Come disdire un contratto di affitto senza preavviso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il contratto di affitto, altresì conosciuto come contratto di locazione, è un accordo scritto tra il proprietario dell'immobile ed un altro soggetto, ovvero l'inquilino, per un determinato periodo di tempo. La sottoscrizione di questo accordo rappresenta ovviamente un vincolo tra le parti. In taluni casi, tuttavia, si può verificare che l'inquilino sia costretto a disdire il contratto per una qualsivoglia causa intervenuta. Cosa fare in questi casi? Come comportarsi? In questa guida vi illustreremo come disdire un contratto di affitto senza preavviso.

26

Occorrente

  • Formulari di lettere di disdetta tipo da scrivere
  • Bollettini della raccomandata e della ricevuta di ritorno
  • Dichiarazione del datore di lavoro o attestazione dei motivi di famiglia
36

Studiare la legge

La normativa italiana in tema di locazioni o di affitti prevede che gli immobili vengano affittati per un periodo di 4 anni, allo scadere dei quali si potrà tacitamente rinnovare per altri 4 anni. Questo vuol dire che per almeno 8 anni gli inquilini potranno avere uno stesso canone di affitto (a cui si dovrà aggiungere però, anno dopo anno, l'adeguamento Istat), mentre i proprietari saranno tranquilli nell'avere un introito certo per tutta la durata di quel periodo. Ma talvolta si deve o si vuole lasciare anticipatamente l'immobile. Vediamo cosa bisogna fare per non incappare nelle pretese del proprietario.

46

Inviare una raccomandata

È bene chiarire che in Italia per poter recedere anticipatamente dal contratto di affitto o locazione dell'immobile, occorre inviare al proprietario o all'inquilino una raccomandata con ricevuta di ritorno, almeno 6 mesi prima dalla data in cui si prevede di lasciare la casa. Ci sono però delle situazioni, che la legge ammette, grazie alle quali è prevista una deroga a questo tempo. Vediamo nel dettaglio quali sono questi casi.

Continua la lettura
56

Motivare la decisione

I casi in cui è prevista una deroga ai ben noti "6 mesi" di preavviso sono i più svariati. L'evento che si verifica più frequentemente è quello del trasferimento in altra città a causa di motivi di lavoro. In questo caso occorrerà inviare comunque al proprietario dell'immobile una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, con la quale indicherete le vostre irrevocabili volontà di disdetta, motivandole in modo preciso. Per dar valore alle vostre parole, occorrerà anche allegare alla lettera, destinata al proprietario dell'immobile, una dichiarazione del vostro datore di lavoro che attesti la veridicità di quanto scritto. Questo sistema vi metterà al riparo dalla eventuale richiesta risarcitoria, prevista nel contratto, in caso di disdetta senza preavviso. Oltre alle questioni lavorative, le cause più comunemente addotte sono quelle relative a gravi motivi di famiglia. In tutti questi casi vi sarà dunque possibile senza preavviso richiedere al proprietario dell'immobile la disdetta del contratto di locazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestate attenzione a compilare in modo corretto la lettera di disdetta da inviare

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come fare la disdetta di un contratto di affitto

Fare la disdetta di un contratto di affitto può essere un'operazione piuttosto farraginosa perché richiede la conoscenza di numerose leggi: per questo motivo è di fondamentale importanza informarsi correttamente e soprattutto rivolgersi alle persone...
Case e Mutui

Come disdire un contratto di locazione

Conoscere tutti i dettagli del proprio contratto di locazione, evita possibili sorprese legali che preferiremmo non avere. Alla fine del contratto, questi generalmente viene rinnovato, sia dal locatore che dal conduttore, basandosi sulle condizioni precedentemente...
Case e Mutui

Come recedere da un contratto di affitto

Nel momento in cui si stipula un contratto d’affitto tra il proprietario dell’immobile, cioè il locatore, e l’inquilino, cioè il conduttore, si fissa la durata del contratto.Essa è stabilita per legge e varia in relazione al tipo di contratto,...
Case e Mutui

Come registrare un contratto d'affitto

Se possedete una casa o un locale e ad un certo punto decidete di affittarla ad una famiglia, ad un gruppo di studenti universitari oppure ad alcuni turisti in vacanza, dovrete prima regolarizzare il tutto facendo registrare il contratto presso un qualsiasi...
Case e Mutui

Come recedere dal contratto di affitto

Può capitare a chiunque prenda in affitto un immobile di voler recedere anticipatamente dal contratto. Il consiglio è sempre quello prima di firmare qualsiasi documento importante, di accertarci che poi saremo in grado di adempiere alle clausole stabilite...
Case e Mutui

Come rinnovare un contratto di affitto

Al giorno d'oggi sono davvero tantissime le persone che non hanno una casa di proprietà e decidono di prendere una casa in affitto. Questa soluzione infatti risulta essere di gran lunga più comoda ed economica per coloro i quali non possono permettersi...
Case e Mutui

Come si stipula un contratto di affitto transitorio

Decidere se acquistare casa oppure affittarla può rappresentare spesso un grande problema, specialmente per i più giovani. La scelta, infatti, risulta spesso obbligata dalla precarietà del lavoro e dall'impossibilità di ottenere un mutuo. Talvolta,...
Case e Mutui

Come stipulare un contratto d'affitto

Se avete qualche appartamento, una piccola casetta per le vacanze o qualsiasi altro immobile che non utilizzate, affittarlo è la soluzione migliore per guadagnare qualcosa in più. Al contrario, se non avete una casa di vostra proprietà e state cercando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.