Come Determinare Il Ccno

Tramite: O2O 29/10/2017
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Come facilmente intuibile dal titolo della guida, ora ci dedicheremo a spiegarvi Come determinare il CCNO. Partiamo dal definire questo acronimo: per CCNO, intendiamo il Capitale Circolante Netto.
In sostanza, esso è utilissimo per analizzare il bilancio e la finanza, ed esprime la movimentazione economica afferente l'area gestionale che si ha nel corso di un anno (quindi entro i 12 mesi successivi alla data in cui si effettua la stima). Il CCNO si calcola con un'apposita metodologia che spiegherò come determinare all'interno della guida.

27

Indicatore di tipo economico

Come detto il CCNO, Capitale Circolante Netto operativo, esprime la quantità di capitale afferente la gestione caratteristica, che si "movimenta" entro 12 mesi dal momento della misurazione. Questo è un indicatore di tipo economico. Differenziando tra il Capitale Circolante Netto classico, e il Capitale Circolante Netto Operativo, scopriamo che nel primo vengono inglobati un numero maggiore di poste rispetto al Capitale Circolante Netto Operativo.

37

Il capitale circolante netto

Inizialmente, va spiegato che il Capitale circolante Netto può avere interpretazione sia di carattere economico, e sia di carattere finanziario, i quali vengono differenziati tra loro dal fatto che nel CCNO rientrino meno poste rispetto che nel CCN. In esso, infatti, non rientrano cioè quelle poste che non riguardano la gestione caratteristica dell'impresa, che invece rientrano nel CCN. Si pensi ad esempio ad un credito a breve non attinente alla gestione operativa ma meramente finanziario.

Continua la lettura
47

Esempio di calcolo del CCNO

Vediamo un esempio di calcolo del CCNO: Un'impresa ha Debiti a breve contratti per un macchinario pari a %u20AC 2.500, crediti a breve con clienti per %u20AC 3.000. Inoltre si hanno in portafoglio liquidabili a breve per 1.500 %u20AC. Il CCN sarà dato dalla somma degli elementi riguardanti la gestione caratteristica attivi meno la somma degli elementi passivi. Per quanto riguarda il nostro caso specifico, dovremo andare a rimuovere i titoli in portafoglio, in quanto essi non entrano a far parte della gestione cosiddetta "caratteristica". Il Capitale Circolante Netto Operativo avrà un valore pari a 500, ottenuto tramite la differenza tra 3000 e 2500.
Dedicandoci ora a degli approfondimenti, possiamo spiegare che il capitale operativo, risulta essere il totale delle risorse che vanno a comporre l'attività dell'azienda. Questo valore indica l'equilibrio di carattere finanziario in un breve lasso di tempo. Sinteticamente, non è nient'altro che una differenza tra attività e passività correnti.

57

Il working capital

Questa specifica definizione ha trovato applicazione in questa disciplina di carattere finanziario attraverso la scuola di Sharpe. Tuttavia, la definizione più semplice trova delle voci che non risultano essere totalmente esatti rispetto alla gestione e interpretazione di quelli che sono i flussi di cassa. Questo perché si vanno a confondere elementi di carattere operativo come fornitori e rimanenze, con elementi puramente finanziari, come debiti e crediti, cassa, ecc. È stata di conseguenza proposta una definizione più chiara di working capital: tutte le attività e passività a breve termine che siano:-di natura non finanziaria;-di natura ricorrente nell'attività d'azienda;-di natura monetaria e non "contabile". Da questa definizione il working capital tecnicamente è formato da una serie di macro voci dello stato patrimoniale di una azienda tra cui le principali sono:-attivo corrente:1-crediti verso clienti (al lordo di eventuali voci scontate in banca ed anticipi factoring);2-magazzino prodotti finiti, in lavorazione e materie prime;3-anticipi a fornitori;-passivo corrente:1-debiti verso fornitori;2-debiti verso dipendenti e lavoratori terzi (per salari da corrispondere ecc.) ad esclusione del TFR; 3-debiti tributari di natura ricorrente (IVA, INPS).
Curiosità: Nell'analisi dei flussi di cassa il working capital assume un ruolo centrale in quanto la sua variazione (definita nella terminologia finanziaria variazione nel capitale circolante o change in working capital) determina l'assorbimento o il rilascio di risorse finanziarie. Il controllo della dinamica del working capital è un elemento critico del governo della crescita d'azienda.

