Come fare testamento

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Redigere un testamento permette di decidere a chi dovrà essere destinato il proprio denaro, le proprietà e gli altri beni dopo la morte. La parte più difficile della scrittura di un testamento spesso è trovare la volontà e la forza di farlo: non è semplice, infatti, pensare al giorno della propria morte, e quando ciò accade è ancor più difficile per i familiari pensare di dover fare le spartizioni dei beni finora in possesso della persona defunta. Dopo tutto, però, si tratta di un documento necessario soprattutto per chi possiede un patrimonio consistente che si spera non verrà utilizzato per un lungo periodo di tempo. Vediamo allora, attraverso la seguente guida, come fare un testamento.

25

Per poter compilare un testamento, è necessario innanzitutto aver compiuto diciotto anni di età. Questo, infatti, presuppone la maggiore età e la facoltà di intendere e di volere autonomamente per la propria persona e per gli altri. Dovete sapere, inoltre, che esistono tre tipologie di testamento: quello olografo, quello segreto e quello pubblico. Per quello segreto e quello pubblico è essenziale rivolgersi ad un notaio, mentre ciò non occorre invece per quello olografo.

35

Redigere un testamento olografo è una pratica estremamente semplice. Vi occorrerà soltanto procurarvi un foglio di carta da lettere e scrivere di vostro pugno le seguenti parole:
"Io sottoscritto nelle mie piene facoltà mentali nomino mio erede (o miei eredi)... Lascio questo mio... (descrizione del bene) a... Quest'altro (descrizione di altro bene) a..."
Prestare particolare molta attenzione ad inserire data e firma a conclusione della lettera. Si consiglia vivamente si scrivere in maniera ordinata e precisa, senza alterare la propria naturale calligrafia.

Continua la lettura
45

Per fare il testamento segreto, invece, dovete scrivere voi o far scrivere a qualcun'altro le vostre volontà. Anche in questo caso è necessario firmare il documento e poi portarlo sigillato da un notaio, il quale lo terrà in custodia fino al giorno in cui bisognerà aprirlo. Per fare un testamento pubblico, invece, dovrete recarvi con almeno due testimoni presso un notaio ed elencare in maniera precisa le vostre decisioni in merito ai beni posseduti. Sarà poi il notaio stesso a scrivere quelle che sono le vostre volontà. Tra i tre tipi di testamento, il terzo, nonché il testamento pubblico, è quello più sicuro in quanto le possibilità che possa essere manomesso e quindi falsificato sono davvero ridottissime.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • foglio di carta
  • notaio
  • penna

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come fare testamento

Redigere un testamento permette di decidere a chi dovrà essere destinato il proprio denaro, le proprietà e gli altri beni dopo la morte. La parte più difficile della scrittura di un testamento spesso è trovare la volontà e la forza di farlo: non...
Finanza Personale

Come scrivere un testamento

Il testamento è un atto pubblico con il quale è possibile scrivere e stabilire la sorte del patrimonio del 'de cuius', ossia del testatore, dopo la sua morte. Si tratta essenzialmente di un atto revocabile che può essere steso in tre diverse forme...
Finanza Personale

Motivi per impugnare un testamento pubblico

Il testamento rappresenta un atto giuridico unilaterale, ricevuto a seguito della morte di una persona; costituisce un atto importante per poter conoscere le ultime volontà di chi è deceduto in termini soprattutto di suddivisione e distribuzione dei...
Finanza Personale

come impugnare per vie legali un testamento olografo

Il testamento olografo è l'insieme delle volontà scritte di una persona, che non sia stata dichiarata incapace di intendere e di volere, senza bisogno di un notaio o di testimoni quindi di sua spontanea volontà. Per essere considerato valido, il testamento,...
Finanza Personale

Come Rinunciare Alla Propria Quota nell'asse ereditario

Un argomento che viene trattato sempre durante le lezioni di diritto privato alla Facoltà universitaria di Economia è la successione testamentaria. Il testamento rappresenta un documento attraverso cui il defunto sceglie la ripartizione dei propri beni...
Finanza Personale

Come lasciare un'eredità a chi si desidera

L'eredità è un patrimonio che, al momento della morte di chi lo possiede, passa giuridicamente ad un altro soggetto. Le questioni ereditarie sono sempre delle situazioni molto spinose che spesso finiscono con il creare conflitti all'interno delle famiglie...
Finanza Personale

come calcolare le quote degli eredi in una voltura

In caso di successione per causa di morte, si rende necessario effettuare una voltura, cioè la variazione dei dati che riguardano una proprietà, un'attività o un servizio, in base ai nuovi intestatari. È dunque necessario dividere il capitale in proporzione...
Finanza Personale

Errori da evitare in una dichiarazione di successione

La successione è uno strumento che permette ai discendenti di entrare in possesso di beni mobili e immobili della persona defunta. Se la persona che viene a mancare, è in possesso di diritti reali sia immobili che mobili, i suoi successori hanno il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.