Come diventare Cancelliere Federale della Germania

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il titolo di cancelliere è utilizzato in vari ordinamenti per raffigurare un funzionario con attribuzioni diverse. L'ufficio al quale il cancelliere è preposto è detto cancelleria. Nei paesi di lingua tedesca il titolo di cancelliere equivale a quello di primo ministro. Il titolo fu assunto da Adolf Hitler nel 1933; dal 1934, dopo la morte di Paul von Hindenburg, assunse anche la carica di capo dello stato e usò il titolo di Führer und Reichskanzler. Nel 1949, con la costituzione della Repubblica Federale Tedesca, al capo del governo fu attribuito il titolo di cancelliere federale (Bundeskanzler), mentre la Repubblica Democratica Tedesca adottò fino al 1964 il titolo di presidente dei ministri (Ministerpräsident) ed in seguito quello di presidente del Consiglio dei ministri (Vorsitzender des Ministerrates). Il titolo di cancelliere federale è attribuito anche al capo del governo austriaco dal 1918 (in precedenza, dal 1821 al 1918, durante l'Impero austriaco poi austro-ungarico, si usava il titolo di presidente dei ministri). Nei passi della guida a seguire, vi sarà illustrato come diventare cancelliere federale della Germania.

26

Occorrente

  • appartenere ad un partito all'interno del Bundestag
  • il consenso della maggioranza dei deputati
36

Per la prima volta nella storia della Repubblica federale tedesca, il procedimento elettorale che porta alla nomina del Cancelliere federale della Germania, viene descritto in maniera molto accurata e precisa all'interno dell'art. 63 della stessa costituzione tedesca. Per questo motivo, oggi, si può dire, con precisione, che il Cancelliere federale della Germania viene scelto e nominato dal Bundestag, simile al nostro Parlamento italiano, e non dal Presidente della Repubblica federale tedesca.

46

Se desiderate entrare a far parte di questo mondo, indi per cui venire eletti alla carica di Cancelliere federale della Repubblica tedesca, dovete, almeno per quanto riguarda la "Prima fase elettorale": appartenere ad un partito o ad un gruppo parlamentare all'interno del Bundestag e raggiungere la maggioranza assoluta dei voti all'interno sempre del Bundestag. Qualora, come candidati, riuscirete a superare questa delicatissima prima fase elettorale, si passerà alla seconda fase elettorale.

Continua la lettura
56

Nella "Seconda fase elettorale" dopo il voto negativo ricevuto dal candidato proposto dal Presidente della Repubblica federale tedesca si procede alla scelta da parte del Bundestag di uno o più candidati in grado di ottenere la maggioranza assoluta dei voti all'interno dello stesso Bundestag. Qualora, ancora una volta, non sia possibile arrivare all'elezione di un candidato idoneo alla carica di Cancelliere federale della Repubblica si passa alla "Terza ed fase elettorale"; in quest'ultima fase viene eletto il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti tra i tutti i candidati. Sperate quindi, di essere voi questi ultimi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Vantaggi di lavorare in Germania

La Germania è, attualmente, l'economia più forte d'Europa. Negli ultimi anni il livello di benessere del Paese tedesco ha subito un notevole innalzamento. Nonostante esista ancora la disoccupazione, la Germania offre tante opportunità. In primo luogo...
Lavoro e Carriera

Lavorare come infermiere in Germania

Sono molte le persone che scelgono di trasferirsi in Germania per lavorare. Alcuni lo fanno per crescere a livello professionale e accumulare esperienze lavorative. Altri invece cercano un'occupazione fissa che in Italia non trovano. Chi vuole trasferirsi...
Lavoro e Carriera

Germania: come trovare lavoro

A metà degli anni '50 la Germania è diventata meta per molti immigrati in cerca di una nuova occupazione. Gli italiani, insieme ad altri stranieri sono stati tra i primi a sceglierla come destinazione, famose in tutta la Germania sono le pizzerie e...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Germania

Trasferirsi e lavorare all'estero è un'esperienza che cambia la vita. Le motivazioni per questo tipo di cambiamento possono essere diverse. Negli ultimi tempi anche per noi italiani è ritornato un fenomeno come l'emigrazione per esigenze lavorative...
Lavoro e Carriera

Come diventare Frutticoltore

Il frutticoltore è specializzato nella cura di alberi da frutto. L'attività viene in genere svolta come dipendente o titolare di un'azienda agricola. Questa attività può essere svolta in abbinamento con altre attività quali l'allevamento di animali...
Lavoro e Carriera

Come diventare infermiere

In questa guida vi spiegherò come diventare infermiere. Con la nuova normativa dovete sapere che diventare infermiere non è più semplice come una volta. Infatti, da una decina d'anni a questa parte è una professione che fa parte di un'altra facoltà....
Lavoro e Carriera

Come diventare arbitro di pallavolo

La pallavolo è uno sport che si svolge tra due squadre di 6 giocatori ciascuna. Lo scopo di tale sport è quello di far cadere la palla all'interno del campo avversario per ottenere un punto. Oltre ai giocatori delle due squadre sul campo c'è anche...
Lavoro e Carriera

Come Diventare Commendatore

Tra le varie onorificenze che lo Stato italiano concede ai cittadini meritevoli, vi è una in particolare che riguarda il titolo di Commendatore. Istituito nel 1951, viene concesso dal Presidente della Repubblica, capo anche di un Consiglio specifico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.