67

Analisi delle dinamiche del capital working

Le società che incorrono del default, ovvero nel fallimento, spesso l'incontrano per un'eccessiva dimensione del capital working rispetto alle sue reali capacità di finanziamento. Attraverso l'analisi delle dinamiche del capital working correlate alle altre voci, si può ottenere un confronto con la somma della finanza a breve termine, ovvero la somma tra:-liquidità immediate;-crediti finanziari a breve termine;-debiti finanziari. Riuscire a produrre questo confronto di dati per analizzarlo, permette di comprendere la presenza di eventuali squilibri interni tra le attività e le passività e tra le varie forme e fonti di finanziamento utilizzate.
Per concludere, vorrei consigliarvi ulteriori approfondimenti sul Capitale Circolante Netto Operativo, andando oltre i contenuti già ben sviluppati all'interno di questi cinque passi della nostra guida. In tal modo, potrete ottenere nuove informazioni, da aggiungere a queste. Eccovi, a tal proposito, un link che ritengo utile: http://it.wikipedia.org/wiki/Capitale_circolante_netto.
Spero che questa guida su Come determinare il Ccno possa esservi stata utile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come determinare lo stato di avanzamento con il Metodo delle ore lavorate

Una metodologia utilizzata nella determinazione dello stato di avanzamento di una commessa, è il cosiddetto metodo delle ore lavorate. Con riferimento al metodo in argomento, nella presente guida vengono forniti le basi teoriche nonché uno schema pratico...
Aziende e Imprese

Come determinare l'ammortamento dei beni immateriali

Il piano di ammortamento è quella pratica presenta in alcune aziende per cui viene richiesta agli uffici appositi la restituzione graduale di un debito attraverso il pagamento periodico di alcune rate.In questa guida vedremo come determinare l'ammortamento...
Aziende e Imprese

Come Determinare Il Ccn

Il CCN (Cpitale Circolare Netto) è l'ammontare di risorse che compongono e finanziano l'attività operativa di una azienda ed è un indicatore che viene utilizzato allo scopo di verificare l'equilibrio finanziario dell'impresa nel breve termine. Questo...
Aziende e Imprese

Come determinare la posizione finanziaria netta

Il concetto di debito netto è particolarmente importante negli investimenti ed è uno dei parametri più comunemente utilizzati in analisi tecnica. Azioni che ottengono buoni risultati nel tempo, tendono ad essere emessi da aziende che sono finanziariamente...
Aziende e Imprese

Come determinare il valore teorico del diritto di opzione

Il diritto di opzione è riconosciuto agli azionisti e agli obbligazionisti che possiedono obbligazioni convertibili in azioni, ed è costituito da una cedola negoziabile, che rappresenta la facoltà di sottoscrivere nuovi titoli, in sede di aumento...
Aziende e Imprese

Come determinare le rimanenze finali da inserire all'interno dello Stato Patrimoniale

Quando si parla di rimanenze di magazzino sostanzialmente si intendono quei prodotti comperati da un'azienda che devono essere venduti oppure che servono all'attività dell'azienda. Le rimanenze di magazzino sono costituite dalle materie prime, dalle...
Aziende e Imprese

Come Determinare Il Tasso di Crescita G

Il tasso di crescita è senza ombra di dubbio un fattore molto importante, si parla di questo tasso nell'ambito della finanza. Il tasso di crescita lo potrai ricavare in diversi modi e può avere diverse caratteristiche e anche andamenti. Può essere...
Aziende e Imprese

Come determinare l'equilibrio costi/ricavi di produzione

Conoscere la struttura dei costi aiuta non solo a formare il prezzo di vendita, ma anche a sapere se l’impresa, producendo a quel dato livello di costi, può ottenere un reddito positivo, e qual è la quantità di servizi che deve produrre e vendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.