Come diventare ingegnere ambientale

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Esistono moltissimi mestieri che attirano ogni giorni milioni di giovani, i quali speranzosi e pieni di voglia di imparare si iscrivono all'università. La scelta del percorso universitario costituisce un passo importante per le notevoli implicazioni nel tipo di vita che si intende costruire. Con le attuali difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro diventa fondamentale decidere l'excursus accademico più vicino alle proprie potenzialità ma anche in grado di permettere un possibile sbocco lavorativo rispetto alle reali esigenze del mercato. In questo articolo proviamo ad illustrarvi come diventare ingegnere ambientale. Un mestiere per nulla facile ma allo stesso tempo molto interessante. Attraverso pochi e semplici passaggi vi daremo utili suggerimenti e consigli per poter iniziare questo particolare percorso di studi e capire se fa per voi. Vediamo di capire meglio.

27

Di cosa si occupa l'ingegnere ambientale

L'ingegnere ambientale è una figura professionale entrata nel panorama lavorativo con la crescente attenzione verso i temi legati alla salvaguardia dell'ecosistema. Questa tutela ambientale si va articolando su più fronti: dall'inquinamento idrico ed atmosferico alle varie forme di rischio naturale (sismi, alluvioni, frane..), dal telerilevamento all'idrologia, dallo smaltimento dei rifiuti alla pianificazione del territorio. Per acquisire questo titolo sarà necessario laurearsi in ingegneria ambientale o civili ed ambientale e, successivemente, ottenere una specializzazione in progettazione e programmazione urbanistica con la finalità di imparare a preverire, amministrare e rilevare le eventuali conseguenze che le strutture edilizie possono generare sull'ambiente.

37

Iscriversi al corso di laurea

Per diventare ingegneri ambientali occorre innanzitutto iscriversi al corso di laurea in Ingegneria dell'Ambiente e del Territorio; questo percorso accademico, come molti, è ancora articolato in una laurea di tre anni a cui fa seguito un biennio specialistico. Il passo successivo consiste nel superamento dell'esame di stato che permette l'iscrizione all'albo dell'ordine degli ingegneri. Spesso si conseguono ulteriori qualifiche attraverso master e corsi che rendono più competente e spendibile sul mercato la propria figura professionale. Importanti e qualificanti sono anche le esperienze formative di tirocinio e stages, realizzate all'interno o dopo il periodo universitario, che possono consentire di acquisire abilità specifiche per essere traghettati con una maggiore facilità in una ambiente di lavoro.

Continua la lettura
47

Le materia di studio

Le materie di studio che si dovranno affrontare saranno fisica, chimica, analisi matematica, meccanica e costruzione idraulica, geologia, scienza delle costruzioni, geotecnica, tecnologie di risanamento, monitoraggio ambientale, architettura edile, eccetera.

57

Carriera dell'ingegnere ambientale

La carriera dell'ingegnere ambientale può essere ricca di stimoli professionali interessanti e di ruoli di prestigio; d'altra parte, l'esigenza di aver cura del nostro territorio e la necessità di coniugare lo sviluppo con un'ottica più eco-sostenibile rende questi professionisti delle figure cardine all'interno delle aziende o nei vari settori della pubblica amministrazione. Come in molti campi, è richiesta una forte propensione al coordinamento e alla collaborazione in team oltre alla propensione ad essere costantemente aggiornati sulle innovazioni giuridiche e tecniche attinenti alla propria disciplina.

67

Funzioni dell'ingegnere ambientale

Va tenuto presente che l'ingegnere ambientale svolge innumerevoli altre funzioni quali ad esempio la progettazione di risanamento delle aeree inquintate, la coordinazione di interventi finalizzati a difendere il territorio da ogni forma di inquinamento, la messa in sicurezza degli impianti e delle attrezzature, la tutela sia delle persone che delle cose da danni ambientali, il controllo delle risorse idriche, la difesa del suolo dai pericoli naturali, il monitoraggio dell'ambiente e la relativa diagnostica, la progettazione di tecnologie finalizzate al risanamento del territorio e molto altro.

77

Sbocchi professionali

Sono molti gli sbocchi professionali che questa laurea offre, infatti l'ingegnerie ambientale può svolgere la propria attività presso società di ingegneria, studi professionali, società produttrici di impianti di antinquinamento, aziende che si occupano dello smaltimento dei rifiuti, società impegnate nella classificazione energetica, aziende pubbliche di monitoraggio, protezione civile, imprese di assicurazione e quant'altro.
Certamente ingegneria ambientale non è una facoltà semplice, richiede molto tempo e molta attenzione per poter terminare gli studi in tempi brevi. La dedizione e lo studio ripagheranno del tempo passato sui libri, facendovi diventare dei professionisti in questo settore. Attraverso i consigli di questa guida potrete certamente capire subito se questa facoltà fa al caso vostro oppure no, ma soprattutto come accedervi nel caso decidiate di intraprendere questo percorso di studi. Vi auguro quindi buon lavoro e buona fortuna.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare ingegnere

La professione di Ingegnere è tutt'ora, anche in presenza di crisi, quella che dà più sbocchi lavorativi a tempo breve dopo la laurea. Di fatti, le statistiche dicono che Il lavoro per i laureati in Ingegneria è stabile per il 49%, ad un anno dalla...
Lavoro e Carriera

Come diventare ingegnere aeronautico

L'ingegnere aeronautico rappresenta una figura professionale che attualmente gode di un grande prestigio. Al giorno d'oggi si tratta di un'occupazione molto ricercata dalle aziende. Stiamo parlando di una scelta che necessita di enorme spirito di sacrificio...
Lavoro e Carriera

Come ottenere il riconoscimento di un titolo professionale conseguito in Svizzera

Per poter esercitare in Italia la propria attività lavorativa avvalendosi di un titolo professionale conseguito in uno Stato Estero extra-europeo, è necessario ottenere il riconoscimento di questo stesso titolo. In particolare, se lo Stato in questione...
Lavoro e Carriera

i green jobs del futuro

Il lavoro nel mondo delle energie rinnovabili è una prospettiva che ha preso piede negli ultimi anni ed è cresciuta notevolmente. I green jobs sono ormai una realtà che porta non solo vantaggi per l'ambiente e per la qualità della vita, ma anche un...
Case e Mutui

Come Segnalare La Presenza Di Amianto

L'amianto (dal greco amiantos che significa immacolato) o asbesto è un minerale naturale a struttura microcristallina e di aspetto fibroso. Appartiene agli inolisicati (nome di origine greca che significa fibra) ed ai fillosilicati (termine di origine...
Lavoro e Carriera

Come diventare verificatore ambientale

Se avete seguito un percorso di studi in ambito scientifico e avete una grande passione per la natura, se siete anche delle persone precise e con una buona capacità di gestione, propensi a lavorare nel campo ambientale e della consulenza alle aziende,...
Lavoro e Carriera

Come diventare ingegnere energetico

Qui in Italia ci sono tanti percorsi universitari che portano a sfociare in tante carriere tutte diverse tra loro, da medicina a giurisprudenza passando per la laurea in fisica, matematica e lettere. Tutti, dopo le scuole superiori ambiscono al meglio...
Lavoro e Carriera

Come diventare giurista ambientale

Quella del giurista ambientale è una figura che fornisce consulenze in merito a questioni di diritto ambientale. Quest'ultima è una branca della giurisprudenza che dagli anni Novanta del secolo scorso si sta sempre più sviluppando, grazie alla maggiore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.