Come E Perchè Accettare L'Eredità Con Beneficio D'Inventario.

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Secondo l'articolo 490 del Codice Civile l'accettazione con beneficio d'inventario è un atto attraverso il quale una persona dichiara di accettare un'eredità ma di voler evitare che il suo patrimonio personale venga confuso con quello del defunto. Di norma quando ci si trova ad ereditare, il patrimonio dell'erede e quello del de cuius diventano un unicum per cui all'erede passano non solo i beni mobili e immobili, ma anche i crediti e le obbligazioni, perciò chi entra in possesso dell'eredità deve onorare i debiti e quando questi siano ingenti può rivelarsi tutt'altro che conveniente. A tutela dell'erede è stata dunque stabilita la norma del beneficio d'inventario che gli permette di evitare di far fronte a parte dei debiti contratti dal defunto quando era in vita. In questa guida vedremo come e perché accettare l'eredità con beneficio d'inventario.

25

Occorrente

  • Studio della normativa e della prassi
35

L’accettazione con beneficio d’inventario è obbligatoria per l’eredità devoluta ai minori, agli interdetti, a minori emancipati ed agli inabilitati. Non sono invece obbligate al beneficio d'inventario le società commerciali. Il fatto che questo tipo di accettazione sia obbligatoria non significa però che essa sia automatica: occorre che un responsabile compia l'atto necessario affinché l'accettazione sia valida. Quindi per i minori e gli interdetti devono essere i genitori o i tutori a compiere l'atto, dopo aver ottenuto il consenso del giudice tutelare; gli inabilitati e i minori emancipati, che giuridicamente hanno una limitata capacità di agire, possono usufruire del beneficio d'inventario con il consenso dei curatori e del giudice tutelare. Per tutti gli altri soggetti tale tipo di accettazione è facoltativa. Per accedere all'accettazione beneficiata sono necessari alcuni requisiti fondamentali pena la nullità della stessa e il procedimento da seguire è descritto nell'articolo 490 del Codice Civile. Innanzitutto è necessario che vi sia una dichiarazione che deve essere presentata al notaio o a un cancelliere del Tribunale competente per la zona in cui si è aperta la successione. La dichiarazione va inscritta nel Registro delle Successioni che si trova nello stesso Tribunale, nel caso invece che ci si avvalga di un notaio è il professionista che si incarica di trasmettere gli atti al Tribunale. Entro un mese il Cancelliere deve provvedere alla trascrizione della dichiarazione presso l'Ufficio dei Beni Immobili competente e tale trascrizione consente all'erede di pagare i creditori e di soddisfare i legati. È obbligatorio redigere un inventario dei beni facenti parte dell'eredità, ciò può essere fatto prima o dopo l'accettazione.

45

In pratica dunque si deve: fissare un appuntamento con il notaio o il cancelliere; presentare il certificato di morte (ci si può anche avvalere dell'autocertificazione in caso di parentela diretta o per il coniuge); certificare la residenza del defunto (certificato di residenza storico); presentare codice fiscale e carta d'identità sia dell'erede che del defunto; possedere l'autorizzazione del giudice tutelare per i minori, gli inabilitati e gli interdetti. Sono poi necessarie una marca da bollo 14,62 e la ricevuta del versamento di 262 euro a favore del Tribunale. Qualora ci si rivolga a un notaio sarà lui che si occuperà di tali incombenze. Per non decadere dal beneficio, si dovrà effettuare l'inventario entro tre mesi dalla dichiarazione.

Continua la lettura
55

L'inventario è l'elenco preciso della consistenza dei beni, dei crediti e dei debiti della persona defunta quali risultavano al momento del decesso. Per chiedere la redazione dell'inventario ci si deve nuovamente rivolgere alla cancelleria del Tribunale presentando la seguente documentazione: ricorso con nota di iscrizione (presso la cancelleria si può trovare il modello), dichiarazione sostitutiva di atto notorio con l'indicazione ed il recapito delle persone che devono assistere alle operazioni di inventario (il coniuge superstite, gli eredi legittimi presunti e i legatari, l'esecutore testamentario, i creditori), marca da bollo da 8,00 Euro, il pagamento del contributo unificato di 85,00 Euro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come Fare La Rinuncia All'Eredità

L'eredità può essere accettata oppure rinunciata. Nel caso in cui si dovesse decidere di rinunciare ad una eredità oppure ad una parte di essa, si tratta di avanzare una richiesta presso la Cancelleria del Tribunale di residenza. In alternativa si...
Finanza Personale

Come rinunciare all'eredità

La morte di un congiunto determina, oltre all'inevitabile dolore, varie procedure di ordine burocratico e legale, tra esse va annoverata anche l'eredità. Questa però non sempre garantisce delle agevolazioni in termini economici, infatti se da un lato...
Finanza Personale

Come lasciare un'eredità a chi si desidera

L'eredità è un patrimonio che, al momento della morte di chi lo possiede, passa giuridicamente ad un altro soggetto. Le questioni ereditarie sono sempre delle situazioni molto spinose che spesso finiscono con il creare conflitti all'interno delle famiglie...
Finanza Personale

Come scrivere un testamento

Il testamento è un atto pubblico con il quale è possibile scrivere e stabilire la sorte del patrimonio del 'de cuius', ossia del testatore, dopo la sua morte. Si tratta essenzialmente di un atto revocabile che può essere steso in tre diverse forme...
Finanza Personale

Guida delle successioni e delle donazioni

Con questa breve e schematica guida cercheremo di rendere più intellegibili alcuni concetti del diritto delle successioni e delle donazioni, individuando quegli aspetti nei quali più di sovente ci imbattiamo nella vita di tutti i giorni, senza tralasciare...
Finanza Personale

Come negoziare le condizioni di un mutuo con la banca

Quando si ha la necessità di avere dei soldi che non si hanno a disposizione nell'immediato, è possibile chiedere un mutuo alla propria banca. La banca, dopo aver esaminato le credenziali del cliente, può accettare di eseguire un mutuo suddiviso per...
Finanza Personale

Come fare veri affari nel periodo dei saldi

L'attesa dei saldi è sempre dettata dalla voglia di acquistare qualche capo di abbigliamento a metà prezzo o, comunque ad un prezzo più basso rispetto al normale. Durante il periodo dei saldi si riesce più o mano ad accaparrarsi le migliori occasioni,...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Nigeria

La Nigeria è uno stato federale dell'Africa, membro del Commonwealth. Indipendente dal 1960, il paese fu sottoposto a regime militare dal 1966 al 1979. Successivamente è stato retto da una Costituzione che affidava la funzione esecutiva al Presidente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.