Come crearsi un Tfr da soli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il trattamento di fine rapporto, comunemente chiamato Tfr, non è altro che una retribuzione salariale differita, versata dal nostro datore di lavoro nel momento in cui decidiamo di interrompere il rapporto lavorativo. Sia per scelta del datore di lavoro che per nostra scelta personale. Tuttavia, il Tfr nel corso degli anni è stato più volte modificato, come nel 2005 sotto il decreto legislativo n. 252 è stata emanata una riforma di previdenza complimentare, che destina il nostro Tfr ai fondi pensione complementari. Intanto attraverso i passi di questa guida vogliamo darvi degli utili suggerimenti su come crearsi un Tfr da soli.

26

Come abbiamo detto precedentemente, il Tfr, comune trattamento di fine rapporto, ci viene restituito dal nostro datore di lavoro o perché lo decide lui o perché noi abbiamo deciso di licenziarci, magari perché abbiamo travato un altro lavoro che ci soddisfa maggiormente. C'è da dire che, Il Tfr nel corso degli anni ha subito delle ulteriori modifiche, fino ad arrivare nel 2005 sotto il decreto legislativo n. 252 dove è stata emanata un riforma di previdenza complimentare, che destina il nostro Tfr ai fondi pensione complementari.

36

In questo modo, per ogni anno di lavoro, aggiungiamo gli anni frazionati compiuti nel primo e nell'ultimo anno di lavoro. Quindi prendiamo il nostro 6.9% e dividiamolo per 12 per poi moltiplicare il risultato per i mesi compiuti. La formula per il calcolo del Tfr è valido sia per i lavoratori dipendenti privati che per gli impiegati della pubblica amministrazione. Però questa gestione del Tfr è stata cambiata nel 2007 dando vita alla gestione complementare del Tfr. Questo ha permesso ad ogni dipendente di poter gestire il proprio Tfr in base alle proprie necessità.

Continua la lettura
46

Per poter richiedere l'acconto del Tfr in base alle nostre necessità, è necessario presentare una documentazione che attesti l'assoluto bisogno, ed inoltre il rapporto lavorativo deve avere almeno 8 anni. L'anticipo massimo in questo caso è pari al 70%. Però l'azienda può decidere di erogare un massimo del 10% del Tfr totale di tutti i suoi dipendenti. Quindi se durante l'anno la tua azienda in un anno ha maturato 200 mila euro di Tfr, ma prima della tua richiesta, c'è stato qualcun'altro hanno già richiesto una cifra di 20 mila euro, la tua richiesta potrebbe non essere accettata. Per risolvere questo fastidioso problema, ti basta semplicemente gestire il Tfr in una gestione complementare.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come calcolare l'ammontare del TFR

Il termine di un lavoro dipendente è sempre un problema da affrontare. Se si va in pensione, il distacco è meno grave e anzi non si vede l'ora di godersi un po' di meritato riposo. Ma se si viene licenziati, la situazione diventa più grave, in quanto...
Previdenza e Pensioni

Come stipulare una polizza fondo pensione

Molti Governi fanno ormai affidamento alla previdenza integrativa o complementare per far fronte al mantenimento dell'intero sistema pensionistico. Quest'ultimo viene quindi gestito da privati soprattutto in un momento storico nel quale i bilanci pubblici...
Previdenza e Pensioni

I vantaggi fiscali della previdenza complementare

Le pensioni complementari sono una fonte importante di reddito per molti cittadini italiani ed europei. Siccome il coordinamento della sicurezza sociale non si applica alla maggior parte dei regimi complementari, l'UE ha concordato delle norme speciali...
Previdenza e Pensioni

Fondi Pensione: cosa sono e come funzionano

Nel 1995 venne varata la “Riforma Dini”. Anche detta “Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare”, essa apportò un profondo cambiamento nel sistema previdenziale italiano. Venne a crearsi una forte differenza in termini di...
Previdenza e Pensioni

Come garantirsi una buona pensione

Nei tempi odierni, con la situazione economica attuale, il nostro futuro previdenziale può senza dubbio definirsi a rischio. Si discute spesso sull'incertezza economica e lavorativa che da anni ricade sul nostro paese, e questa difficoltà si ripercuote...
Previdenza e Pensioni

Pensione: il sistema a contribuzione definita

Il perdurare, in Italia, di una situazione economica tutt'altro che rosea ha fatto sì che, al sistema pensionistico tradizionale, si affiancasse un sistema complementare, non obbligatorio, che consiste nella possibilità di aderire ad un sistema a contribuzione...
Previdenza e Pensioni

Fondi pensione: come fare per trasferimento e riscatto

La crisi economica che si sta protraendo e le ultime riforme in merito di previdenza hanno fatto sì che sempre più persone abbiano deciso di creare dei fondi di pensione alternativi. Purtroppo però, la recessione che non allenta la morsa ha obbligato...
Previdenza e Pensioni

Cos'è e come si ottiene il modello RED

L'universo del fisco è un ambiente per certi versi oscuro ed insidioso. Le scadenze e gli adempimenti sono molti e non sempre è facile districarsi nei vari meandri della burocrazia che riguarda questo particolare campo. Ed allora eccoci a fare chiarezza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.