Come dare le dimissioni da amministratore di una società

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

È necessario essere al corrente che l'amministratore delegato di una società rientra nel consiglio di amministrazione di una società. All'amministratore stesso, nello specifico, vengono delegati alcuni importanti poteri. Si tratta di un ruolo abbastanza rilevante, all'interno dell'azienda, dal momento che a tale componente spettano le decisioni più delicate. Può accadere, per un motivo oppure per un altro, che questa figura professionale abbia l'intenzione di dimettersi da questo tipo di incarico. In questa semplice ed esauriente guida, passo dopo passo, vi forniremo tutte quante le indicazioni utili su come dare le dimissioni da amministratore di una società.

26

Comunicazione delle dimissioni


La prima cosa da fare per rassegnare le dimissioni è comunicare all'assemblea questa intenzione. La comunicazione avviene attraverso posta raccomandata con ricevuta di ritorno, e si effettua con un anticipo che permetta alla società di trovare un altro amministratore. L'amministratore dimissionario convoca quindi un'assemblea ordinaria dove indicherà come punto dell'ordine del giorno le proprie dimissioni. A queste seguirà la nomina del sostituto.

36

Presentazione delle dimissioni in assemblea


Durante l'assemblea l'amministratore presenta la lettera di dimissioni e spiega quali sono i motivi che l'hanno indotto a questa scelta. Invia quindi, come già detto prima, la lettera sotto forma di posta raccomandata con ricevuta di ritorno alla società, dove deve riportare anche il termine entro cui le dimissioni diventeranno effettive.
Se il consiglio di amministrazione è composto da tre amministratori, amministratore dimissionario compreso, le dimissioni avranno invece effetto immediato.
Il consiglio comunque rimane in carica e può svolgere le proprie funzioni in maniera valida.
La nomina del nuovo amministratore deve avvenire, in ogni caso, il prima possibile e bisogna sottoporre la ratifica alla prima assemblea utile.

Continua la lettura
46

Dimissioni dell'amministratore unico

Nel caso in cui la carica del dimissionario sia di amministratore unico, le dimissioni non potranno avere efficacia immediata e la sostituzione dovrà essere rimessa all'assemblea. Di conseguenza, l'amministratore dovrà rimanere in carica a tutti gli effetti fino alla nomina di un altro amministratore da parte dell'assemblea.

56

Dimissioni rassegnate dalla maggioranza del consiglio di amministrazione

Nell'ipotesi, invece, in cui le dimissioni vengano rassegnate dalla maggioranza del consiglio di amministrazione, in tal caso di due membri su tre, si renderà obbligatorio comunicare questa variazione direttamente all'Agenzia delle Entrate, nonché alla cosiddetta CCIAA (ossia la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura) e a tutti quanti gli enti e gli organi presso i quali il vecchio amministratore era accreditato.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Amministratore di condominio: nomina revoca

L'amministratore di condominio negli ultimi tempi è diventata una figura fondamentale; questa funzione viene riconosciuta direttamente dal codice civile. L'importanza di questa figura è aumentata sempre di più in quanto è sempre maggiore la realizzazione...
Richieste e Moduli

Come dimettersi dalla carica di amministratore di condominio

Un edificio a più unità immobiliari. Necessita di una figura professionale per mettere tutti coloro che posseggono un appartamento nello stesso ugual piano. Seguendo, naturalmente le quote delle loro relative proprietà e le conosciute tabelle millesimali....
Richieste e Moduli

Come impugnare le delibere condominiali

Almeno una volta all'anno l'amministratore di condominio ha l'obbligo di convocare un'assemblea condominiale. In caso di necessità, si possono effettuare delle assemblee straordinarie. I punti obbligatori sono le dimissioni e la nomina del nuovo amministratore....
Lavoro e Carriera

Come Nominare E Revocare Un Amministratore Di Condominio

L'amministratore è la figura con funzioni esecutive all'interno del condominio in quanto si occupa di amministrare e gestire i beni comuni e di dare esecuzione alle delibere dell'assemblea condominiale. Oltre ad una specifica serie di compiti che la...
Case e Mutui

Come risolvere i problemi in un condominio autogestito

Necessiterebbero di un’amministrazione limitata soltanto a poche settimane all'anno, come ad esempio le palazzine per le vacanze estive. Effettivamente, quando si tratta di pochi appartamenti, è consentito fare a meno della figura di un amministratore...
Case e Mutui

Come Revocare Un Amministratore Di Condominio

L'amministratore di condominio è la persona che ha il potere esecutivo all'interno di un condominio. L'amministratore non instaura nessun rapporto con il condominio in quanto persona non giuridica, ma con i singoli condomini, che invece sono personalità...
Lavoro e Carriera

Come dimettersi da consigliere comunale

il consiglio comunale è l'organo principale dell'ente territoriale comunale. Quest'organo collegiale assume nei vari luoghi (Paesi e città), differenti denominazioni: comune, città, municipio e municipalità. A seconda della popolazione dell'ente...
Case e Mutui

Come cambiare amministratore di condominio

L'amministratore gestisce le criticità di un condominio. Risolve i problemi ed i disguidi per i beni comuni. Mitiga eventuali incomprensioni tra i condomini, trovando un accordo tra le parti. Non sempre però questa figura professionale svolge adeguatamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.