Come emettere un assegno bancario

Tramite: O2O 29/09/2018
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come emettere un assegno bancario. Proprio l'assegno bancario rappresenta uno strumento a disposizione di tutti coloro che siano titolari di un conto corrente presso una qualsiasi banca. Lo stesso infatti permette di disporre in qualsiasi momento della liquidità depositata e quindi di effettuare dei pagamenti sostituendo di fatto sia i contanti che una qualsiasi carta di credito. Un assegno bancario può essere sia di tipo trasferibile che non trasferibile a seconda delle circostanze in cui viene emesso. L'emissione di un assegno bancario è una procedura estremamente semplice e non richiede neanche troppo tempo. È bene tenere presente che per fare il tutto è indispensabile avere a disposizione i relativi fondi in banca, in quanto la legge vieta assolutamente gli assegni scoperti.

27

Occorrente

  • Assegno
  • Penna
37

Scrivere luogo e data di emissione dell'assegno

Tutte le volte che si va a compilare un assegno bancario è assolutamente necessario indicare nella prima riga di fianco alla data il luogo dove ci si trova quando quest'ultimo viene emesso. Nel caso in cui il luogo dovesse coincidere con la località in cui è ubicata anche la banca di emissione, si definisce l'assegno "su piazza". Se invece le località non dovessero coincidere, allora l'assegno sarà "fuori piazza". Successivamente, sempre nella prima riga, bisognerà scrivere anche la data di emissione dell'assegno. La data medesima è assolutamente importante, in quanto l'assegno dovrà poi essere presentato all'incasso, vale a dire versato entro un determinato numero di giorni che saranno 8 nel caso in cui l'assegno sia "su piazza", 15 se invece sarà "fuori piazza". Trascorso tale limite, chi emetterà l'assegno, potrà ordinare alla banca di non effettuare più il pagamento. C'è da dire poi che la legge non permette in nessun caso di emettere assegni post datati, ossia con data successiva a quella in cui viene effettivamente emesso.

47

Scrivere l'importo in cifre con i centesimi

A questo punto bisognerà scrivere l'importo in cifre con i centesimi. Allo scopo di evitare contestazioni di qualsiasi tipo, l'importo dell'assegno bancario andrà indicato due volte e dovrà comprendere due decimali anche nel caso in cui siano pari a zero. L'importo in cifre andrà specificato alla fine della prima riga. Tanto per fare un esempio, se si avrà a che fare con un assegno bancario di 1000 euro, sarà necessario scrivere 1000,00. In presenza di centesimi invece, per esempio 50, allora l'importo corretto da inserire sarà 1000,50.

Continua la lettura
57

Scrivere l'importo in lettere

Adesso risulterà indispensabile scrivere l'importo in lettere dell'assegno bancario, esattamente nella seconda riga di quest'ultimo. In tal caso l'importo andrà scritto per esteso ed andrà apposta una barra tra il numero intero e i relativi decimali. Come nell'esempio del precedente passaggio, nel caso in cui l'assegno sia di 1000 euro, sarà necessario scrivere mille/00. Nel caso in cui fosse 1000,50, allora bisognerà scrivere mille/50. Il fatto di scrivere l'importo in lettere di un assegno è di vitale importanza per far sì che l'importo da incassare sia quello effettivamente indicato dalle cifre.

67

Specificare il beneficiario e firmare l'assegno

Il passo successivo da fare sarà quello di specificare il beneficiario dell'assegno bancario. Quest'ultimo infatti rappresenta il soggetto a favore del quale viene emesso l'assegno stesso e compare nella terza riga. Riportare dunque nome e cognome del beneficiario. Qualora l'assegno sia non trasferibile, il medesimo potrà essere incassato esclusivamente dal beneficiario. In caso contrario, il beneficiario avrà la possibilità di girarlo a terzi, semplicemente mettendo la sua firma nello spazio che si trova nel retro dell'assegno. È sempre consigliato specificare la clausola di non trasferibilità dell'assegno, allo scopo di evitare che possa finire nelle mani di persone totalmente sconosciute. Da ultimo, colui che emette l'assegno, lo dovrà sottoscrivere e la firma dovrà coincidere con quella depositata in banca. Per firmare l'assegno, bisogna utilizzare l'ultima riga a destra.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario non trasferibile

Conseguentemente ad una norma contenuta nella Legge di Stabilità il limite per pagamenti in contanti è stato fissato a 3000 €. Questa manovra è stata fatta al fine di incentivare i consumi e porre fine ad un vero e proprio "terrore" fiscale. Resta,...
Finanza Personale

Come cancellare un protesto di un assegno postale o bancario

Nel momento in cui si va ad emettere un assegno di pagamento, sia bancario e sia postale, c'è la necessità di assicurarsi che la somma che dovrà essere prelevata sia subito a disposizione all'interno del proprio conto corrente personale. Nella guida...
Finanza Personale

Come incassare un assegno bancario

In questi ultimi anni l'utilizzo dei contanti è diminuito in modo notevole a favore di metodi di pagamento come il bancomat, la carta di credito e le carte prepagate (utilizzate soprattutto per gli acquisti in rete). Anche se introdotto da molto tempo,...
Finanza Personale

Come compilare e incassare un assegno

Esistono, come ben saprai, due tipi di assegni, quello denominato bancario e quello definito circolare. Quando compili un assegno bancario o ne ricevi uno in pagamento, oppure richiedi l'emissione di un assegno circolare, ti trovi tra le tue mani due...
Finanza Personale

Come compilare un assegno

Nel mondo digitale in cui viviamo oggi, molti dei trasferimenti di denaro avviene per via telematica attraverso bonifici online. Tuttavia, gli assegni cartacei rappresentano ancora uno strumento molto efficace e poco costoso per spostare somme di denaro....
Finanza Personale

Come emettere assegni circolari

Tutti prima o poi nella vita abbiamo sentito parlare di assegni circolari, in banca, ufficio, tra amici. A molti è capitato di essere interessati ma di non conoscere bene l'argomento? Sono titoli sempre piú richiesti sia da privati che dalle imprese,...
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
Finanza Personale

Cosa fare in caso di assegno scoperto

L'assegno rappresenta un mezzo di pagamento largamente utilizzato al giorno d'oggi. La legge italiana determina che per ingenti somme di denaro non si può effettuare un pagamento in contanti. Come ogni cosa, ovviamente, questo metodo di pagamento presenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.