interessi e diverrà infruttifero. I buoni fruttiferi postali non sono esenti da ritenuta fiscale. Essi sono soggetti ad una ritenuta del dodici per cento. Cadono in prescrizione solo nel momento in cui non vengono ritirati nei dieci anni successivi alla loro avvenuta scadenza. Avere queste queste ulteriori informazioni, permette di fare attenzione alle scadenze e alle normative vigenti per quanto concerne questa forma di investimento.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Alla scadenza è consigliabile ritirare i soldi investiti ed i relativi interessi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Vaglia postale: guida alla compilazione

Il vaglia postale è la soluzione più conveniente, comoda e semplice per inviare o ricevere denaro in tutta Italia. Tale servizio permette di compiere la compilazione del vaglia da qualsiasi ufficio postale; infatti, non è necessario effettuare l'operazione...
Richieste e Moduli

Come compilare un vaglia postale internazionale

I vaglia postali sono degli strumenti di elevata utilità, messi a disposizione dalle Poste Italiane, adottati per effettuare dei trasferimenti di denaro e dei pagamenti. I vaglia postali esistenti sono: vaglia postale ordinario, che è quello più comunemente...
Richieste e Moduli

10 consigli per compilare un bollettino postale

Il bollettino postale è un metodo di pagamento cartaceo che permette di compilare direttamente da casa un foglio con i dati relativi al pagamento, mittente e destinatario, per poi spedirlo via posta e completare il saldo. Non è difficile cadere in errore...
Richieste e Moduli

Come rintracciare un vaglia postale

Il vaglia postale è un metodo utilizzato per spostare del denaro tramite il servizio di Poste Italiane. Questo viene spesso utilizzato da coloro che non posseggono un conto corrente, ma che hanno necessità di trasferire dei soldi. Per spedirne uno è...
Richieste e Moduli

Come sporgere denuncia alla polizia postale

La rapida diffusione dell'uso dei social network ha messo ulteriormente in evidenza i punti di debolezza della Rete, in particolar modo la sicurezza informatica. La Polizia Postale e delle Comunicazioni si occupa proprio di questo (sicurezza online),...
Richieste e Moduli

Come delegare per un ritiro raccomandata

Quando il postino deve consegnare una raccomandata e non trova nessuno in casa, consegna ad un vicino o inserisce nella cassetta della corrispondenza un avviso di giacenza presso l’ufficio postale da cui è partita. Una volta che il destinatario ne...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F23

Il modello F23 è un modulo che va usato ogni qual volta si deve procedere al pagamento di imposte, tasse, multe, ingiunzioni di pagamento o simili. Possiamo pagare le imposte in un qualsiasi ufficio postale o banca. Se non avete la possibilità di farvi...
Richieste e Moduli

Come versare il deposito cauzionale

Con la legge del dicembre 1998, n.431, si è avuta una variazione importante riguardo la tipologia dei contratti di affitto di immobili ad esclusivo uso abitativo. Attualmente si ha la facoltà di scegliere diverse tipologie di contratto. I contratti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.