Come diventare psicologo penitenziario

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Lo psicologo penitenziario è a tutti gli effetti uno psicologo, iscritto all'albo, con una laurea regolamentare in psicologia. Non esiste infatti un albo specifico per lavorare nelle carceri in qualità di psicoterapeuta e la psicologia penitenziaria è una branchia della psicologia giuridica. Il ruolo dello psicologo nei penitenziari è quello di sostenere i detenuti in un momento cruciale della propria vita, accompagnandoli durante questo percorso. Aiuterà infatti i detenuti a comprendere lo scopo della pena, a compiere un cammino di formazione, in modo da rendere il periodo detentivo anche un percorso di formazione. Importante, infine, è anche il ruolo che lo psicologo ha nella reintroduzione del detenuto nella società una volta scontata la pena. Ora vediamo come diventare psicologo penitenziario: esistono due modi principali, ma resta comunque necessaria una laurea in psicologia.

25

Occorrente

  • Diploma di scuola superiore; laurea in psicologia; iscrizione all'albo regionale dopo almeno 3 anni di tirocinio presso un professionista, di cui almeno uno all'interno di un carcere; incarico presso un penitenziario
35

La formazione

La qualifica e abilitazione alla professione di psicologo la si acquisisce dopo la laurea presso la facoltà di psicologia, tre anni di percorso formativo nell'esercizio della professione in affiancamento ad un professionista iscritto all'albo degli psicologi e la successiva consacrazione con la propria iscrizione all'albo regionale. Sarà proprio l'albo a decretare l'idoneità a lavorare in qualità di psicologo penitenziario. In alternativa è possibile accedere alla professione tramite dei concorsi periodici indetti dal ministero della giustizia. Una volta superato il concorso si viene assunti con un contratto diverso in base alle esigenze della struttura penitenziaria a cui è assegnati, e si diventerà a tutti gli effetti psicologi penitenziari.

45

Le abilità

Come è noto, lo psicologo possiede delle conoscenze e competenze per intervenire nella vita degli individui. Infatti, esso cura la crescita personale, aiuta, coloro che ne hanno bisogno, ad aumentare l?autostima, aiuta a gestire lo stress, il miglioramento delle relazioni con le persone che ci stanno vicine, ed è probabilmente questo ambito il più tecnico per il professionista penitenziario, infatti i detenuti sono persone che hanno questi bisogni e la figura dello psicologo è di grande aiuto per loro. Lo psicologo penitenziario interviene sul soggetto paziente con diagnosi, riabilitazione, prevenzione. Egli è in grado di tirar fuori da ognuno di noi la ricchezza che conserviamo al nostro interno ed è in grado di curare le ferite inferte dalla vita come traumi e delusioni.

Continua la lettura
55

Le mansioni

Il consulente psicologo penitenziario è in grado di fornire un sostegno ed un aiuto per far riemergere le proprie risorse e potenzialità; gli interventi non sono rivolti al singolo individuo ma anche a gruppi, comunità, famiglie. Come avete potuto leggere, non sempre è semplice raggiungere questo obiettivo, ma con tanto impegno e costanza, riuscirete ad ottenere ciò che vorrete.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare psicologo infantile

La società si evolve in maniera repentina. Ciò porta con sé problematiche sempre più frequenti. I primi a risentirne, nei rapporti familiari, sono spesso i bambini, anche molto piccoli, e spesso si deve ricorrere a degli aiuti esterni per colmare...
Lavoro e Carriera

Come avviare uno studio di psicologo

La psicologia è una disciplina il cui scopo è essenzialmente quello di studiare i processi psichici e mentali degli individui ed è suddivisa in diversi ambiti di applicazione, come ad esempio la psicologia clinica, del lavoro, dello sviluppo, sociale,...
Lavoro e Carriera

Come diventare cantante

Avere un hobby è molto importante nella vita: serve a staccare la spina dagli impegni quotidiani e a rilassarsi facendo ciò che piace a se stessi. Ma a volte un semplice hobby può diventare un lavoro vero e proprio. Se avete infatti la passione e le...
Lavoro e Carriera

Come diventare infermiere

In questa guida vi spiegherò come diventare infermiere. Con la nuova normativa dovete sapere che diventare infermiere non è più semplice come una volta. Infatti, da una decina d'anni a questa parte è una professione che fa parte di un'altra facoltà....
Lavoro e Carriera

Come diventare direttore generale

Che sia per aspirazione personale o per altri motivi, voler diventare qualcuno in una posizione di rilievo in un'azienda è il sogno di molti. Purtroppo, però, non è così facile. Per diventare il direttore generale servono moltissime caratteristiche...
Lavoro e Carriera

Come diventare pilota militare

Quello di diventare un pilota è il sogno di tantissimi bambini, ma per diventarlo realmente è necessario seguire un percorso lungo e sacrificato. In Italia, il modo più efficace e veloce per diventare pilota dell'Aeronautica militare, è quello di...
Lavoro e Carriera

Come diventare generale dell'aeronautica

Diventare generale dell'Aeronautica Militare è senza dubbio il sogno di ogni giovane che ama volare e combattere in volo seguendo la tradizione dei cavalieri dell'aria che vedono in Francesco Baracca e soprattutto in Manfred von Richthofen, il famoso...
Lavoro e Carriera

Come diventare istruttore amministrativo

Se vogliamo diventare istruttore amministrativo, ecco una guida per noi. Quello dell'istruttore amministrativo è un mestiere dalla lunga storia. Si tratta di una professione importante ed impegnativa. Sono molteplici le opportunità di lavoro che gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.