Come fare il rinvio della pensione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Con la riforma Fornero il mondo delle pensioni è stato del tutto rivoluzionato e la tanto attesa pensione è ormai un miraggio per molti italiani. Le regole sono tante e sembrano cambiare giorno per giorno, non si capisce bene il criterio adottato e purtroppo sembrano esserci più svantaggi che vantaggi per i lavoratori. In questo clima di caos ci sono però dei casi in cui anche avendo raggiunto l'età pensionabile alcuni soggetti non vogliono ritirarsi dal mondo del lavoro e vogliono continuare a lavorare. Il pensionamento in questo caso si chiama flessibile e consente di continuare a lavorare effettuando un rinvio della pensione.
Vediamo dunque, con questa guida, come fare il rinvio della pensione.

26

Occorrente

  • Requisiti per rinvio pensione
36

Oggi in Italia si va in pensione in base alla vecchiaia, le vecchie pensioni di anzianità basate su un integrazione tra età e periodo contributivo sono state abolite del tutto. La pensione si prende a 66 anni di età se si è dipendente pubblico sia donna che uomo, e a 62 se donna e impiegata nel settore privato. Si può scegliere di andare prima ma solo accettando una decurtazione dello stipendio/pensione. Se invece si vuole continuare a lavorare, la riforma prevede di potersi ritirare dal mondo del lavoro anche successivamente al raggiungimento dei requisiti raggiunti, ma fino all'età di 70 anni. Successivamente si è costretti ad andare obbligatoriamente in pensione.

46

In questo caso la pensione aumenterà perché su di essa verrà calcolato un coefficiente di trasformazione che terrà conto anche dell'età del lavoratore. La flessibilità cambia a seconda della categoria del dipendente se pubblico oppure privato. Il soggetto che intende continuare a lavorare potrà farlo senza versare i contributi previdenziali sotto un contratto biennale a tempo determinato. Il contratto verrà rinnovato al termine fino all'età di 70 anni. La pensione quindi verrà riscossa alla fine del contratto di due anni. Se dovesse venire a mancare la condizione lavorativa non per causa del lavoratore, ma per problemi aziendali, il soggetto percepirà la pensione a partire dal mese successivo all'interruzione del contratto.

Continua la lettura
56

Tale contratto va mandato alla sede dell'INPS insieme alla dichiarazione del soggetto che rinuncia ai contributi e che intende continuare il rapporto lavorativo. Questa pratica di flessibilità sembrava essere molto richiesta prima della riforma, quando i lavoratori avendo iniziato a lavorare molto giovani si ritrovavano in pensione già a 50 anni, ma ora con l'innalzamento dell'età pensionabile sarà difficile che un soggetto decida di richiedere la flessibilità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

5 modi per anticipare la pensione

Con la riforma del Jobs Act, varata dal governo Renzi, si ridisegnano le regole per chi vuole entrare nel mondo del lavoro. Le circostanze cambiano, sorprendentemente, anche per chi vuole lasciare l'impiego in anticipo. Solo alcuni fortunati avranno possibilità...
Previdenza e Pensioni

Come chiedere la pensione

La pensione consiste in una somma di denaro proporzionale ai contributi versati durante gli anni lavorativi, che vengono percepiti dal lavoratore quando ha finalmente raggiunto l'età pensionistica prevista dalla attuale legge vigente.Questo garantisce...
Previdenza e Pensioni

Fondi Pensione: cosa sono e come funzionano

Nel 1995 venne varata la “Riforma Dini”. Anche detta “Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare”, essa apportò un profondo cambiamento nel sistema previdenziale italiano. Venne a crearsi una forte differenza in termini di...
Previdenza e Pensioni

Come funziona una pensione

La pensione è uno dei temi più discussi negli ultimi tempi: pensioni che sono slittate più avanti nel tempo, pensioni che alcuni non riescono ad ottenere... Ma che cos'è di preciso una pensione? Essa consiste in una quantità di denaro (una sorta...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione contributiva

La pensione contributiva è stata introdotta con la cosiddetta riforma Dini, legge n. 335 del 1995, insieme a successivi interventi legislativi n. 449 del 1997 e la successiva riforma Maroni del 2004. Questi interventi hanno cambiato profondamente il...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la nuova età per la pensione

In questa guida verrà fatta luce sul nuovo sistema pensionistico italiano, tematica molto cara a molte persone, sia giovani sia meno giovani. Di certo, la scelta più veloce ed utile per sapere quante più informazioni possibili in merito all'argomento,...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere la pensione in Svizzera

L'indennità di pensione è una rendita vitalizia che lo Stato versa a tutti gli individui iscritti all'AGO o alle sue forme sostitutive per soddisfare le esigenze di vita in caso di vecchiaia o invalidità. Il sistema pensionistico in Svizzera è molto...
Previdenza e Pensioni

Come crearsi una pensione integrativa

A causa della crisi, dell'alto tasso di disoccupazione e della probabilità sempre inferiore di andare in pensione, molte persone hanno deciso di crearsi una pensione integrativa. Ma cos'è? È semplicemente una pensione che aumenta le possibilità di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.