Come difendersi da una ingiunzione di pagamento

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'ingiunzione di pagamento è uno strumento tramite il quale un creditore cerca di recuperare il proprio denaro. È nota anche come "decreto ingiuntivo". È un Giudice di Pace (o il Tribunale) ad emetterlo in favore di un creditore. Quest'ultimo deve dimostrare con prova scritta il proprio credito. Si tratta dunque di una misura che si fonda su fatture commerciali, assegni o parcelle. Una simile ingiunzione di pagamento può arrivare a privati e aziende. Anche nel caso di legittima sentenza verso un debitore, quest'ultimo ha diritto di difendersi. Ma come procedere nel caso di una ingiunzione di pagamento a nostro carico? Lo vedremo nei prossimi passi.

27

Occorrente

  • Opposizione al decreto ingiuntivo e richiesta di revoca/annullamento.
37

Nel corso della vita o nella professione potremmo maturare alcuni debiti. I creditori hanno diritto a ricevere in restituzione i propri soldi. Nel caso di morosità e continui ritardi potrebbero rivolgersi ad un Tribunale o al Giudice di Pace. Di fronte ad una prova verificabile scritta, un Giudice può rendere esecutivo il decreto. Le conseguenze per il debitore possono essere diverse. Il creditore può ottenere ciò che gli spetta con un pignoramento dei beni. Ciò può avvenire se ci si rifiuta di pagare la somma del credito. Tuttavia un individuo può difendersi da un'ingiunzione di pagamento, anche esecutiva.

47

Fare opposizione permette di sospendere l'esecuzione del provvedimento. Possono verificarsi molti casi in cui è possibile difendersi. Se la controversia ruota attorno dei versamenti ad una Banca è possibile opporsi. Potremmo obiettare sui tassi di interesse o sulla legittimità delle commissioni. In simili circostanze l'ingiunzione potrebbe congelarsi per accertamenti. L'ingiunzione di pagamento si emette senza consultazione della parte debitrice. Ciononostante quest'ultima ha comunque il diritto di opporsi. Per farlo dobbiamo presentare un'opposizione ufficiale all'ingiunzione di pagamento.

Continua la lettura
57

I limiti temporali sono normalmente di 40 giorni dal ricevimento dell'ingiunzione. I tempi possono variare se il Giudice ne stabilisce di diversi. Molto dipende dall'entità delle cifre della controversia. Attraverso l'opposizione, il debitore può richiedere un annullamento o una revoca. È fondamentale dimostrare la legittimità delle proprie osservazioni. Per rispondere in maniera appropriata ad un'ingiunzione di pagamento rivolgiamoci ad un avvocato. La materia è estremamente delicata. Pertanto sarà fondamentale il supporto di uno specialista in questo ambito.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non sappiamo a chi rivolgerci possiamo consultare varie associazioni di difesa del debitore. Una di queste è Difesa Attiva (http://www.difesaattiva.com).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come difendersi dalla crisi economica

L'Italia e buona parte degli stati dell'Europa stanno attraversando un grave periodo di profonda crisi economica che ha toccato, ormai, picchi da record a causa della mancanza del lavoro, non solo per i più giovani, ma anche per il resto delle fasce...
Finanza Personale

Come annullare un pagamento Paypal

Cosa succede se si effettua un pagamento erroneo e si deve annullarlo? L'operazione è possibile se si verifica una delle seguenti situazioni: il pagamento è in stato di “non riscosso”; il pagamento è stato inviato ad un indirizzo email non registrato...
Finanza Personale

Come annullare un pagamento con Postepay

La Carta Postepay è un sistema di pagamento tramite moneta elettronica che ha preso piede su gli altri sistemi di pagamento, grazie alla diffusione di Internet e all'affermarsi della New Economy. Essa non è una carta di credito, ma è una carta-conto...
Finanza Personale

Come bloccare un pagamento con Postepay

Un gran numero di persone utilizza internet non solo per cercare informazioni di vario genere, ma anche per fare degli acquisti comodamente seduti da casa. Nonostante la grande crisi economica, questo è un settore in continua crescita; normalmente, per...
Finanza Personale

Come verificare il pagamento di un modello F24

Il Modello F24 è un documento sfruttato essenzialmente per il pagamento della maggior parte delle imposte, delle tasse e dei contributi. Il modello è denominato “unificato” perché consente al contribuente di fare con un’unica operazione il pagamento...
Finanza Personale

Cessione del quinto e delegazione di pagamento: tutte le differenze

Purtroppo stiamo vivendo un periodo economico che non è proprio dei più rosei. Molte persone, quindi, devono molto spesso far fronte a diverse spese economiche ricorrendo a dei prestiti. Esistono varie forme che ci permettono di ottenere un finanziamento...
Finanza Personale

Come funziona il pagamento in contrassegno

Il pagamento in contrassegno è una procedura di invio e emissione a distanza di pacchi, raccomandate o plichi. È così definito perché è gravante nei confronti di colui che paga quanto dovuto e stabilito, al momento dell'arrivo della merce richiesta,...
Finanza Personale

Come usufruire del metodo di pagamento degli assegni

Oggi abbiamo a disposizione tantissime modalità di pagamento. Affianco ai contanti ci sono le nuove e tecnologiche modalità come paypal, app dello smartphone, conti digitali, carte contact less e tanto altro. I metodi più tradizionali, però, non sono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.