Come esercitare il diritto di prelazione

Tramite: O2O 05/09/2016
Difficoltà: difficile
110

Introduzione

Si chiama diritto di prelazione quel diritto di esercitare comprando o affittando un immobile prima di chiunque altro. La prelazione è concessa per legge a chi è già inquilino in forza di un contratto di locazione: se l'immobile venisse posto in vendita, l'inquilino ha una corsia preferenziale che riguardano sopratutto gli immobili con destinazione d'uso commerciale. Diamo inizio a questa guida su come esercitare il diritto di prelazione.

210

Se sei un affittuario e vuoi esercitare il diritto di prelazione, sia su un immobile residenziale che su un immobili agrario, rammenta che dovrai rispettare tutti i criteri stabiliti dalla legge, ovvero confermare la tua intenzione di usufruire del diritto, informare della tua decisione il proprietario dell' immobile e rispettare i tempi di pagamento. Ti ricordo che puoi richiedere il diritto di prelazione non solo se il tuo proprietario ha deciso di vendere il bene immobile che tu occupi come affittuario, ma anche se il tuo proprietario si rifiuta di rinnovarti il contratto d?affitto per diversi motivi, come ad esempio una necessità personale del bene oppure una ristrutturazione strutturale dell'immobile.

310

Se invece sei nella funzione di inquilino, e dopo aver ricevuto la notifica dal tuo proprietario, decidi di esercitare il diritto di prelazione, ricorda che lo dovrai fare entro 30 giorni a partire dal sessantesimo giorno successivo dalla data della notifica da parte del tuo proprietario. Entro lo stesso periodo dovrai stipulare il contratto di compravendita o il contratto preliminare di vendita. Dovrai informare il tuo proprietario, sempre tramite notifica a mezzo ufficiale giudiziario, della tua decisione di accettare il diritto e nello stesso tempo dovrai confermargli le stesse condizioni indicate nella comunicazione che ti ha trasmesso.

Continua la lettura
410

Se sei proprietario di un immobile dove il tuo affittuario svolge una attività commerciale ed è in società con altre persone, ricorda che dovrai inviare la tua raccomandata a tutti i soci che gestiscono l?attività, se non vuoi rendere nulla la tua offerta di prelazione. Se sei l?affittuario, ricorda che il diritto di prelazione sarà valido solo se tutti i conduttori accetteranno congiuntamente tale diritto, oppure se alcuni sottoscriveranno la loro rinuncia lasciando agli altri il diritto di accettazione. Ricorda che se uno dei soci non informa entro i tempi previsti la sua intenzione di rinunciare al suo diritto di prelazione, lo potrai considerare rinunciatario del diritto, come stabilito dalla legge.

510

In caso di vendita, o nel caso in cui si volesse locare nuovamente l?immobile, si può parlare di diritto di prelazione a favore del conduttore quando, alla prima scadenza contrattuale, il locatore si avvalga della facoltà di negazione del rinnovo contrattuale.

610

Si ha la prelazione agraria quando il proprietario di un fondo rustico o di un fabbricato agrario decide di vendere il suo bene, dando preferenza di acquisto al suo affittuario rispetto a terzi che richiedono l?acquisto. Dopo questo quinto passo, passiamo dunque al seguente.

710

Ti ricordo che una volta accettato di diritto di prelazione, dovrai effettuare il pagamento stabilito per il bene immobile entro 90 giorni a partire dalla prima data di comunicazione effettuata dal tuo proprietario insieme al compromesso o al rogito.

810

Nel caso in cui tu sia affittuario e decidi di non far valere il diritto di prelazione, il tuo proprietario avrà la possibilità di vendere il tuo immobile a terzi. Rammenta però di informarlo tramite una lettera raccomandata ricevuta di ritorno, oppure se preferisci con un atto sempre notificato da un ufficiale giudiziario, specificando le tue intenzioni di rinunciare al diritto e richiedendo il tempo necessario per poter liberare l?immobile.

910

E bene ricordarti che se il tuo proprietario avesse venduto il tuo immobile senza averti inviato la notifica, oppure abbia venduto il bene ad un prezzo inferiore a quello indicatoti nella notifica, potrai entro sei mesi dalla registrazione dell?atto di rogito, riscattare l?immobile dall?acquirente e pretendere anche un eventuale risarcimento se la situazione ti ha creato danni.

1010

La prelazione può essere volontaria o legale.
La prelazione volontaria ha come fonte l'accordo delle parti. Oggetto di tale accordo è l'impegno, in capo ad una parte, a concedere un diritto di prelazione alla controparte.
La prelazione legale si caratterizza per avere come fonte la legge stessa. La prelazione avviene quando: il locatore intende vendere l'immobile e non ha la proprietà di altri immobili ad uso abitativo; l'immobile è compreso in un edificio gravemente danneggiato che richiede importanti lavori; L'immobile si trova in uno stabile del quale è prevista la ristrutturazione o demolizione, al fine di realizzare nuove costruzioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come esercitare il diritto di ritenzione

Quando un debito non viene saldato entro i termini stabiliti e il creditore può dimostrare di essere stato penalizzato da questa inadempienza, ecco che vengono a verificarsi tutti gli estremi necessari per poter esercitare il cosiddetto diritto di ritenzione....
Richieste e Moduli

Come esercitare il diritto di usucapione

L'usucapione è un particolarissimo diritto che viene regolamentato in Italia dall'articolo 1158 del Codice Civile. L'uscapione, in sostanza è un diritto attraverso il quale potremo acquisire la proprietà di un bene, dopo averlo posseduto per un certo...
Richieste e Moduli

Come esercitare il diritto di ripensamento

Il diritto di ripensamento, definito anche diritto di recesso, permette ad una delle due parti di sciogliere il contratto, pur non godendo del consenso della controparte e senza dover subire delle penali, ma facendo fronte a tutte le obbligazioni che...
Richieste e Moduli

Come esercitare il diritto di ripensamento su Enelenergia

Grazie alla liberalizzazione all'interno del mercato dell’energia elettrica sono giunti nuovi gestori e l’offerta si è ampliata visibilmente. Sempre più di frequente, però, le offerte presentate dai gestori non sono chiare e non sono sempre vantaggiose...
Richieste e Moduli

Come esercitare diritto di recesso

Quando si acquistano dei beni o dei servizi, abbiamo il diritto di recesso, entro degli stabiliti termini e in alcune ben precise modalità, solitamente descritte sui contratti, con una opzione ben dedicata e descritta. Questa fa parte della tutela del...
Richieste e Moduli

Come Esercitare Una Servitù Di Passaggio

La servitù di passaggio è un diritto reale previsto nel nostro ordinamento giuridico e disciplinato dalle norme del codice civile. L'art. 1027 c.c. lo definisce come il "peso imposto sopra un fondo per l'ultilità di un altro fondo appartenente a diverso...
Richieste e Moduli

Come ottenere permessi per diritto allo studio

Il diritto allo studio è molto importante e soprattutto fondamentale poiché garantisce la formazione, è il diritto all'accesso al percorso formativo della persona. Il diritto allo studio non dipende dalle questioni economiche quindi anche questo tende...
Richieste e Moduli

Come rinunciare al diritto di abitazione

Il codice civile, agli articoli 1022 e seguenti, va a disciplinare il diritto all'abitazione, ponendolo come un diritto reale di godimento relativo a un bene di carattere immobile, di proprietà altrui. Il titolare, gode e dispone dell'immobile all'interno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.