Come fare un'autofattura

Tramite: O2O 01/11/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

La fattura è un documento fiscale obbligatorio che si deve emettere ad ogni vendita di beni o prestazione di servizi. Talvolta si rende necessario emettere un'autofattura, ciò significa che si emette una fattura a se stessi anziché a terzi. Secondo le leggi vigenti si deve ricorrere all'autofatturazione in alcune particolari circostanze che vedremo in seguito. Il documento che viene compilato è molto simile alla normale fattura, quello che cambia è in sostanza il destinatario da compilare è simile alla fattura ma varia naturalmente il destinatario. Di seguito elenchiamo le modalità per capire come fare un'autofattura.

26

Occorrente

  • Modello di fattura
  • Dati del mittente/destinatario
  • Software per la compilazione (opzionale)
36

Quando emettere un'autofattura

Un professionista deve emettere autofattura in alcune circostanze specifiche che si distinguono principalmente per tipologia di acquisto. L'autofattura si esegue in caso di omaggi aziendali o personali derivanti dall'azienda. Tali omaggi pur non portando un guadagno effettivo devono essere scaricati dall'azienda o dal professionista e quindi autofatturati. Lo stesso discorso vale in caso di autoconsumo di beni o servizi. L'autofattura, però, deve essere eseguito solo in caso il bene o servizio superi i 25,50 euro, per cifre inferiori non si rende indispensabile. Un particolare da tener presente è che l'autofattura non prevede l'IVA.

46

Fattura per autoconsumo

La fattura che si emette verso se stessi per autoconsumo di beni avviene quando il professionista o l'azienda trattiene e utilizza i beni non venduti, per esempio in caso di cessazione di attività. Un altro caso di obbligo di autofatturazione è la non residenza nel nostro paese da parte di chi acquista. Si autofattura solo se l'azienda non detiene un rappresentante fiscale nel paese di acquisto. È consigliabile verificare le leggi riguardanti la fatturazione nei singoli paesi per non incorrere in sanzioni fiscali.

Continua la lettura
56

Come compilare un'autofattura

Compilare un'autofattura non è difficile, è sufficiente seguire le stesse modalità di una normale fattura. Naturalmente ciò che cambierà è il destinatario che sarà la stessa persona o azienda del mittente. Nella fattura si scriverà quindi il nome, l'indirizzo, la partita IVA specificando il numero progressivo della fattura e compilare il campo della datazione. È necessario specificare che stiamo emettendo un'autofattura e indicare la descrizione dei beni, le quantità, l'importo corrispettivo e l'importo totale della fattura. L'autofattura, come si evince, non è molto differente dalla normale fattura eseguita verso terzi, si rende necessario però un attento controllo dei campi compilati e la specifica dicitura: autofattura.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare attenzione alla compilazione di tutti campi
  • Informarsi su tutti i casi previsti dalla normativa per l'emissione dell'autofattura
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.