Come diventare conciliatore professionista

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Molto spesso le persone finiscono in tribunale a causa di piccoli o grandi screzi, che potrebbero essere risolti in brevissimo tempo grazie a degli accordi ben precisi e stipulati a norma di legge. Negli ultimi tempi si sta infatti inserendo una figura professionale nell'ambito legislativo atta proprio a risolvere questi diverbi, in modo da conciliare le parti e rendere tutti contenti senza ingenti parcelle. La figura del conciliatore o mediatore civile sarà con molta probabilità una della professioni del futuro a seguito della riforma apportata con il Decreto Legislativo n° 28 del marzo 2010. L'obiettivo del mediatore è quello di trovare una soluzione per conciliare le parti senza dover ricorrere al tribunale. Il risultato di questa nuovo metodo di risoluzione dei conflitti sarebbe per l'Italia una notevole riduzione del costo delle attività giudiziarie che già affliggono il nostro sistema. Ma vediamo quali sono i requisiti per diventare un conciliatore professionista. In questa guida daremo alcuni semplici e pratici consigli e vedremo come intraprendere questa carriera.

25

Occorrente

  • laurea
35

Per diventare mediatore è necessario svolgere un corso formativo a pagamento messo a disposizione di tantissimi enti. Per accedere a questi corsi è necessario però essere in possesso di una laurea triennale in materie economico-legali, ma anche umanistiche. Inoltre sono necessari alcuni requisiti legati all'onorabilità della nostra condotta per cui ad esempio non devono essere presenti a nostro carico delle condanne. Sarà opportuno possedere anche delle doti specifiche più legate ad aspetti caratteriali, come ad esempio una spiccata capacità di comunicare con gli altri e di utilizzare al meglio la dialettica.

45

Se quindi possediamo le caratteristiche sopra descritte, possiamo procedere per intraprendere questa strada. Accediamo al sito del Ministero della Giustizia e consultiamo l'elenco degli enti riconosciuti.
Troveremo indirizzi, mail e numeri telefonici per poterli contattare e scegliere quello che preferiamo.
La scelta dell'ente è fondamentale, assicuriamoci che abbiano i requisiti giusti.
Molto importante è valutare la presenza di formatori con esperienza e competenze; le ore del corso sono circa 40-50, quindi diffidiamo dagli slogan che prometto corsi di poche ore e che magari chiedono qualche euro in più.
Infine verifichiamo se l'ente erogatore del corso sia anche ente di conciliazione, ci sarà molto utile dopo.

Continua la lettura
55

Iscriviamoci al corso dopo esserci informati su tutto.
Potremmo iscriversi on line e poi pagare con bonifico.
Frequentiamo il corso senza perdere nessun'ora, altrimenti non ci verrà consegnato l'attestato, e sosteniamo l'esame.
Finito il corso, non sono finite però le tappe per essere conciliatore, senza un ulteriore passo non potremmo esercitare.
Iscriviamoci, dunque all'albo di un ente di conciliazione.
Presentiamo l'attestato e un curriculum, paghiamo infine l'importo per l'iscrizione.
Attendiamo l'accettazione alla nostra richiesta per poter esercitare.
Per diventare conciliatore basta veramente poco, seguendo i consigli e i suggerimento di questa guida potrete fare tutto nella maniera più corretta possibile, in men che non si dica potrete esercitare questa professione. Non mi resta quindi che augurarvi buona fortuna.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare mediatore culturale

Questa figura professionale è piuttosto recente ed è stata istituita per facilitare l'integrazione degli stranieri nel nostro paese e il loro accesso ai servizi pubblici, come le istituzioni scolastiche, sanitarie, giudiziarie e amministrative.Il suo...
Lavoro e Carriera

Come diventare un esperto mediatore familiare

La separazione coniugale è un fenomeno sempre in continua crescita nella società moderna. Quando all'interno di una coppia iniziano le controversie che sono causa di frequenti litigi, si tende a ricorrere legalmente alla rottura del rapporto avvalendosi...
Lavoro e Carriera

Come Diventare Traduttore Professionale

Il titolo di questa guida ci indica l'argomento di nostro interesse: come diventare traduttore professionale. Il traduttore, agli occhi di molte persone, sembra una professione facile da esercitare. Per fare il traduttore bisogna conoscere perfettamente...
Lavoro e Carriera

Come diventare mediatore sociale

Il mediatore sociale è una figura professionale indispensabile in Europa ed in America. Libero professionista o collaboratore in studi legali, tribunali o psicologi concilia eventuali contenziosi tra due o più parti. Con imparzialità, offre le proprie...
Lavoro e Carriera

Come diventare mediatore creditizio

Il mediatore creditizio è un professionista che ha il compito di dirigere la propria clientela verso un finanziamento adeguato alle proprie esigenze (ad esempio un mutuo). Questa figura si relaziona continuamente con istituti creditizi per cercare di...
Richieste e Moduli

Come presentare un ricorso alla Commissione Tributaria

La Commissione Tributaria è un organo giurisdizionale italiano istituito per risolvere le controversie in ambito tributario. Rivolgendosi a questo, i soggetti potranno ottenere una attenta revisione dell'ammontare di una cifra di denaro pretesa da un...
Finanza Personale

Come funziona la mediazione civile

Il Decreto Legge n. 69/2013, convertito con la legge n. 98/2010, ha modificato il precedente decreto legislativo con il quale veniva introdotta per la prima volta in Italia la disciplina della mediazione civile. Con l’espressione “mediazione” la...
Lavoro e Carriera

Le principali responsabilità del mediatore

Con il termine mediatore viene solitamente indicata quella particolare figura che ha il compito di mettere in relazione due o più parti, al fine di giungere alla conclusione di un affare o di un contratto. Il mediatore non ha legami di alcun tipo con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.