Come diventare curatore fallimentare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il curatore fallimentare è una figura professionale di rilevante e fondamentale importanza per la gestione di attività imprenditoriali che sono sottoposte ad una procedura fallimentare.
Il fallimento delle imprese e degli imprenditori è disciplinato dalla legge fallimentare n. 267/1942 continuamente e costamente aggiornata nel tempo, riformata da ultimo con la Legge n°232 dell’11 dicembre 2016 (Legge di Bilancio) che prevede, tra le altre la nomina di un professionista che si occupi di gestire la procedura fallimentare cui l'impresa è sottosposta.
Il curatore fallimentare è pertanto una figura professionale che richiede competenze e conoscenze tecniche in vari settori, nonché il possesso di particolari rquisiti.
Vedremo dunque, in questa guida, come diventare curatore fallimentare, quali sono i requisiti da possedere e l'iter da seguire per ottenere l'incarico professionale.

26

Quali sono le mansioni di un curatore fallimentare

Le norme in materia di gestione del fallimento d'impresa prevedono la nomina di un curatore che si occupi, principalmente, dell'amministrazione di un patrimonio e della situazione debitoria e creditoria dell'azienda, sotto la vigilanza del giudice delegato e del comitato dei creditori. Le mansoni svolte dal curatore fallimentare sono di varia natura: amministrativa, contabile, fiscale, gestionale.
Il curatore le esegue nel rispetto di una procedura predeterminata che prevede la cooperazione con il giudice delegato, portando a compimento i provvedimenti da lui disposti.

36

Quali requisiti deve possedere il curatore fallimentare

Il curatore fallimentare deve possedere, come abbiamo detto, competenze tecniche specifiche. Pertanto, possono auspicare a ricevere tale incarico gli appartenenti alle categorie professionali di ragioniere, avvocato, ragioniere commercialista e dottore commercialista, che siano iscritti nell'albo pofessionale previsto. Appare di tutta evidenza che requisito essenziale per poter accedere all'incarico di curatore sia il possesso di un titolo di studio in ambito giuridico o economico, la relativa abilitazione alla professione e conseguente iscrizione all'ordine professionale di riferimento.
Tuttavia è possibile seguire altro iter procedurale per diventare curatore fallimentare. L'aspirante candidato ad ottenere l'incarico dovrà dimostrare in maniera documentale la sua esperienza e competenza nella gestione di un'attività d'impresa. Saranno idonei i soggetti, ad esempio, che abbiano svolto pratica pluriennale presso studi professionali, ovvero coloro che abbiano ricporto ruoli direttivi ed amministrativi all'interno di società per azioni. I suddetti professionisti hanno peraltro, generalmente, la possibilità di frequentare corsi mirati per poter arricchire le proprie conoscenze ed essere preparati allo svolgimento della professione. Si tratta di corsi costituiti appositamente per agevolare l'ottenimento dell'applicazione della figura di curatore fallimentare.

Continua la lettura
46

Chi non può essere curatore fallimentare

L'accesso all'incarico di curatore fallimentare può essere impedito, in taluni casi, da precisi motivi ostativi. In particolare, non può ottenere l'incarico alla curaela del fallimento il coniuge del soggetto fallito, i parenti e li affini entro il quarto grado.
Non è possibile l'accesso all'incarico per i creditori dela procedura falimentare e per chi abia avuto responsabilità nel dissesto dell'impresa. Infine non può essere nominato curatore di una procedura di fallimento, il commissario del precedente concordao preventivo con i creditori o suoi assistenti e, in generale, ogni soggetto con il quale vi siano evidenti conflitti d'interesse.

56

Come e dove presentare richiesta per diventare curatore fallimentare

I soggetti in possesso dei requisisi prtevisti dalla legge deono presentare al giudice delegato richiesta di inserimento nell'elenco dei curatori fallimentari, mediante deposito in cancelleria del tribunale.
Il giudice delegato al fallimento si occupa di individuare tra gli iscritti, il professionista più adeguato
mediante la disamina attenta e dettagliata del curriculum vitae et studiorum, nonché una verifica di eventuali relazioni con il fallito e di ogni altro elemento che ritiene necessario. Procede quindi ad emettere il provvedimento di nomina. Il curatore fallimentare, in tal modo incaricato, è abilitato alla gestione del fallimento dell'mpresa, con la precisa finalità di soddisfare ogni creditore e naturalmente previa autorizzazione e sotto la supervisione del giudice delegato.
Per ogni ulteriore approfondimento e informazione consulta il sito dell'Associazione Curatori Fallimentari.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • per ogni ulteriore approfondimento e informazione consulta il sito dell'Associazione Curatori Fallimentari
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come prepararsi all'esame per diventare esperto contabile

Al mondo esistono moltissimi mestieri che è possibile fare e che potrebbero essere particolarmente remunerativi. Uno di questo è il mestiere di contabile. La professione di esperto contabile si realizza nell'espletamento della funzione di garanzia nella...
Lavoro e Carriera

Come diventare cantante

Avere un hobby è molto importante nella vita: serve a staccare la spina dagli impegni quotidiani e a rilassarsi facendo ciò che piace a se stessi. Ma a volte un semplice hobby può diventare un lavoro vero e proprio. Se avete infatti la passione e le...
Lavoro e Carriera

Come diventare infermiere

In questa guida vi spiegherò come diventare infermiere. Con la nuova normativa dovete sapere che diventare infermiere non è più semplice come una volta. Infatti, da una decina d'anni a questa parte è una professione che fa parte di un'altra facoltà....
Lavoro e Carriera

Come diventare direttore generale

Che sia per aspirazione personale o per altri motivi, voler diventare qualcuno in una posizione di rilievo in un'azienda è il sogno di molti. Purtroppo, però, non è così facile. Per diventare il direttore generale servono moltissime caratteristiche...
Lavoro e Carriera

Come diventare generale dell'aeronautica

Diventare generale dell'Aeronautica Militare è senza dubbio il sogno di ogni giovane che ama volare e combattere in volo seguendo la tradizione dei cavalieri dell'aria che vedono in Francesco Baracca e soprattutto in Manfred von Richthofen, il famoso...
Lavoro e Carriera

Come diventare docente di diritto

Fin da piccoli, ognuno di noi aveva il suo sogno nel cassetto: diventare un astronauta, un pilota, un poliziotto oppure un avvocato erano i sogni più ambiti. Crescendo molte cose sono cambiate: i gusti, le circostanze e le ambizioni possono essere molto...
Lavoro e Carriera

Come diventare maestro di sci

Lo sci è uno sport molto bello e per impararlo occorre prendere lezioni sul campo. Una volta acquisite tutte le regole necessarie il passo successivo è quello di allenarsi. In questo modo con il tempo si può decidere anche di diventare maestro di sci....
Lavoro e Carriera

Come diventare istruttore amministrativo

Se vogliamo diventare istruttore amministrativo, ecco una guida per noi. Quello dell'istruttore amministrativo è un mestiere dalla lunga storia. Si tratta di una professione importante ed impegnativa. Sono molteplici le opportunità di lavoro che gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.