Come diventare tecnico ortopedico

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La guida che vi proporremo avrà come argomento fondamentale l'opportunità di svolgere un percorso che porti al raggiungimento di un determinato obiettivo. Per essere specifici, vi spiegheremo come diventare un tecnico ortopedico. Possiamo incominciare subito a interessarci di questa tematica.
Il tecnico ortopedico è un operatore sanitario che, su prescrizione medica, si occupa di costruzione, adattamento, applicazione, riparazione di ortesi (cioè tutori), protesi, aiuti correttivi, sostituenti arti mancanti e di sostegno dell'apparato locomotore, con caratteristiche sia funzionali che estetiche. Addestra inoltre il paziente all'uso dei dispositivi applicati e collabora con altri professionisti alla sua riabilitazione.

25

Le facoltà

Per poter riuscire a esercitare la professione di tecnico ortopedico è strettamente necessario ottenere una laurea in Tecniche Ortopediche. Per farlo, bisogna seguire il corso triennale presso l'università. Ci sono diverse università che offrono questa possibilità, tra le quali troviamo quella di Pavia, quella di Genova, di Pisa, di Firenze, di Bologna, di Roma e anche quella di Reggio Calabria. Per potersi iscrivere al corso di laurea è necessario aver conseguito un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale. L'accesso agli studi è a numero programmato e bisogna superare un test di ammissione che prevede di cultura generale, logica, biologia, matematica, fisica e chimica.

35

Il corso di laurea

Il corso universitario comprendi un totale di circa 4600 ore, che è diviso in semestri. La divisione del totale delle ore è sostanzialmente composta da due gruppi: le ore di pratica, e quelle di teoria. Le ore di pratica sono 3000, mentre quelle di teoria sono le restanti 1600. Ci sono diversi esami, tra i quali troviamo: l'anatomia, fisiologia, biochimica, biologia applicata, patologia, chirurgia generale, diagnostica per immagini e radioterapia, genetica medica, neurologia, psicologia, informatica e diritto al lavoro. Chiaramente la frequenza è obbligatoria. Il corso si conclude con una prova finale consistente nella discussione di una tesi di tipo teorico-applicativo-sperimentale e nella dimostrazione dell'abilità pratica. Questa prova ha valore di esame di stato e abilita alla professione. Dopo aver conseguito la laurea triennale sarà possibile comunque anche proseguire gli studi con la frequenza del relativo corso di laurea magistrale.

Continua la lettura
45

Le opportunità di lavoro

Una volta che avrete terminato il vostro percorso di laurea, avendo così ottenuto una formazione nel settore, sarete diventati un professionista valido con una manualità precisa, una mentalità tecnica e una capacità di realizzare dispositivi funzionali per migliorare la qualità della vita dei pazienti disabili. Avrà anche disponibilità al rapporto interpersonale, sensibilità e pazienza. Egli potrà esercitare la professione come dipendente in strutture sanitarie pubbliche o private e anche in aziende che producono protesi e simili. Nel settore privato il tecnico potrà lavorare anche come libero professionista.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare tecnico radiologo

La stragrande maggioranza degli adolescenti non ha ancora chiaro il mestiere da svolgere in futuro. Man mano che si diventa più grandi, le idee di tante persone cominciano a schiarirsi maggiormente. Alcuni gradiscono lavorare nel settore delle innovazioni...
Lavoro e Carriera

Come diventare direttore tecnico di agenzia di viaggi

Il direttore tecnico di un'agenzia di viaggi è responsabile dell'andamento aziendale. Ne cura quindi tutti gli aspetti tecnici quali la produzione, l'organizzazione e la vendita di viaggi e servizi legati al turismo (trasporto, transfer, alloggio). Un...
Lavoro e Carriera

Come diventare tecnico degli impianti eolici

La continua crescita d'attenzione e interesse verso le fonti di energie rinnovabili, ha comportato un rapido sviluppo del comparto eolico, con annessi e connessi tutta una serie di nuovi sbocchi occupazionali legati alla crescita di nuove e importanti...
Lavoro e Carriera

Come diventare tecnico delle luci per eventi

A causa della crisi economica che l'Italia sta attraversando negli ultimi anni, che ha portato ad una drastica diminuzione dei posti di lavoro e al conseguente aumento della disoccupazione, sono sempre di più, giovani e non, che decidono di intraprendere...
Lavoro e Carriera

Come diventare tecnico di radiologia

La professione di tecnico di radiologia medica si occupa di tutto ciò che fa riferimento all'utilizzo di strumenti radiologici; infatti, questi ultimi possono essere sia artificiali che naturali. La radiologia è praticamente una branca della medicina...
Lavoro e Carriera

Come diventare tecnico di laboratorio biomedico

Per diventare un buon tecnico di laboratorio biomedico bisogna avere una certa inclinazione e passione per le cosiddette scienze esatte (Chimica, Biologia e Matematica) ed essere interessati alla ricerca scientifica. Molto importante è la capacità di...
Lavoro e Carriera

Come diventare operatore tecnico subacqueo

L'operatore tecnico subacqueo è quella persona che è in grado di esercitare attività di lavoro subacqueo. Queste specifiche attività sono generalmente effettuate mediante immersioni a basso fondo; la profondità è fino a circa 50 metri. Ultimamente...
Lavoro e Carriera

Come diventare ispettore tecnico in agricoltura biologica

Il "tecnico ispettore in agricoltura biologica" è colui che si occupa di concedere le autorizzazioni alla coltivazione biologica e annualmente verifica tramite il prelevamento di campioni, che la coltura sia davvero biologica. In Italia gli Ispettori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.