Come e dove convalidare le dimissioni

Tramite: O2O 03/03/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

Da alcuni anni, la legge italiana presenta l'obbligo di convalida delle dimissioni. È infatti entrato in vigore un decreto interministeriale che disciplina le procedure relative alla presentazione delle dimissioni. Per combattere la pratica piuttosto frequente della "lettera di dimissioni in bianco" che vengono firmate nel momento dell'assunzione senza però apporvi alcuna data, il Governo ha decretato in merito. Si tratta dunque di un'onere che riguarda sia le dimissioni rassegnate in maniera spontanea dal lavoratore, sia le risoluzioni contrattuali lavorative consensuali. La regolamentazione è piuttosto recente: diverse sono le modalità che la caratterizzano, così come gli obblighi che il datore di lavoro è tenuto a rispettare. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi forniremo maggiori informazioni in merito e capiremo insieme come e dove convalidare le dimissioni.

28

Occorrente

  • Modulistica di comunicazione
38

Manifestare la volontà mediante documentazione ufficiale

Vediamo come e dove convalidare le dimissioni. Prima di tutto, sappiate che l'obbligo non sussiste quando le dimissioni o le risoluzioni contrattuali avvengono in contesti relativi alla riduzione del personale in sede sindacale o istituzionale. Per ricevere ulteriori approfondimenti, consultate la circolare del Ministero del Lavoro del 18/07/2012. Per realizzare la convalida, avete la possibilità di attenervi a due procedure differenti. In tutti e due i casi, manifestate le vostre volontà tramite documentazione ufficiale o dichiarazione esplicita davanti ad un funzionario.

48

Recarsi in un ufficio preposto

Ma ora entriamo nel vivo e scopriamo come e dove convalidare le dimissioni. Recatevi presso un ufficio competenze. È il legislatore in prima persona ad individuarlo. Potete recarvi presso una delle numerose Direzioni Territoriali del Lavoro o uno dei Centri per l'impiego. Avete la chance di convalidare le dimissioni in entrambe le sedi dedicate. Manifestate la vostra intenzione di concludere la collaborazione di lavoro ad un incaricato. Per farlo, presentatevi presso uno degli uffici preposti. Non dovete necessariamente attenervi a formalismi complicati nel corso di questo breve colloquio. In alternativa, ricordiamo che è possibile presentare le dimissioni anche online compilando l'apposito modulo. In tal caso la comunicazione di dimissioni viene spedita alla casella di posta elettronica certificata del datore di lavoro.

Continua la lettura
58

Convalidare le dimissioni

Per convalidare le dimissioni, potete anche presentare una posta in calce ai moduli di comunicazione obbligatoria. Questi ultimi possono essere relativi alla conclusione dei rapporti di lavoro tra dipendente e datore quindi, sono ben adeguati alla presentazione di dimissioni. Se volete, potete eseguire la convalida durante il periodo di preavviso. Infatti, non dovete attendere l'interruzione vera e propria della collaborazione. Nel caso di dimissioni per giusta causa, è necessario convalidare le dimissioni recandosi presso gli uffici del Ministero del Lavoro. Bisognerà portare con sé la lettera già presentata o inviata al datore di lavoro in cui dovrà essere indicata chiaramente la giusta causa per la quale intendete interrompere il vostro rapporto di collaborazione.

68

Conoscere gli obblighi del datore di lavoro

Ora diamo un'occhiata agli obblighi del vostro superiore. Quest'ultimo deve invitarvi a convalidare le dimissioni entro e non oltre i trenta giorni dalla fine della vostra collaborazione lavorativa. In caso contrario, ogni risoluzione perde efficace davanti alla legge. Se nei sette giorni successivi all'invito del vostro capo non presentate alcuna convalida ufficiale, risolverete il rapporto di lavoro. In tale settimana, potete anche revocare le dimissioni e riprendere il lavoro il giorno successivo alla revoca effettiva.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità l'indennità di preavviso

Oggi parleremo di contabilità e di indennità di preavviso, in questa guida. Come voi lettori e lettrici -probabilmente- ben saprete, l’istituto del preavviso tutela il soggetto che, all'interno dell’ambito del recesso di un contratto di lavoro a...
Aziende e Imprese

Come gestire il TFR nel Conto Economico

Quando si parla di trattamento di fine rapporto o TFR si intende una certa retribuzione effettuata dal datore di lavoro che viene data al lavoratore quando termina un rapporto lavorativo. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di elettronica online

Ormai il mercato degli oggetti e soprattutto dei prodotti tecnologici ed elettronici si sta spostando sempre di più verso gli store online. Sono sempre di più, infatti, coloro che sono alla ricerca di offerte o affari sul web per provare a risparmiare...
Aziende e Imprese

Come annullare un contratto

I contratti sono degli accordi, principalmente scritti, che vincolano due parti alla prestazione o alla vendita di beni o servizi in cambio di un compenso. Spesso, però, dopo averlo stipulato, può capitare di accorgersi che tale contratto non sia così...
Aziende e Imprese

Come amministrare un comune

Chi decide di entrare a far parte di un'amministrazione, che sia di un intero paese o anche solo di un piccolo Comune, deve sempre fare i conti con moltissime problematiche, che quotidianamente deve affrontare e risolvere nel migliore dei modi. Il comune...
Aziende e Imprese

Come si registra una fattura di acquisto merci intracomunitaria

I termini "cessione intracomunitaria" e "acquisizione intracomunitaria" sono relativi ai beni forniti da un business in uno Stato membro dell'UE ad un business in un altro Stato membro dell'Unione europea, in cui le merci sono spedite o trasportate dal...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.