Come Evitare Di Pagare I Debiti Del Defunto

Tramite: O2O 05/02/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'argomento sulla successione ereditaria ha da sempre generato parecchi interrogativi, soprattutto, inerenti la tutela degli eredi.
Può succedere che gli eredi ricevono in successione, dal proprio caro defunto, onerosi debiti da dover pagare, ritrovandosi a dover gestire numerose difficoltà.
Proprio per questo motivo, esistono diverse metodologie che, attraverso la Legge, potrebbero aiutarvi a risolvere questa serie di problematiche, in quanto vanno a tutelare coloro che sono stati nominati eredi..
Andiamo a vedere come evitare di pagare i debiti del defunto.

27

Occorrente

  • Avvalersi di un buon Notaio o del Cancelliere del Tribunale.
37

I debiti ereditabili

Quali sono le tipologie di debito ereditabili?
Sostanzialmente tutte, spaziando dalle multe ai debiti verso il fisco, dai debiti nei confronti dell?INPS ai prestiti non pagati, ecc.
Ad esempio, potrebbe succedere che le multe, i vari prestiti concessi e rimasti insoluti e altre situazioni varie di questo tipo finiscano addebitati agli eredi che, non riceverebbero dei benefici economico-finanziari dall'eredità del defunto, rischierebbero di trovarsi in una situazione patrimoniale, tra attivo e passivo, tendente alla perdita.

47

Accettazione con beneficio di inventario o rinuncia all'eredità

Per porre delle tutele legali agli eredi del defunto debitore, nella Legislazione Italiana vi sono alternative per risolvere queste problematiche.
Queste alternative sono: l'accettazione con il beneficio di "inventario" o la diretta rinuncia dell'eredità nel suo complesso.
- L?accettazione con beneficio di "inventario" prevede la possibilità, da parte dell?erede, di poter tenere distinto il proprio patrimonio da quello del defunto, fornendo una lista dei beni ereditati alla presenza di un Notaio o del Cancelliere del Tribunale. E? importante precisare che l?accettazione con beneficio di "inventario" differisce dalla separazione dei beni, in quanto quest?ultima fa riferimento ai creditori del defunto e non agli eredi.
- La rinuncia all?eredità (con testamento o senza) può essere espressa ugualmente di fronte ad un Notaio o al Cancelliere del Tribunale. Questa soluzione trasferisce l?eredità del defunto ai co-eredi, o ad un altro erede legittimo, oppure ad un erede stabilito da colui che ha espresso le sue ultime volontà.

Continua la lettura
57

Tempi e modalità di azione

- La rinuncia dell?eredità deve essere effettuata entro tre mesi dalla data di morte del defunto, stessa cosa vale per la redazione dell??inventario? da parte dell?erede, in modo tale da poter valutare la consistenza dell?eredità.
In caso contrario, l?erede dovrà farsi carico di tutti i debiti del defunto. Invece, nel caso in cui l?erede non possegga beni una volta appartenuti al defunto, l?accettazione con beneficio di inventario può essere redatta entro dieci anni dalla morte del testatore.
- L'erede può declinare dal beneficio di "inventario" nel caso in cui si verifichi una grave violazione delle regole poste a tutela dei creditori. Ad esempio: la transazione dei beni senza l'autorizzazione da parte del Giudice.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di accettare un'eredità verificare debiti o crediti del defunto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come pagare la bolletta Enel

Pagare le bollette alla fine del mese può essere un compito faticoso e un dispendio di tempo ed energie. Per fortuna l'Enel ci mette a disposizione diversi metodi di pagamento e ciascuno potrà scegliere quello che gli è più comodo e conveniente....
Richieste e Moduli

Come pagare la bolletta eni presso una ricevitoria sisal

Il pagamento delle utenze è una delle cose che maggiormente incidono sullo svuotarsi dei portafogli. Come se non bastasse, recarsi allo sportello per effettuare i pagamenti, richiede una gran quantità di tempo da spendere in fila rimettendoci, spesso,...
Richieste e Moduli

Come pagare le tasse Online

Il pagamento delle tasse, che si deve affrontare quasi ogni giorno, fa perdere tempo prezioso durante la giornata a causa delle file che occorre fare ai diversi sportelli e che, purtroppo, molto spesso sono interminabili. Oggi, grazie all'aiuto della...
Richieste e Moduli

Come pagare una multa online

Ricevere una multa non è mai un piacere, tuttavia trascorrere del tempo in coda per pagare il bollettino può rendere la cosa persino più fastidiosa; sapendo come pagare una multa online, invece, sarà possibile risparmiare tempo ed effettuare il versamento...
Richieste e Moduli

Come pagare con bonifico bancario

Per effettuare un bonifico bancario devi innanzitutto avere un conto corrente presso una banca fisica oppure online. Potrai scegliere di effettuarlo presso la banca oppure comodamente a casa tua. In entrambi i casi vedrai che sarà molto semplice. Il...
Richieste e Moduli

Come pagare la SIAE per un compleanno

Una festa di compleanno con la musica che faccia da sottofondo (prodotta anche solo semplicemente tramite l’utilizzo di un impianto stereo) è molto apprezzata dagli invitati e dal festeggiato, ma di certo è speciale, ed ancora più apprezzato, un...
Richieste e Moduli

Come pagare la bolletta eni

Sappiamo tutti che per vivere ci sono spese e burocrazie che non possiamo evitare, riconoscerle ci torna utile per non entrare in more e comportamenti inadeguati. In questa guida cerchiamo di capire insieme come pagare la bolletta eni (Ente Nazionale...
Richieste e Moduli

Come pagare la bolletta Enel presso ricevitorie Sisal

Nel 1999 in seguito alla liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica in Italia. A fine febbraio 2015 lo stato italiano mantiene il 25,5% del capitale della società. Il marchio di Enel, ideato da Bob Noorda e Maurizio Minoggio, nasce dalla combinazione...