Come demolire un'auto con fermo amministrativo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il fermo amministrativo è una particolarissima sanzione che si va ad aggiungere a quella di tipo pecuniaria e che impedisce la circolazione del mezzo per un determinato periodo. Se durante il periodo del fermo si utilizza il mezzo, si rischia di incorrere in multe piuttosto salate. Se invece avete subito questo tipo di sanzione e avete intenzione di demolire il veicolo, dovrete seguire una particolare procedura. Su internet potrete cercare moltissime guide che vi forniranno tutte le informazioni necessarie a comprendere le limitazioni legate a questo tipo di sanzione, ma se invece volete demolire la vostra automobile, allora questa è la guida che fa al caso nostro. Nei passi successivi, infatti, vedremo come fare per riuscire a demolire un'auto con fermo amministrativo.

26

Occorrente

  • Macchina con fermo amministrativo
  • Pagamento debito
36

Effettuate un ricorso al Prefetto entro 60 giorni

In seguito al ricevimento della cartella esattoriale, se non si paga la somma dovuta all'ente creditore, può partire in qualunque momento la procedura del fermo amministrativo, previa comunicazione alla persona debitrice. Ricordate però che è vostro diritto effettuare un ricorso al Prefetto entro 60 giorni dalla notifica della violazione, presentandosi al Comando di Polizia o inviandolo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al Prefetto stesso. Entro 30 giorni potrete, inoltre, ricorrere anche al ricorso giurisdizionale del Giudice di Pace, presentando l'istanza tramite lettera raccomandata con avviso di consegna.

46

Saldate tutti i debiti accumulati

Se avete urgenza di demolire la vostra auto, l'unico procedimento necessario è quello di saldare tutti i debiti accumulati nel più breve tempo possibile, in questo modo anche il demolitore accetterà di rottamare la vostra vettura, perché se la essa è ancora gravata da fermo amministrativo, purtroppo non potrà farlo. Difatti, nessun professionista accetterà di eseguire la demolizione di un mezzo con fermo amministrativo (anche se è stato distrutto dalle fiamme o altro) in quanto egli dovrà consegnare al Pra ogni targa per domandarne la radiazione, ma se la prassi seguita non risulta essere corretta, la risposta che gli verrà data sarà negativa.

Continua la lettura
56

Avviate le procedure per la demolizione

Quindi, nel caso in cui aveste la certezza che sulla vostra auto penda un blocco amministrativo, dovrete recarvi il prima possibile all'agenzia che si occupa di riscuotere le somme dovute, per sapere a cosa corrisponde il vostro debito. Successivamente saldate il debito, per poter ottenere in seguito la cancellazione dal fermo. Si tratta di una pratica che viene gestita dal Pra e ha un costo di circa 100 euro. Dopo una ventina di giorni, vi spediranno a casa tutta la documentazione con la quale potrete avviare le procedure per la demolizione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Difatti, nessun professionista accetterà di eseguire la demolizione di un mezzo con fermo amministrativo (anche se è stato distrutto dalle fiamme o altro) in quanto egli dovrà consegnare al Pra ogni targa per domandarne la radiazione, ma se la prassi seguita non risulta essere corretta, la risposta che gli verrà data sarà negativa.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come obbligare una Pubblica Amministrazione all'esecuzione di una sentenza

Se siete incappati in un atto giudiziario contro una Pubblica Amministrazione e ne siete usciti vincitori, ma i tempi della giustizia italiana sono enormemente dilatati e ancora la sentenza non è stata eseguita, vi è un rimedio che la legge mette a...
Richieste e Moduli

Come fare ricorso al TAR

T. A. R. È l'acronimo di tribunale amministrativo regionale ed ogni comune cittadino può ricorrervi se si sente vittima di un’ingiustizia di carattere amministrativo. In Italia i tribunali amministrativi regionali sono 20, hanno sede nel capoluogo...
Richieste e Moduli

Come fare ricorso per un concorso pubblico

L'accesso al pubblico impiego avviene generalmente per concorso pubblico mediante il quale viene selezionato il personale a cui destinare la titolarità di uffici o assegnare specifiche posizioni organizzative. In relazione a specifici requisiti vengono...
Richieste e Moduli

Come si ricorre al TAR con patrocinio gratuito

Affrontare un processo o ricorrere a mezzi legali è spesso un vero e proprio lusso che non tutti hanno la possibilità di concedersi. Se non si hanno a disposizione mezzi economici sufficienti per sostenere le spese legali di un processo è possibile...
Previdenza e Pensioni

Procedura per fare ricorso per mancato riconoscimento stato di invalidità

Secondo i termini giuridici per invalidità si intende l'incapacità di un soggetto di svolgere le ordinarie occupazioni a causa di qualcosa che incide sulla sua perfetta autonomia. L'incapacità può avere origini da una serie di fattori: incidenti sul...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare le fatture da ricevere

Nel corso dell'esercizio le rilevazioni contabili afferenti gli acquisti dei beni o dei servizi vengono registrate all'atto del ricevimento della relativa fattura. Alla fine dell'esercizio, nel momento della chiusura dei conti, si possono presentare delle...
Aziende e Imprese

Come organizzare una società per azioni secondo il metodo tradizionale

Sarà capitato a tutti i giovani di avere un progetto da voler realizzare e portare avanti con gli amici. Molto spesso per poterlo fare è necessario mettere su una società. Non sempre è facile districarsi in quest'ambito, sopratutto se si è giovani...
Lavoro e Carriera

Come prepararsi per il concorso in Magistratura

Il concorso in magistratura, come quello in avvocatura, è tra quelli più difficili che un laureato in giurisprudenza possa affrontare. Molti giovani laureati mirano a questo ambizioso traguardo, ma purtroppo solo una piccola parte riesce a raggiungerlo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.