Come disdire il canone della TV

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Dal 2016 il canone Rai è stato abbassato ma incluso nella bolletta elettrica, e sarà dato per scontato che, chiunque possiede un contratto di fornitura dell'energia elettrica, possiede anche un apparecchio atto alla ricezione delle trasmissioni televisive.
Tuttavia, per chi non fosse in possesso di un televisore, si può evitare di pagare la tassa. Ma se prima era sufficiente ignorare la lettera della Rai, ora occorre invece comunicare il diritto all'esenzione all'Agenzia delle Entrate, altrimenti il canone è addebitato automaticamente.
Ecco come si può disdire l'abbonamento alla TV.

24

Innanzitutto specifichiamo chi ha diritto a non pagare il canone: la normativa prevede che il canone è dovuto da chiunque possieda un apparecchio televisivo. Ma cosa significa esattamente questo termine? È considerato tale ogni apparecchio che riceve, decodifica e visualizza il segnale del digitale terrestre o quello satellitare, sia tramite decoder sia grazie a dei componenti interni. Non rientrano invece nella categoria (diversamente da come avviene in altri Paesi europei) il computer, il tablet o lo smartphone, se non hanno un componente che possa sintonizzare il digitale terrestre o quello satellitare. Chi quindi non ha un televisore in casa, ma invece possiede un pc (da cui anche guarda la tv in streaming), non deve pagare il canone.
Se si hanno dei dubbi si può verificare sul sito del canone Rai quali sono gli apparecchi per cui la tassa è dovuta.

34

Per disdire il canone Rai occorre compilare un modulo, la dichiarazione sostitutiva di non possesso tv per uso privato, scaricabile dalla seguente pagina del sito del canone Rai, secondo le istruzioni fornite in questa pagina.
Si può consegnare il modulo in due modi:
1. Accedendo, dal sito dell'Agenzia delle Entrate, a Fisconline o Entratel con le credenziali rilasciate dall'Agenzia stessa, e compilando il modulo direttamente online mediante una applicazione specifica per la disdetta del canone Rai.
2. Stampando e compilando il modulo, lo si può portare ad un intermediario autorizzato (commercialista o CAF), che provvederà alla trasmissione per via telematica.

Continua la lettura
44

Solo nei casi in cui non fosse possibile la trasmissione via telematica, si può inviare il modulo compilato tramite raccomandata a/r al seguente indirizzo:
Agenzia delle entrate - Ufficio Torino 1 - Sportello abbonamenti TV - Casella postale 22 - 10121 - Torino.
In questo caso la dichiarazione si considererà presentata nella data del timbro postale. È importante ricordarsi che è necessario allegare una fotocopia del documento d'identità dell'intestatario della bolletta dell'energia elettrica.

Il termine per l'esenzione per il 2016 è ormai scaduto (il termine per la seconda rata scadeva il 30 giugno). Le domande presentate dal 1° luglio al 31 gennaio hanno effetto per l'intero canone del 2017.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come richiedere il rimborso del canone rai pagato più del dovuto

Il Canone Rai consiste in una tassa che deve essere pagata da qualsiasi persona che possiede semplicemente uno o più apparecchi adeguati alla ricezione di un segnale radiotelevisivo. Praticamente è un dovere pagarlo, ma delle volte può capitare che...
Finanza Personale

Come evitare di pagare il canone rai legalmente

Molte persone credono che il canone Rai sia una tassa obbligatoria da pagare in ogni caso. In realtà, questa guida spiega come, in alcuni casi, sia possibile essere esentati legalmente dal pagamento di questa tassa purché si dimostri di non possedere...
Finanza Personale

Come pagare il canone RAI anche a rate

Il canone Rai è quell'imposta che fa capo a tutti i detentori di apparecchi televisivi. Contrariamente a quanto alcuni credono, infatti, non si tratta di un contributo da versare a favore dell'ente pubblico italiano, bensì di una vera e propria tassa...
Finanza Personale

Come richiedere il rimborso del canone rai pagato erroneamente

In questo tutorial vedremo come richiedere il rimborso del canone RAI pagato erroneamente. Trattasi di una tassa statale che tutti quanti, oppure la maggior parte della popolazione paga una cifra determinata per il canone RAI. Se per un motivo qualsiasi...
Finanza Personale

Come Calcolare la quota capitale di una canone di Leasing

Il leasing è un contratto mediante il quale un soggetto proprietario mette a disposizione di un soggetto conduttore determinati beni mobili od immobili, per un periodo di tempo più o meno lungo, contro pagamento di un determinato canone da versarsi...
Finanza Personale

Come calcolare la quota interessi di una canone di leasing

Siete in procinto di effettuare un acquisto importante come una casa o un auto e via dicendo e desiderate conoscere alcuni metodi di pagamento che vi possano essere utili. Il leasing potrebbe essere una soluzione per voi. Nel presente tutorial di finanza...
Finanza Personale

Come calcolare adeguamento ISTAT del vostro canone di affitto

L'ISTAT o Istituto di Statistica è un ente che calcola svariati indici utili sia per le persone comuni che per la pubblica amministrazione. Tra i tanti di cui si occupa, vi è quello per la variazione del costo della vita per le famiglie di operai e...
Finanza Personale

Come disdire un contratto di utenza idrica in caso di irreperibilità del vecchio contraente

All'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazione del procedimento utile per riuscire a disdire un contratto di utenza idrica in caso di irreperibilità del vecchio contraente. Alle volte ci si trova in delle situazioni particolari, ad esempio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.