Come diventare Cavaliere del Lavoro

Tramite: O2O 29/10/2017
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il lavoro, come dice il famoso proverbio, nobilita l'uomo. Se gli si riconosce anche le fatiche che ha sopportato durante i lunghi anni, allora diventa ancora più gratificante.
Ricevere l'onorificenza di Cavaliere del Lavoro equivale a coronare un lungo percorso lavorativo di meriti e sacrifici, vedendo riconosciuti i propri sforzi ed il prestigio raggiunto a livello nazionale. L'istituzione ha origine antica e risale al Regno d'Italia. Il Presidente della Repubblica è l'unico che può conferire il titolo di Cavaliere del Lavoro. Il Presidente, infatti, è a capo dell'Ordine al Merito del Lavoro di cui fanno parte i cavalieri. Per ottenere questo titolo occorre possedere specifici requisiti stabiliti dalla legge. Scopriamo allora come si può ottenere questo riconoscimento in Italia e diventare Cavaliere del Lavoro.

25

Chi può diventare Cavaliere del Lavoro

Il cavalierato costituisce un'istituzione a cui tutti i cittadini italiani (anche se residenti all'estero) possono potenzialmente ambire. Naturalmente è necessario possedere specifici meriti nel campo del lavoro. Tale titolo può essere acquisito rendendo un servizio allo Stato italiano in almeno uno dei vari ambiti di impiego: agricoltura, industria, commercio, artigianato oppure attività creditizia e assicurativa. I lavoratori che hanno ricevuto il titolo di Cavaliere del Lavoro si distinguono per gli importanti risultati raggiunti nel proprio lavoro e per la dedizione con cui hanno portato avanti la loro attività.

35

La selezione per diventare Cavalieri del Lavoro

La procedura di selezione per diventare Cavaliere del Lavoro è composta da due fasi. Nella prima i Ministri del Lavoro e dell'Agricoltura indicano, annualmente, circa 40 nomi di cittadini considerati meritevoli di ricevere il titolo di Cavaliere del Lavoro. La seconda fase invece, vede il Presidente della Repubblica selezionare tra questi candidati solo 25 nomi a cui concedere la prestigiosa onorificenza. I nuovi Cavalieri del Lavoro vengono istituiti del titolo con un conferimento ufficiale nel giorno della Festa della Repubblica.

Continua la lettura
45

I requisiti necessari per ricevere l'onorificenza

I cittadini selezionati e riconosciuti come Cavalieri del Lavoro devono avere dei requisiti particolari. Innanzitutto devono essersi contraddistinti per una condotta morale e professionale irreprensibile. È necessario poi aver svolto almeno vent'anni consecutivi di impiego. Infine, non devono aver svolto alcuna attività lesiva dell'economia nazionale, adempiendo sempre agli obblighi tributari e fiscali. Insieme al riconoscimento ufficiale, durante la cerimonia pubblica, i Cavalieri ricevono un simbolo in dono: una croce d'oro appuntata su un nastro verde e rosso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare responsabile della sicurezza sul lavoro

Una delle figure che non possono mancare in un'azienda è il responsabile della sicurezza sul lavoro. Dal nome si capisce che si tratta di una persona che deve vigllare sulla sicurezza in ambito lavorativo il che comprende non solo la manutenzione ed...
Lavoro e Carriera

Come diventare ispettore del lavoro

L’Ispettore del lavoro svolge una funzione di vigilanza in materia di lavoro. È un dipendente della Pubblica Amministrazione e il suo lavoro prevede che prenda importanti decisioni legate alla tutela dei lavoratori. Inoltre ha facoltà di eseguire...
Lavoro e Carriera

Come iscriversi all'albo dei consulenti del lavoro

Il consulente del lavoro è un professionista dell'area giuridica/economica che garantisce l'assolvimento degli adempimenti relativi alle assunzioni, ai licenziamenti e al trattamento economico/previdenziale dei lavoratori. Si tratta di un libero professionista...
Lavoro e Carriera

Come trasformare l'hobby della fotografia in lavoro

Se avete la passione della fotografia e nel vostro tempo libero avete cominciato a scattare foto, e a lungo andare vi siete accorti che questa passione potrebbe diventare un lavoro a tutti gli effetto. Nella guida che segue troverete alcuni consigli come...
Lavoro e Carriera

Come Diventare Commendatore

Tra le varie onorificenze che lo Stato italiano concede ai cittadini meritevoli, vi è una in particolare che riguarda il titolo di Commendatore. Istituito nel 1951, viene concesso dal Presidente della Repubblica, capo anche di un Consiglio specifico...
Lavoro e Carriera

Come diventare parrucchiera

Quando si tratta di felicità sul lavoro, imparare a diventare una parrucchiera sembra essere la strada più giusta da percorrere. Secondo alcuni studi, infatti, i parrucchieri sono i lavoratori più felici con un 40% di soddisfazione, segnando il punteggio...
Lavoro e Carriera

Come svolgere il lavoro di animatore per bambini

Fare animazione per bambini e intrattenerli risulta essere un'opportunità di lavoro veramente speciale. All'apparenza può sembrare semplice e banale, mentre in realtà è un lavoro impegnativo e stancante. Naturalmente, per poter svolgere questo specifico...
Lavoro e Carriera

Come diventare fiorista: i migliori corsi da seguire

Diventare fiorista è l'aspirazione di molti. Se hai fantasia, senso estetico e creativo, amore per i fiori e le piante, questo potrebbe essere il lavoro più adatto a te. Un fiorista può esercitare come artigiano oppure lavorare in centri di fioricoltura....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.