Come denunciare un affitto in nero

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Chi prende casa in affitto molto spesso si ritrova a dover pagare in nero il compenso dovuto al padrone di casa, questo espone l'inquilino ad una serie di pericoli ed inconvenienti nel quale può incorrere, oltre ad essere un atto fuori legge, che si possa denunciare al Fisco e all'Agenzia delle Entrate. Sono molti gli affittuari che pagano un contratto di locazione più alto rispetto a quello registrato sul contratto di locazione o addirittura senza aver mai sottoscritto alcun contratto. Vediamo quindi come denunciare un affitto in nero.

24

Tutela per gli inquilini

Tale circostanza permette al proprietario di casa di pagare meno tasse rispetto a quanto realmente dovrebbe, eludendo il fisco. Questa guida spiega come denunciare e regolarizzare il contratto d'affitto in nero, denunciando l'illecito, con pochi semplici passaggi vedremo come mettere tutto in regola in modo da non passare guai futuri con la legge. Vediamo come fare.
Per tutelare gli inquilini e contrastare l'evasione fiscale, il Decreto Legge 23/2011 permette agli inquilini che non sono titolari di un regolare contratto, di denunciare l'affitto in nero o il pagamento di un canone inferiore a quello registrato sul contratto e ottenere, di contro, un contratto regolare ed il pagamento di un canone più vantaggioso.

34

Documentazione richiesta

Il Decreto, nello specifico, prevede che i proprietari di casa che non avevano provveduto alla registrazione di un regolare contratto potevano farlo fino alla data del 6 giugno 2011. A decorrere da questa data i proprietari incorrono in sorprese, non troppo piacevoli.
Se sei, quindi, un inquilino "non regolarizzato" puoi usufruire di questo beneficio denunciando all'Agenzia delle Entrate la tua posizione e chiedere la registrazione del contratto secondo il canone che realmente paghi mensilmente, senza necessariamente coinvolgere il proprietario.
Ovviamente la denuncia deve essere supportata da adeguata documentazione che dimostri:
1. L'effettivo tuo domicilio nella casa;
2. Il regolare pagamento del canone di locazione.
Per dimostrare che vivi realmente nella casa in locazione basta fornire alle autorità competenti una copia dell'intestazione a te di una utenza (gas, ecc). Per la dimostrazione del pagamento del canone potrai presentare un bonifico bancario o un assegno.

Continua la lettura
44

Reperimento del modulo

A seguito delle verifiche di quanto da te denunciato, l'Agenzia delle Entrate ti applicherà un contratto di quattro anni, estendibile ad altri quattro ed un canone calcolato sulla base della rendita catastale dell'immobile, e pari al triplo di quest'ultima. Il modulo da utilizzare è reperibile anche on line sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

come richiedere le detrazioni per l'affitto di casa

L'Italia viene vista come il Paese dei mammoni, in cui non ci si allontana nè dalla propria città e dalle abitudini, ma neanche dalla casa dei genitori. Un altro epiteto spesso attribuito alla nostra Nazione riguarda il mercato nero, non solo del lavoro,...
Case e Mutui

Come trovare casa in affitto a Shanghai

La Cina attira decine di migliaia di turisti ogni mese. Il fascino della cultura orientale con la sua storia e le sue tradizioni sono i primi dettagli che vengono in mente pensando a questa enorme Nazione. Se si vuole vivere per un periodo in questo posto...
Case e Mutui

Come rinnovare un contratto di affitto

Al giorno d'oggi sono davvero tantissime le persone che non hanno una casa di proprietà e decidono di prendere una casa in affitto. Questa soluzione infatti risulta essere di gran lunga più comoda ed economica per coloro i quali non possono permettersi...
Case e Mutui

5 buoni motivi per scegliere un affitto transitorio

Quando si cambia casa o si decide di andare a vivere per conto proprio, uno dei problemi principali che possono incorrere è quello di scegliere il tipo di affitto. Bisogna capire infatti quanto tempo si decide di rimanere in un determinato posto, o anche...
Case e Mutui

Come ricercare un appartamento in affitto a Milano

In questo articolo vorrei spiegarvi come ricercare un appartamento in affitto a Milano. Generalmente affittare una casa a Milano non è una cosa particolarmente difficile. Bisogna però tenere conto di alcuni aspetti molto importanti come ad esempio il...
Case e Mutui

Affitto a riscatto per acquistare casa: come funziona

La crisi che viviamo nel nostro secolo, purtroppo si percepisce in ogni settore, sopratutto in quello immobiliare. I mutui o i prestiti agevolati concessi dalle banche ai privati cittadini sono sempre meno e, molto spesso, è quasi impossibile ottenerli,...
Case e Mutui

Come si stipula un contratto di affitto transitorio

Decidere se acquistare casa oppure affittarla può rappresentare spesso un grande problema, specialmente per i più giovani. La scelta, infatti, risulta spesso obbligata dalla precarietà del lavoro e dall'impossibilità di ottenere un mutuo. Talvolta,...
Case e Mutui

Appartamento in affitto: guida agli svantaggi

Quando ci apprestiamo a sottoscrivere un contratto di locazione, e quindi a ricevere in affitto una casa, ci sono alcuni svantaggi che potrebbero farci agire diversamente, quindi optando per una soluzione alternativa, ovvero di acquistarla. Se ciò non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.