Come fare ricorso per la rimozione dei sigilli su beni ereditari

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

A seguito del decesso di un cittadino comincia la prassi sui beni ereditari. In presenza di contestazioni da parte di potenziali eredi o di creditori si appongono dei sigilli sugli averi. La procedura per la richiesta di rimozione è abbastanza semplice. Scopriremo come fare ricorso per la rimozione dei sigilli su beni ereditari.

25

Occorrente

  • Certificato di morte.
  • Modulo richiesta ricorso.
  • Copia conforme testamento in bollo (se esistente).
  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio con nominativi eredi.
  • Marca da bollo (27 euro).
  • Contributo unificato (98 euro).
  • 200 euro di registrazione via modello F23.
35

Il Tribunale

I sigilli sui beni ereditari hanno anche una funzione protettiva sugli stessi. Può richiederne l'apposizione un erede, l'esecutore testamentario o dei creditori. Anche eventuali coabitanti del defunto possono avanzare la richiesta. Ma i sigilli sui beni ereditari si possono contestare. È infatti possibile fare ricorso presso le autorità preposte. In qualunque caso i sigilli si potranno rimuovere non prima di tre giorni dall'apposizione. Il Tribunale competente è sempre quello presso cui si trova il domicilio del defunto. Nei piccoli centri in cui non esiste il Tribunale l'autorità competente è il Giudice di Pace. All'istanza di ricorso sottoscritta da proporre dovremo allegare altri documenti. In primis dovremo fornire il certificato di morte, in carta semplice. A seguire allegheremo, se esiste, una copia del testamento in bollo. Il terzo documento utile è la dichiarazione sostitutiva di atto notorio, che includerà tutti gli eredi. Dovremo recarci in Comune per ottenere questo documento importante.

45

La procedura di ricorso

La procedura di ricorso prevede dei costi, come il contributo unificato. Questo ammonta a 98 euro, da unire ad una marca da bollo di 27 euro. Inoltre dovremo procedere alla registrazione con modello F23 presso l'istituto bancario. La cifra è di 200 euro, dunque piuttosto consistente. Non si prevedono altri costi aggiuntivi se ci si rivolge al cancelliere negli orari di servizio. Il modello per il ricorso prevede sempre la stessa formula. Un chiaro esempio da presentare è presente nel doc Word del Tribunale di Cremona. Se necessaria, è disponibile un esempio dell'opposizione alla rimozione sigilli.

Continua la lettura
55

La rimozione dei sigilli

A fare ricorso per la rimozione dei sigilli sui beni ereditari potranno essere i soggetti già citati. La richiesta di ricorso può giungere da un erede, così come dall'esecutore testamentario. Il defunto potrebbe avere dei debiti alle spalle da saldare. In tal caso i creditori hanno diritto a rifarsi sui beni ereditari. Pertanto possono anch'essi avanzare ricorso per la rimozione dei sigilli sull'eredità. Nel caso in cui l'erede sia un minore bisognerà attendere la nomina di un tutore legale. Vale lo stesso discorso per eredi incapaci, che necessitano di guida. Per fare ricorso ci si deve rivolgere al Tribunale competente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come presentare un ricorso per Cassazione

Come vedremo nel corso di questa guida, sulla base della normativa attualmente vigente, il ricorso per Cassazione è uno strumento legale che permette al soggetto di impugnare le sentenze pronunciate dai giudici in appello o in unico grado, caratterizzate...
Richieste e Moduli

Come fare ricorso all'Anagrafe in caso di controversia sulla residenza

Ogni cittadino ha la possibilità di fare ricorso nei confronti dell'Ufficio Anagrafe del Comune di residenza se si accorge che sussistono errori negli atti che lo riguardano. Questi errori possono essere involontari, frutto di una errata trascrizione...
Richieste e Moduli

Come fare ricorso per un concorso pubblico

L'accesso al pubblico impiego avviene generalmente per concorso pubblico mediante il quale viene selezionato il personale a cui destinare la titolarità di uffici o assegnare specifiche posizioni organizzative. In relazione a specifici requisiti vengono...
Richieste e Moduli

Come ottenere l'autorizzazione a vendere i beni di eredità accettati con beneficio di inventario

Nel caso in cui un erede abbia accettato con beneficio d'inventario un'eredità e voglia procedere alla vendita o ad atti d'amministrazione straordinaria dei beni, ha l'obbligo, entro e non oltre cinque giorni dall'accettazione della successione, di chiederne...
Richieste e Moduli

Multa per ZTL: come fare ricorso

Avete beccato una multa errata per violazione del varco ZTL? Prima di entrare nel panico, c'è da chiarire che la sigla ZTL per chi non lo sapesse, non è altro che una sigla che sta ad indicare una zona a traffico limitato. In molte città dell'Italia,...
Richieste e Moduli

Come richiedere la separazione dei beni

Come vedremo successivamente, nonostante il regime patrimoniale naturale dei coniugi sia la comunione dei beni (sulla base della quale i due coniugi con il matrimonio uniscono i propri patrimoni, dando luogo ad un patrimonio comune), entrambi hanno comunque...
Richieste e Moduli

Multa per divieto di sosta: come e quando fare ricorso

Contro le sanzioni amministrative dovute alla violazione di qualche regola prescritta dal Codice della Strada, è possibile presentare ricorso. Almeno una volta nella vita è probabilmente capitato a tutti gli automobilisti o motociclisti di prendere...
Richieste e Moduli

Il ricorso per decreto ingiuntivo

Vediamo perciò come dovrete procedere, se siete interessati a tale argomento, successivamente vi sarà spiegato come eseguire il ricorso per decreto ingiuntivo correttamente. Con il termine "decreto ingiuntivo", si intende il rimedio mediante il quale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.