Come dare le dimissioni per giusta causa

Tramite: O2O 24/09/2018
Difficoltà: media
15

Introduzione

A volte, alcuni problemi personali, motivi di salute o cambiamenti nella città possono portare a smettere di lavorare con in conseguente invio delle dimissioni per giusta causa. Sapere come dare le dimissioni e quali sono gli obblighi che il lavoratore ha il dovere di rispettare è molto importante, soprattutto alla luce delle modifiche introdotte nel 2016. In dettaglio, il 12 marzo 2016, a seguito della legge sull'occupazione, è entrata in vigore la legge che obbliga il lavoratore che desidera dimettersi per farlo con mezzi elettronici quindi Online.Ciò vale non solo per coloro che si dimettono, ma anche per la risoluzione concordata decisa d'accordo con il datore di lavoro.Questo vale per i dipendenti di qualsiasi settore privato, ad eccezione del solo lavoro domestico (lavoratori domestici, badanti, baby-sitter, ecc.). Per questi, la procedura è ancora applicata prima che entri in vigore la legge sull'occupazione, quando per presentare le dimissioni era sufficiente presentare la lettera corrispondente in carta al datore di lavoro.Tuttavia, inviare le dimissioni online è molto semplice e, grazie al nostro consiglio, non avrai problemi a farlo.

25

Alcune prassi da seguire per le dimissioni

Con il termine rinuncia, viene definito l'atto unilaterale con il quale un lavoratore subordinato informa la società della sua intenzione di interrompere il rapporto di lavoro prima della naturale scadenza del contratto.A differenza del licenziamento, le dimissioni potrebbero non essere motivate. Tuttavia, per essere riconosciuti come disoccupati e aventi diritto a Naspi, è necessario che le dimissioni siano motivate da una giusta causa.Gli unici obblighi per il dipendente che intende dimettersi, quindi, sono:dare avviso alla società in conformità con i termini indicati dal CCNL pertinente;presentare le dimissioni onlinePertanto, le dimissioni immediate non sono possibili, poiché ci sono dei processi che devono essere osservati in base al ruolo e alla durata del servizio. Per coloro che non lo fanno, è prevista una detrazione salariale pari al salario previsto nei giorni di mancato preavviso.Le motivazioni che possono dar luogo alle dimissioni per una giusta causa di un dipendente sono più di una, quindi nei prossimi passi, le analizzeremo in dettaglio.

35

Dimissioni Online - le motivazioni

Una prima e valida "giusta causa" può essere presa dal lavoratore contro il proprietario della società per mancato pagamento della retribuzione. Questa situazione consente al richiedente di dimettersi, senza necessariamente dare preavviso. Un altro motivo molto importante, che consente di dimettersi per giusta causa, è determinato da eventuali molestie o molestie subite dal dipendente sul posto di lavoro. In questo caso, si tratta di una situazione di non facile sostenibilità, che consente di mettere in discussione la regolamentazione degli statuti e di richiederli senza preavviso, ad eccezione della dimostrazione dei fatti.Anche la richiesta di trasferire un dipendente da un ufficio a un altro dà il diritto di risolvere il contratto, utilizzando la rinuncia per giusta causa, a condizione che vengano presentati validi motivi. Situazioni analoghe possono richiedere entrambe le dimissioni per giusta causa, come la mancanza di rispetto da parte dei colleghi dello stesso livello o superiore, o in caso di vendita dell'impresa, da parte di altri datori di lavoro, che potrebbero non soddisfare le esigenze del lavoratore dal punto di vista economico, raggiungendo il punto di non soddisfare le condizioni ideali presenti nell'origine in occasione dell'accettazione del contratto di lavoro.

Continua la lettura
45

Coclusioni

Una volta riconosciuta la giusta causa, il lavoratore che ha presentato la richiesta di rinuncia ha diritto a un risarcimento sostitutivo nella forma e nei tempi previsti dalla normativa vigente, che regola i rapporti di lavoro.Ovviamente, il lavoratore deve dimostrare la validità della giusta causa, per la quale è necessario presentare all'INPS, la richiesta corrispondente, per ottenere immediatamente dopo l'indennità di disoccupazione. Per far valere i tuoi diritti e non incorrere in gravi errori burocratici (e soprattutto legali), tuttavia, è consigliabile utilizzare il supporto e la consulenza di un Avvocato, un Commercialista o un Consulente del Lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Dare le dimissioni: 5 errori da non fare

Dare le dimissioni non è una cosa semplice. Si tratta, infatti, di una procedura che richiede molta diplomazia ed educazione, nel rispetto del contratto che si va a scindere e dei propri datori di lavoro. Se vi ritrovare a dover rassegnare le vostre...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni online

Dal 12 marzo 2016, grazie al Jobs Act, non è più possibile dare le dimissioni in formato cartaceo. Questo cambiamento importante ha portato i lavoratori a cambiare la procedura in modo radicale. L'unica modalità ammessa da due anni, pertanto, è quella...
Lavoro e Carriera

Licenziamento: differenze tra giusta causa e giustificato motivo

Il lavoro è un diritto di tutti gli uomini. Con la grande crisi economica e lavorativa che tutto il mondo sta attraversando, trovare un impiego stabile che fornisca una retribuzione dignitosa sembra ormai essere un miraggio. Per saperne di più su tale...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni

Molte volte capita che un dipendente debba apporre una firma su un foglio bianco che servirà poi in futuro per le dimissioni dello stesso. In questo modo l'azienda stessa evita tutto il procedimento da compiere per questa situazione senza però trasgredire...
Lavoro e Carriera

Il licenziamento per giusta causa

Il mondo del lavoro oggi sta diventando sempre più difficile e complesso e non tutti conoscono le regole e le leggi che regolamentano il rapporto datore di lavoro-dipendente. Molto spesso si sente parlare di licenziamento per giusta causa, ma non se...
Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: come dare le dimissioni

La moderna legislazione che regola il mercato del lavoro, contempla diverse categorie di collaborazioni mediante le quali un imprenditore può avvalersi di forza lavoro. Uno dei tipi di collaborazione sempre più frequente nel mondo del lavoro è quella...
Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Lavoro e Carriera

Come e quando consegnare una lettera di dimissioni

Di questi tempi è difficile trovare il coraggio di presentare una lettera di dimissioni, eppure quando si presentano alcune circostanze particolari, diventa purtroppo inevitabile. In questi casi, la legge italiana, riconosce al lavoratore il diritto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.