Come Determinare Il Risk Free Rate

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Parliamo di finanza: Un investimento è una determinata somma di denaro che decidiamo di investire in differenti modi per ricevere una percentuale di ritorno mensile o semestrale o annuale. Ogni investimento ha una percentuale di rischio intrinseca, ma secondo finanza vi è l'assioma in cui vi sono attività finanziarie prive di rischio ed ecco che entra in gioco il Risk Free Rate. Il Risk Free rate, tradotto in italiano, è il tasso privo di rischio, cioè senza l'aggiunta della variabile incognita x. Tale tasso è molto utilizzato in finanza per determinare alcune variabili come il costo del capitale di rischio di un investitore. Grazie a questa guida, capirete come determinare correttamente il risk free rate.

26

Occorrente

  • studio e pratica
36

Naturalmente non vi è un investimento a rischio zero, ma a rischio molto basso sì. Uno di questi sarebbe per esempio il conto deposito che attualmente offre un tasso che rende davvero molto poco ed il denaro dell'investitore è vincolato, cioè non utilizzabile altrimenti. Inoltre, il rischio di un investimento è determinato anche dal rank di affidabilità bancaria o societaria che determina l'affidabilità economica. Quando vi dedicate alla finanza, è bene determinare fattori compreso il risk free rate che è utilizzato come tasso di base da cui partire per sommare le componenti di rischio e determinare i tassi per la remunerazione del capitale di rischio.

46

Il Risk Free Rate è uno dei parametri fondamentali per la determinazione del rischi dell'imprenditore, e può essere calcolato con diverse formule ma la più utilizzata è la seguente: R= B (Rm-Rf) e cioè Risk = B è un coefficiente che rappresenta la sensibilità di un'azione rispetto al portafoglio di mercato (Rm è il rischio di mercato di un'azione che comprende anche il rischio remunerativo) - il Risk free rate. È utilizzato per determinare il Wacc = Weighted Average Cost of Capital cioè il costo medio ponderato del capitale, un tasso usatissimo nelle valutazioni finanziarie e in svariati modelli come il Discounted Cash Flow Model o nel Capital Asset Pricing Model.

Continua la lettura
56

In pratica il risk free rate si identifica nel rendimento dei Titoli di Stato sicuro (ovvero con rating molto alto) a breve scadenza. Non esiste una prassi da tutti utilizzata perché alcuni prendono Titoli di Stato a più lunga scadenza in relazione all'utilizzo del tasso all'interno di piani finanziari ad esempio. In generale in Italia si può fare riferimento ai Buoni Ordinari del Tesoro o ai BTP i cui rendimenti possono essere trovati nei quotidiani economici o sui siti internet che si occupano di finanza. Con un po' di studio individuale saremo in grado anche da soli di capire e di decidere dove investire prendendoci le nostre responsabilità economiche.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiate e praticate non rischiando tutto il denaro che volete investire come prima volta

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come determinare la quota disponibile e legittima nella successione testamentaria

Non tutti quante le persone possiedono un patrimonio, che sia piccole abitazioni, ville, barche, terreni, ricchezze, che vengono sempre segnalate da procedure burocratiche e da atti notarili. Possiamo tranquillamente affermare che chi possiede questi...
Finanza Personale

Come determinare la frontiera efficiente di un portafoglio

La matematica, si sa, è una materia non particolarmente amata dalla maggior parte delle persone. Uno degli argomenti più ostici è costituita dalla frontiera efficiente, che è determinata nel piano cartesiano avente il rischio in ascissa e il rendimento...
Finanza Personale

Come determinare l'imposta lorda

L'IRPEF è l'imposta principale del nostro ordinamento tributario, nota ai più dal momento che interessa oltre 40 milioni di contribuenti. Nata nel 1973, essa viene applicata alle persone fisiche o alle società (che la corrispondono comunque tramite...
Finanza Personale

Come funziona l'accollo di un mutuo

Quando si acquista una casa, potrebbe capitare che sull'immobile esista l’ipoteca di una banca per un mutuo non ancora estinto. L’acquirente, in questo caso può seguire due strade: richiedere al venditore l'estinzione del mutuo e, avere così un...
Finanza Personale

Come richiedere la sospensione del mutuo in caso di difficoltà

A causa della crisi economica che ci ha coinvolto, sono sempre più numerose le famiglie che si trovano in condizioni di difficoltà nel pagamento delle rate del proprio mutuo. Nel caso in cui questa brutta situazione sta capitando anche a voi, vi consigliamo...
Finanza Personale

Come uscire dai debiti e risparmiare

Ogni mese ci troviamo a fronteggiare una situazione più o meno difficile per quanto riguarda le nostre finanze. Dover pagare diverse rate e soddisfare le esigenze primarie della famiglia diventano priorità assolute. In tempo di crisi è piuttosto facile...
Finanza Personale

Come richiedere il rimborso delle somme indebitamente percepite dalle carte revolving

Le carte revolving sono delle carte di credito che mettono a disposizione somme di denaro da prelevare o con le quali fare acquisti. Le quote vengono rimborsate attraverso rate mensili, maggiorate di un tasso di interesse che non può essere superiore...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento della polizza a vita

Molte persone prima di stipulare una polizza vita si chiedono a giusta ragione se il capitale versato gli viene garantito alla scadenza, e soprattutto se il rendimento è quello promesso. In merito è importante sapere che per eseguire un calcolo preciso,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.