Come disdire un contratto di locazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Conoscere tutti i dettagli del proprio contratto di locazione, evita possibili sorprese legali che preferiremmo non avere. Alla fine del contratto, questi generalmente viene rinnovato, sia dal locatore che dal conduttore, basandosi sulle condizioni precedentemente stabilite. Se invece una delle parti decreta di non procedere al reiterazione dello stesso, allora bisogna passare alla disdetta, seguendo le procedure appropriate. Nei passi successivi verrà spiegato come disdire un contratto di locazione, evidenziando, nei particolari, quali sono le determinanti principali di tale processo.

24

Innanzitutto se il contratto prevede la formula ad "equo canone", non è contemplata la rescissione prima dello scadere dei quattro anni, anche per necessità. Con quello "ad uso foresteria", inoltre, si fa riferimento a tipologie di accordo definite da enti o aziende che decidono di affittare un proprio locale ad un dipendente. La rescissione di questa tipologia, se dichiarata logicamente, la si può comunicare entro le tre rette precedenti alla scadenza.

34

Continuando, se il conduttore vuole disdire il contratto, prima che questi scada, deve spedire una raccomandata almeno sei mesi prima dell'abbandono dell'abitazione. Il locatario sarà, però, costretto a pagare l'affitto per tutti e sei i mesi successivi alla disdetta; può anche decidere di farsi scalare le ultime tre mensilità dalla caparra. Se il locatario noterà dei danni all'abitazione, questi sarà legittimato a trattenere la cauzione.

Continua la lettura
44

Per concludere non dimenticate mai che la cosa più importante è definire e capire bene di che tipo di contratto state parlando. Per quelli ad uso abitativo possono essere usate diverse formule; una di queste prevede che questi venga a sciogliersi al suo termine, che può essere decretato dopo otto anni (con rinnovo dopo il quarto), oppure, dopo cinque. L'accordo può essere svincolato prima della scadenza solo se è stabilito nei termini e solo per alcune esigenze, quali la necessità dell'utilizzo dell'immobile da parte del proprietario, sia per motivi personali che commerciali. Anche la ristrutturazione dell'immobile può contemplare la fine dello stesso. Inoltre, questo iter è possibile solo se il proprietario ha effettuato la necessaria comunicazione all'inquilino entro un annualità da quando questi deve lasciare la casa. Se ciò non avviene, l'inquilino può chiedere un risarcimento, non inferiore a 36 mensilità, al locatore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come disdire un contratto di affitto senza preavviso

Il contratto di affitto, altresì conosciuto come contratto di locazione, è un accordo scritto tra il proprietario dell'immobile ed un altro soggetto, ovvero l'inquilino, per un determinato periodo di tempo. La sottoscrizione di questo accordo rappresenta...
Case e Mutui

Locazione turistica: mini guida sul contratto

Quando si avvicinano le ferie, inizia la corsa agli appartamenti in affitto. Che la vacanza sia di qualche giorno o per un lungo periodo, è essenziale che il contratto di locazione sia chiaro. Esistono infatti norme ed adempimenti che il locatore e l'affittuario...
Case e Mutui

Locazione: tutto sulla registrazione del contratto

In questa guida parleremo di locazione: ecco tutto sulla registrazione del contratto. Cominciamo col dire che registrare un contratto di locazione è un obbligo dell'affittuario. Generalmente si deve provvedere alla registrazione solo se la locazione...
Case e Mutui

Come effettuare la cessione di un contratto di locazione

Nel contratto di locazione una persona cede a un'altra persona un bene, per un determinato periodo, a fronte di un corrispettivo in denaro. Se si tratta di bene mobile (es. Auto, moto, barca) si parlerà di nolo o noleggio, nel caso di bene immobile (es....
Case e Mutui

Come effettuare un subentro in un contratto di locazione

Il contratto di locazione rappresenta un'ottima modalità per l'affitto, poiché le garanzie sono davvero numerose sia per il locatore, che per l'affittuario. Tuttavia, così come per gli altri contratti, bisogna conoscere alcuni particolari vincoli e...
Case e Mutui

Contratto di locazione: come fare una disdetta

Quando abbiamo un locale od un appartamento da locare, capita a volte che si firmino i contratti di locazioni e ci troviamo in difficoltà per fare la disdetta per un cambio di programmi per diversi motivi. Con il tempo possono capitare questi cambi e...
Case e Mutui

Come verificare la registrazione di un contratto di locazione

Il contratto di locazione è quel contratto con cui il proprietario di un immobile concede in locazione, o come comunemente si dice "in affitto", una casa, un appartamento o altro locale, al conduttore (cioè l'inquilino). I contratto di locazione affinché...
Case e Mutui

Come rinnovare un contratto di locazione

Quando si parla di contratto di locazione occorre capire per prima cosa di cosa si tratta per procedere poi in base alle numerose leggi in vigore. È un documento molto diffuso e dalle varie tipologie, alcuni hanno durata annuale, con formula 4x4 e canone...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.