Come detrarre le spese per la ristrutturazione della prima casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Per chi avesse un'abitazione principale e volesse ristrutturarla può beneficiare delle agevolazioni fiscali governative e usufruire di una detrazione pari al 50% su una spesa massima consentita di 96.000,00 euro (a unità immobiliare) se la ristrutturazione avviene entro il 31 dicembre 2015. Mentre se i lavori di ristrutturazione vengono eseguiti nel 2016 la detrazione scende al 36% della spesa sostenuta per un importo massimo di 48.000,00 euro.
Per beneficiare di questa agevolazione fiscale non bisogna essere necessariamente i proprietari o nudi proprietari dell'immobile o dell'appartamento, ma è sufficiente anche essere i locatari che dimorano nell'abitazione come domicilio principale. Inoltre è assimilato a proprietario colui che vive in usufrutto nell'abitazione da ristrutturare, o anche il convivente del beneficiario se questi partecipa a tutte le spese relative all'abitazione come ad esempio le spese di condominio e le utenze domestiche. In questa guida vedremo proprio come detrarre le spese per la ristrutturazione della prima casa.

28

Occorrente

  • Ristrutturare solo l'abitazione principale
  • Domanda di accatastamento
  • Ricevuta del pagamento dell'IMU
  • Delibera dell'assemblea condominiale
  • Abilitazione e permessi amministrativi
  • Fatture, ricevute e bonifici che provino i pagamenti sostenuti
  • Lettera alla asl
  • Consenso del proprietario dell'immobile (nel caso i lavori fossero sostenuti dal locatore)
38

La ripartizione della detrazione viene suddivisa in dieci rate annuali tutte dello stesso importo che potranno essere detratte dall'Irpef. La spesa massima di 96.000,00 che si può detrarre è riferita alla singola unità immobiliare, quindi se ad esempio due coniugi sono coproprietari dello stesso appartamento la detrazione viene tra loro suddivisa. Per le persone con più di 75 anni si può richiedere il totale ammontare del rimborso in 5 anni. Per gli ultraottantenni si può richiedere in 3 anni. Sul sito dell'Agenzia delle Entrate è presente un elenco di tutti i tipi di lavori che si possono effettuare per ottenere la detrazione richiesta.

48

Per fruire dell'agevolazione non bisogna più presentare la dichiarazione DIA (Dichiarazione di Inizio Lavori) all'Agenzia delle Entrare poiché gli adempimenti, negli ultimi anni, sono stati ridotti e semplificati. Non occorre neanche che le fatture presentate abbiano la suddivisione tra costi dei materiali e costi della manodopera.

Continua la lettura
58

Nella dichiarazione dei redditi basta indicare i dati catastali che identificano l'appartamento o l'immobile, e se i lavori sono eseguiti dal proprietario occorre presentare il titolo che ne attesti la proprietà. Inoltre è opportuno conservare ed esibire, su richiesta, all'Agenzia delle Entrate i seguenti documenti: Domanda di accatastamento, Ricevuta del pagamento dell'IMU, delibera dell'assemblea condominiale (se si tratta di lavori in un condominio), abilitazione e permessi amministrativi per i lavori da svolgere, fatture, ricevute e bonifici che attestino i pagamenti sostenuti. A tal proposito è indispensabile effettuare i pagamenti tramite bonifico bancario o postale per testimoniare che questi siano effettivamente avvenuti e non si tratti di una frode.

68

È obbligatorio per ottenere la detrazione anche la comunicazione dei lavori all'Asl di appartenenza tramite raccomandata. Nella comunicazione devono essere esposti le seguenti informazioni: - Generalità del committente dei lavori ed ubicazione di questi - Natura dell'intervento - Dati identificativi dell'impresa di costruzione - Data dell'inizio dei lavori.

78

Guarda il video

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come detrarre gli interessi passivi dal mutuo

Acquistare una casa, è sicuramente il sogno di moltissime persone, ma purtroppo, può essere abbastanza difficile gestire il mutuo nella maniera migliore. Il mutuo infatti, è sempre una batosta pesante da portare avanti, ma è importante sapere in maniera...
Case e Mutui

Come ottenere il bonus di ristrutturazione

Secondo le disposizioni della Legge di Stabilità 2016, l’Agenzia delle Entrate ha prorogato le agevolazioni riguardanti i costi energetici ed i costi di ristrutturazione. Si tratta di crediti o sconti di imposta denominati bonus energia e bonus ristrutturazione....
Case e Mutui

Ristrutturazione casa: cosa sapere per chiedere il mutuo

Se la nostra casa necessita di una ristrutturazione totale o parziale, è importante sapere che la liquidità per far fronte alle spese, si può ottenere chiedendo un mutuo presso una banca. Si tratta di un'operazione molto simile a qualsiasi altra...
Case e Mutui

Come gestire le spese straordinarie di condominio

Al momento dell'acquisto di un appartamento in condominio, si diventa subito parte di un gruppo di proprietari che sovvenzionano il funzionamento del condominio stesso, sia che si tratti di un edificio che di un complesso residenziale. I condomini di...
Case e Mutui

Come compilare un bonifico per ottenere le agevolazioni fiscali ristrutturazione casa

Se abbiamo acquistato una casa molto vecchia, per rendere la casa bella e soprattutto accogliente, dovremo eseguire su di essa dei veri e propri lavori di ristrutturazione. Se vogliamo risparmiare denaro nei lavori di ristrutturazione, possiamo compilare...
Case e Mutui

Come detrarre il canone d'affitto dal 730

Chi vive in affitto ha diritto ad alcune detrazioni fiscali Irpef. Per molti è la voce più rilevante della dichiarazione dei redditi, proprio perché la spesa incide molto sul bilancio familiare. I vantaggi offerti dalle normative sono una buona occasione,...
Case e Mutui

Come verificare la divisione delle spese condominiali

In ogni stabile occorre avere sempre un amministratore. Questo renderà più semplice la vita condominiale. Occupandosi di gestire i conti e dividere le spese condominiali. Queste una volta ripartite vengono presentate ogni mese agli abitanti del condominio....
Case e Mutui

Come preventivare le spese prima di accendere un mutuo

Accendere un mutuo è una decisione particolarmente difficile e dispendiosa, soprattutto per una famiglia che attinge da un solo stipendio, o nei casi più fortunati due, ma che comunque ha dei figli e tutta una serie di altre spese. Per questo motivo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.