Come dare le dimissioni online

Tramite: O2O 28/09/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Dal 12 marzo 2016, grazie al Jobs Act, non è più possibile dare le dimissioni in formato cartaceo. Questo cambiamento importante ha portato i lavoratori a cambiare la procedura in modo radicale. L'unica modalità ammessa da due anni, pertanto, è quella telematica, salvo alcune rare eccezioni che vedremo in seguito. Il concetto non è valido soltanto per le dimissioni ma anche per la rescissione consensuale con il proprio datore di lavoro. Il Jobs Act ha avuto il merito di regolarizzare una situazione che fino a questo momento poteva risultare ambigua e "grigia", soprattutto per il lavoratore dipendente. Nella guida odierna chiariremo tutti gli aspetti fondamentali di questa particolare procedura. Non perdiamo altro tempo, dunque, e scopriamo assieme Come dare le dimissioni online.

29

Occorrente

  • internet
  • pin inps
  • dati anagrafici del datore di lavoro
  • dati anagrafici propri
39

Chi le può presentare

Il primo punto da chiarire all'interno della guida "Come dare le dimissioni online" è, ovviamente, chi riguarda. Il Jobs Act ha sì inserito queste importanti modifiche all'interno del mondo del lavoro ma ha anche specificato le categorie d'appartenenza. Devono presentare la domanda online tutte quelle persone che hanno un lavoro di tipo subordinato nel settore privato, sia che abbiano un contratto determinato che uno indeterminato. Assieme a loro vanno aggiunti i lavoratori che presentano la domanda per il raggiungimento della pensione, anche anticipata. Ma veniamo adesso alle eccezioni. Chi lavora nel settore domestico è escluso dalla procedura delle dimissioni online. Tanto per fare alcuni esempi possiamo citare badanti, colf e collaboratori domestici: per loro valgono ancora le dimissioni in formato cartaceo. Anche chi ha un contratto marittimo, chi lavora come tirocinante e chi frequenta uno stage è esente. Infine aggiungiamo alle eccezioni quei rari casi di dimissioni avvenute dopo riconciliazione stragiudiziale e quelle dei genitori lavoratori nelle DTL (ipotesi di convalida).

49

Dove trovare il modulo

Come dare le dimissioni online? Farlo è molto semplice, basta sapere innanzitutto dove recarsi sul web. Per abbandonare il proprio posto di lavoro e iniziare una nuova vita bisogna visitare il sito internet www.lavoro.gov.it. Una volta entrati, il lavoratore deve cercare la sezione Strumenti e Servizi. Dopodiché basterà cliccare su Dimissioni volontarie per aprire il relativo modulo, che è disponibile sia in tedesco che in italiano. Il passo successivo è quello di accreditarsi con il proprio pin Inps. Se lo avete accidentalmente dimenticato oppure lo avete perduto dovrete richiederlo nuovamente. Potrete avviare la procedura online oppure recarvi personalmente a uno sportello dove vi verrà fornita la prima parte del pin. La seconda vi arriverà direttamente a casa per posta.

Continua la lettura
59

Cosa scrivere

Una volta entrati dobbiamo iniziare a compilare il modulo per le dimissioni online. Il primo punto riguarda la datazione. Se, infatti, il proprio contratto è stato firmato prima del 2008 al lavoratore basterà inserire la propria mail perché tutti i dati risulteranno automaticamente inseriti nel sistema. Se, al contrario, il proprio contratto (a tempo determinato o indeterminato) è stato registrato prima del 2008, si dovranno elencare tutti i dati anagrafici. Al secondo punto del modulo vengono le informazioni riguardanti il datore di lavoro: il suo codice fiscale, la sede dell'impiego, la Pec (posta elettronica certificata) e l'indirizzo e-mail. In ultimo, va inserita la data di decorrenza delle dimissioni. Una volta compilato il modulo basta premere il tasto "Conferma". Immediatamente il lavoratore viene informato con un messaggio che la sua richiesta è stata inviata in modo corretto al datore di lavoro e alla DTL (Direzione territoriale del lavoro di competenza). È possibile stampare il tutto in pdf. La lista "Come dare le dimissioni online è quasi completa".

69

Come recedere

E se ci siamo pentiti di aver dato le dimissioni dal nostro posto di lavoro? A volte potrebbe capitare. Magari abbiamo preso una decisione frettolosa in preda alla frenesia del momento. Beh, sappiate che il rimedio c'è, basta che sia entro determinati tempi prestabiliti. Si può infatti recedere dalle dimissioni online entro sette giorni dall'invio di conferma del modulo al proprio datore di lavoro. Il tasto "Conferma", dunque, non è sinonimo di scelta irreversibile. L'iter è esattamente lo stesso utilizzato per la procedura idealmente chiamata "Come dare le dimissioni online". Per quanto riguarda il datore di lavoro, invece, non potrà alcun modo modificare le dimissioni del proprio lavoratore subordinato. Se lo fa rischia una multa dai 5.000,00 ai 30.000,00 euro.

79

Perché compilare le dimissioni online è sicuro

Chiudiamo questo articolo informativo con una piccola curiosità: perché il Jobs Act ha introdotto l'obbligatorietà delle dimissioni online? Principalmente lo ha fatto per tutelare in modo maggiore il lavoratore subordinato. In molti casi, infatti, al momento della stipula del contratto il datore di lavoro faceva firmare anche le dimissioni in bianco al proprio lavoratore. In questo modo gli sarebbe bastato soltanto inserire la data giusta per liberarsi del dipendente a tempo debito. Non c'è dubbio, quindi, che una scelta del genere abbia reso il tutto decisamente più trasparente e chiaro.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricontrollate più e più volte di aver scritto tutti i dati correttamente
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Dare le dimissioni: 5 errori da non fare

Dare le dimissioni non è una cosa semplice. Si tratta, infatti, di una procedura che richiede molta diplomazia ed educazione, nel rispetto del contratto che si va a scindere e dei propri datori di lavoro. Se vi ritrovare a dover rassegnare le vostre...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni senza preavviso

Anche in controtendenza alle vicissitudini lavorative e alla carenza di occupazione nel nostro Paese è possibile che abbiate necessità di dare le dimissioni dal vostro impiego lavorativo. Tuttavia queste condizioni possono essere eluse o ignorate quando...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni

Molte volte capita che un dipendente debba apporre una firma su un foglio bianco che servirà poi in futuro per le dimissioni dello stesso. In questo modo l'azienda stessa evita tutto il procedimento da compiere per questa situazione senza però trasgredire...
Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: come dare le dimissioni

La moderna legislazione che regola il mercato del lavoro, contempla diverse categorie di collaborazioni mediante le quali un imprenditore può avvalersi di forza lavoro. Uno dei tipi di collaborazione sempre più frequente nel mondo del lavoro è quella...
Lavoro e Carriera

Preavviso di dimissioni: cosa fare per presentarlo

Tra le tante normative che rientrano nel Jobs Act è entrata in vigore anche quella che consente ad un lavoratore di presentare le proprie dimissioni con un preavviso da inviare per via telematica. Tale normativa interessa in particolare quei soggetti...
Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Lavoro e Carriera

Come e quando consegnare una lettera di dimissioni

Di questi tempi è difficile trovare il coraggio di presentare una lettera di dimissioni, eppure quando si presentano alcune circostanze particolari, diventa purtroppo inevitabile. In questi casi, la legge italiana, riconosce al lavoratore il diritto...
Lavoro e Carriera

Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto...