Come Dare Ai Figli Il Doppio Cognome

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In Italia ogni bambino che nasce riceve in automatico il cognome paterno, il quale viene interamente sostituito da quello materno nel caso in cui il padre biologico si rifiuta di riconoscere il proprio figlio. Anticamente, invece, c'era l'usanza, soprattutto nei mobili, di attribuire il doppio cognome ai loro figli, cioè sia quello della mamma che quello del padre. Tuttavia, questo oggi è stato reso possibile grazie ad una legge approvata nel gennaio del 2017, allo scopo di semplificare le pratiche burocratiche; quindi, tutti i genitori che avranno un figlio potranno scegliere di comune accordo di affiancare il cognome materno a quello paterno. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come dare ai figli il doppio cognome

27

Occorrente

  • Codice Civile
  • Conoscenza del diritto privato
  • Pratiche necessarie all'ufficio
37

Decorrenza

La prima cosa che dobbiamo sapere è che qualche anno fa, era addirittura impensabile ed improponibile far adottare al proprio figlio sia il cognome paterno che quello materno, ma oggi con il cambiamento delle leggi, si può ottenere che vostro figlio abbia due cognomi e oltre a semplificare tantissime procedure per i genitori separati o per le persone vedove, questa nuova riforma permetterà ai cittadini stranieri con cittadinanza italiana, di far avere al proprio figlio sia il loro cognome che quello della madre.

47

Richiesta al Prefetto

Se anche vogliamo dunque avvalerci di questa legge, dobbiamo rivolgerci al Prefetto, che non dovrà più ottenere il parere del Ministero degli interni, ma potrà di certo agire direttamente e la concessione affissa nell'albo pretorio, consentirà a chiunque per qualsiasi motivo sia interessato, ad opporre un'opposizione entro 30 giorni dall'affissione. Anche se l'adozione del doppio cognome può sembrare a prima vista strana, questa modifica si rende necessaria perché semplifica diverse pratiche.

Continua la lettura
57

Cambio del cognome

Se invece siamo divorziati e già da molto convolati magari a giuste nozze anche con un'altra persona, potremo di certo anche far assumere a nostro figlio il cognome del patrigno; ma attenzione: perché su questo difficile argomento, se ne sono dette davvero tante! Il prefetto, infatti, concederà questa domanda solo ed esclusivamente se il padre effettivo del bambino metterà per iscritto la sua non-opposizione; mentre se quest'ultimo, cioè il padre effettivo, per qualsiasi altro motivo potesse esserci, ha perso la patria potestà sul minore, la richiesta verrà accolta in modo automatico senza dover avere di certo il suo permesso di poter eseguire questa domanda.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Vi consigliamo di leggere gli articoli 231-290 del Codice civile
  • Potete consultare tranquillamente un consulente affinchè possa spiegarvi meglio del codice civile come è possibile ottenere due cognomi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come cambiare il cognome

Cambiare il cognome d'origine richiede un iter burocratico lungo. Tante sono le motivazioni. In alcuni casi risulta volgare, ridicolo oppure offensivo per la persona. In altri, invece, viene semplicemente sostituito con quello della madre. Ecco dunque...
Richieste e Moduli

Come compilare un atto di notorietà

Ogni giorno abbiamo a che fare con la legge e con i sui rappresentanti, che per un motivo o per l'altro sono chiamati in causa per risolvere questioni spinose e delicate, che altrimenti da soli non sapremmo come risolvere. Tra le varie pratiche che potremmo...
Richieste e Moduli

Come cambiare nome o cognome da minorenni

Appena veniamo al mondo sono i nostri genitori che decidono quale sarà il nostro nome che porteremo generalmente per tutta la vita. Tuttavia questo potrebbe non essere di nostro gradimento per cui potremo tranquillamente sostituirlo con un altro che...
Finanza Personale

Come riconoscere o calcolare il proprio codice fiscale

Ad ogni cittadino italiano viene recapitata una tessera sanitaria che presenta un codice fiscale. Questo codice alfanumerico è importantissimo, dato che serve ad identificare in modo univoco il cittadino e le associazioni. Questo codice è strettamente...
Richieste e Moduli

Come dichiarare la nascita di un figlio

Quando nasce un bambino la legge prevede che ne debba essere dichiarata la nascita. Per far questo il nostro legislatore ha previsto diversi modi per farlo, indicando altresì le persone che possono farlo. Con la dichiarazione della nascita il bambino...
Lavoro e Carriera

Come diventare consigliere provinciale

Un incarico in ambito politico oggi è sicuramente uno dei obiettivi più ambiti in assoluto, sia per l'importanza professionale, sia per motivi strettamente economici. Quindi, perché non tentare la scalata alla vetta politica, in tempi in cui nel nostro...
Finanza Personale

Come scrivere una diffida

La diffida è un atto formale con il quale si intima ad una determinata persona di compiere o non compiere un'azione specifica; se la persona avvertita non intende osservare l'oggetto della diffida rifiutando di mettere in praticare o non mettere in pratica...
Finanza Personale

Come calcolare il codice fiscale su Internet

Il codice fiscale è una serie di sedici simboli alfanumerici che ci permettono di identificare in maniera univoca le persone fisiche abitanti in Italia, esso viene rilasciato dalla Agenzia delle Entrate. Nel passato il codice fiscale veniva riportato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.