Come denunciare il lavoro in nero

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il lavoro è un diritto che appartiene a ogni individuo che ha progetti e aspettative di vita, oltre che per esigenze economiche e di sussistenza; purtroppo però, secondo le statistiche recenti sono sempre di più le persone che lavorano in nero. Quali sono dunque le procedure che possono aiutare a porre rimedi, a smascherare e infine eliminare questa forma di sfruttamento e di irregolarità? Ecco come poter denunciare il lavoro in nero, con alcune accortezze.

25

Prima di denunciare questo fenomeno è opportuno cercare di ricostruire la vicenda, nel senso che si devono raccogliere informazioni che provino quanto vogliamo dichiarare. Innanzitutto è necessario ricostruire delle annotazioni sugli orari di lavoro, come ad esempio i turni, il ruolo che si riveste, la squadra a cui apparteniamo, gli straordinari, le ferie o i permessi maturati. Tutto questo sarà utile per procedere con la denuncia del lavoro in nero. In genere in una situazione regolare, un'azienda possiede dei dipendenti iscritti a libro paga. Al contrario un'altra azienda che ha lavoratori irregolari presenta sul mercato una competizione maggiore rispetto a quella concorrente, poiché implica costi inferiori in termini economici. Quest'ultima in tale modo non dovrà pagare le tasse, contributi e l'Inail.

35

È possibile presentare la propria denuncia come prima forma all'Ispettorato del Lavoro, il quale dovrà accertare la veridicità dei fatti attraverso le prove fornite dal lavoratore o da chi per esso, ovvero in modalità anonima senza compromettere la nostra persona. Queste prove implicano l'inserimento di alcune specificazioni quali gli orari lavorativi, la retribuzione e la mansione che si ricopre, così come spiegato in precedenza. Parallelamente però, è opportuno rivolgersi a un legale specializzato in questo ambito, ma quando non si può affrontare tale spesa, si interpella un sindacato del lavoro che consiglierà come affrontare la materia.

Continua la lettura
45

Il sindacato ha il compito, dopo aver ricevuto l'iscrizione del lavoratore e aver verificato la versione delle due parti, di rivolgersi direttamente all'azienda, per cercare di riconciliare la forma di irregolarità. Questo sarà reso possibile tramite una forma di accordo che certifichi che la condizione di partenza è stata risanata. Se questo non avviene in modo pacifico, il caso passerà d'ufficio nelle mani giudiziarie avviando un processo. Sarà doveroso da parte del sindacato avvisare il lavoratore delle modifiche apportate alla materia. Inoltre è consigliabile contattare le Forze dell'Ordine come la Guardia di Finanza che avvierà delle indagini specifiche sul caso per risanare la situazione.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare attenzione alla situazione presente, denunciandone i risvolti irregolari.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

5 modi di affrontare il mobbing sul posto di lavoro

Oggi per vivere è indispensabile lavorare e avere un impiego rappresenta un privilegio che non tutti hanno. Purtroppo, però, può accadere che il solo pensiero di recarsi sul posto di lavoro rappresenti un incubo da cui vorremmo svegliarci, perché...
Lavoro e Carriera

Come ottenere un lavoro di Trascrizione Medica da casa

Il lavoro di trascrizione medica non è largamente conosciuto: si tratta di un mestiere che consiste nel mettere nero su bianco le parole dei dottori, generalmente al computer, utilizzando dei fogli elettronici forniti in appositi programmi. Si può trattare...
Lavoro e Carriera

Lavoro: come far valere i propri diritti

E bene essere informati correttamente sul rapporto che deve intercorrere tra il datore di lavoro e il dipendente, ci sono delle norme giuridiche che ci garantiscono i diritti e i doveri che ci spettano. Lavoro: come far valere i propri diritti. Ovvio...
Lavoro e Carriera

Come funzionano le agenzie di lavoro interinale

Per coloro che sono alla ricerca di un impiego le agenzie di lavoro interinale possono rappresentare un valido aiuto. In pratica si tratta di agenzie private che affiancano i centri pubblici per l'impiego e che raccolgono offerte e domande di lavoro a...
Lavoro e Carriera

10 consigli per fare colpo a un colloquio di lavoro

Per trovare lavoro è necessario sempre fare un colloquio mirato ed esporre tutte le proprie capacità. In un colloquio lavoro è importante capire se la persona che si cerca per una determinata posizione, è adatta o meno a ricoprire un posto preciso...
Lavoro e Carriera

Come funziona il Lavoro Occasionale Accessorio

Lavorare è un diritto di tutti, ma spesso trovare lavoro in Italia è veramente difficile. Nascono in questo modo delle categorie di lavoro che permettono anche ai meno agiati di poter lavorare, avendo un discreto guadagno, però non è poi così semplice...
Lavoro e Carriera

Contratto di lavoro intermittente o a chiamata: come funziona

Alcune aziende ed enti privati si avvalgono di lavoratori con contratto di lavoro intermittente o a chiamata in occasione di eventi speciali. A volte, in determinate occasioni e orari, quando l'attività ha bisogno di personale in più, si rivolge ad...
Lavoro e Carriera

Bangkok: come cercare lavoro

Le opportunità di lavoro a Bangkok o in altre zone del Paese, per i cittadini stranieri possono essere interessanti. Quì, si prospettano alcune professioni particolarmente ricercate dove è possibile fare carriera e avere un discreto stipendio. Gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.